.:: Home Page : Articoli : Stampa
I PARLAMENTARI TAGLIATI E IL RISCHIO AUTORITARISMO, scambi di opinioni Travaglio - Grandi
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  02/08/2019  16:22:33, in Politica, letto 789 volte
Botta e risposta

I parlamentari tagliati e il rischio di autoritarismo

(Alfiero Grandi - Marco Travaglio su Il Fatto Quotidiano 02 agosto 2019)

Caro Marco Travaglio, per una volta non la pensiamo allo stesso modo. Mi riferisco alla riduzione dei parlamentari. Che può essere affrontata, ma con serietà, non con le ridicole motivazioni della riduzione dei costi e tanto meno di una maggiore funzionalità del Parlamento, che avrebbe bisogno di fare cessare la grandinata dei decreti legge, dei [Ö] [scarica file in pdf]


Replica di Alfiero Grandi alla risposta di MarcoTravaglio

Caro Marco, e' un diritto di ciascuno di noi ritenere o meno sensata una posizione, lo e' per te come per me, ovviamente la mia e' diversa dalla tua. A mio avviso sottovaluti la differenza tra un pasticcio e una riforma, questa per me e'  un pasticcio pericoloso e penso di poterlo dimostrare. 
Aggiungo che non esiste una diversita' abissale nei numeri delle camere basse: Italia 630, rapp 1,0, Francia 577, rapp 0,9, Germania 709, rapp 0,9, Gran Bretagna 650, rapp 1,0 basta consultare il dossier della Camera. 
Sulle camere alte la situazione e' storicamente diversificata e l'Italia ha un bicameralismo paritario che altri non hanno, a me sembra semmai questo il punto non il numero dei senatori che e' inferiore alla Francia, paragone tuttavia complicato.
La questione non e' il numero in se' ma come si fa la riduzione e perche', del resto anche tu auspichi correzioni con la legge elettorale che pero' e' gia' stata approvata e dice esattamente il contrario di quanto tu auspichi. Sulle preoccupazioni per il futuro confermo le preoccupazioni, sarei felice fossero solo ubbie personali. Quindi resto della mia opinione 
Alfiero Grandi