Immagine  
"
Se le finestre della casa sono molte, diminuisce la tranquillità, ma aumenta la sua luce.

Alì Al'Khawwas
"
 

.:: Home Page
 
.::Pubblicato in data:  07/10/2020 in Politica, letto 130 volte

articolo di Alfiero Grandi su  www.transform-italia.it del 7 Ottobre 2020

Una riflessione sullo stato della nostra democrazia non può che iniziare da un quadro più complessivo. Da tempo vengono osservati altri paesi per i quali sono stati coniugati nuovi termini come “democratura”, cioè forme istituzionali che intrecciano forme della democrazia, come elezioni più o meno libere, con altre tipiche di un governo accentrato in èlite ristrette e di una burocrazia strutturata che garantisce che le strutture dello stato siano al servizio del potere, fino a comprimere libertà democratiche individuali e le associazioni autonome, a volte superando i limiti delle garanzie basilari e attentando alla vita stessa.

Diversi paesi come la Russia, la Turchia possono essere inclusi in questo blocco e purtroppo l’elenco sta crescendo perchè i poteri economici e finanziari dominanti hanno un occhio di riguardo per queste situazioni, a cui chiedono garanzie ma si guardano bene dal sollevare questioni di libertà e di democrazia. Finanche la Cina in certe fasi è stata guardata con ammirazione.

Altri paesi mantengono l’impianto democratico ma sono guidati da una maggioranza settaria ed escludente, che tende a uniformare il ruolo dello stato e delle strutture pubbliche alla sua ideologia discriminatoria. La conquista della maggioranza viene fatta coincidere con l’occupazione ideologica dello stato, rimettendo in causa conquiste e diritti fondamentali. In questo novero rientrano Polonia, Ungheria, ecc. dando vita ad una sorta di dittatura della maggioranza che non si fa ritegno di considerare le proprie opinioni le uniche che hanno diritto di esistere e comprimendo autonomia della magistratura e dell’informazione. Anche questa versione, che cerca di mantenere un equilibrio tra mano libera nello sconvolgimento all’interno e relazioni internazionali basate su convenienze, è in crescita e ha un ampio insediamento nei paesi dell’est...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  30/09/2020 in Politica, letto 94 volte
(articolo di Alfiero Grandi su www.jobsnews del 30/09/20)

Siamo ancora in tempo a batterci per la democrazia costituzionale e parlamentare

Il punto più dolente della campagna per il No è stato di non essere riuscito a contrapporre alla campagna populista scagliata contro il parlamento una posizione contraria altrettanto forte, capace di smuovere un immaginario di massa sulla base della convinzione che questo parlamento può e deve essere spinto ad impegnarsi per fare uscire l’Italia dalla crisi causata dalla pandemia, malgrado un sistema di elezione sbagliato e una qualità inadeguata della sua composizione. Il futuro parlamento, ridotto di numero e meno rappresentativo avrà difficoltà ancora maggiori a svolgere questo ruolo, oggi decisivo per il futuro del nostro paese. La lontananza da un impegno nel referendum di settori sociali fondamentali come il mondo dei lavori e della sua rappresentanza sindacale ha certamente indebolito la credibilità di un impegno per spingere il parlamento alla consapevolezza della necessità che svolga fino in fondo il suo ruolo. Il No ha pagato lo scotto di questo stare a guardare. Purtroppo questa disattenzione del mondo dei lavori e dei sindacati rischia di essere pagata pesantemente proprio da questo stesso mondo, che è rimasto ad assistere senza entrare in campo, tranne apprezzabili eccezioni, e oggi ha meno spazio di intervento di prima.

Il risultato del referendum è netto: 70% per il Sì, 30% per il No. Certo, se si pensa al punto di partenza (la previsione di un 90 a 10) e alle tante iniziative per condizionare il risultato (election day, campagna elettorale accorciata, ecc.) il risultato finale non è affatto disprezzabile. Anzi, è la conferma che la campagna del No ha costretto il Sì a impegnarsi, perché il risultato non era più così scontato, a differenza dell’inizio. La democrazia ci guadagna quando il confronto politico tra le posizioni obbliga tutti ad impegnarsi e porta ad un aumento dei partecipanti al voto, in particolare se si tratta di Costituzione. Purtroppo, l’accorpamento di più elezioni nelle stesse giornate ha nascosto largamente il valore di una scelta che ha modificato in modo non marginale la Costituzione e la maggiore partecipazione al voto è stata condizionata da questa scelta di mascheramento, la differenza tra regioni è evidente. Anche l’articolazione dei risultati del No tra centri urbani grandi e piccoli, tra aree socialmente diverse e tra aree del Nord e del Sud ha un significato politico e sociale rilevante, anche se non è arrivato ad invertire il risultato finale.

Il risultato del referendum porterà tra qualche tempo (difficile dire quando con precisione) gli elettori a votare per eleggere 400 deputati e 200 senatori. Se il parlamento non sostituirà rapidamente la legge elettorale fatta approvare da Calderoli per conto della Lega nel maggio 2019, già in vigore, approvandone una nuova che la sostituisca, i contraccolpi negativi del taglio del parlamento si faranno sentire pesantemente. Certo, per arrivare alla nuova legge elettorale sono in programma altre modifiche della Costituzione, definite quando le sinistre hanno capovolto la loro posizione precedentemente contraria. Ad esempio, occorre decidere se il Senato così rimpicciolito continuerà ad essere eletto su base regionale. Questo sancirebbe di fatto un sistema elettorale ipermaggioritario, con soglie del 25-30% nelle regioni più piccole, qualunque sia la soglia di accesso formalmente prevista dalla futura legge elettorale...

Continua a leggere...

 
(articolo di Alfiero Grandi su www.jobsnews del 19/09/20)

Diciamo con chiarezza che se per fare passare la modifica di un punto decisivo della Costituzione occorre “promettere” altre modifiche vuol dire che quella che viene portata al voto domenica e lunedì è un pasticcio che non convince fino in fondo nemmeno chi dice di sostenerla

Senza l’iniziativa del No il taglio del parlamento sarebbe passato sotto silenzio e le elettrici e gli elettori si sarebbero accorti degli effetti troppo tardi, a cose fatte.

Proprio chi ha voluto il taglio del parlamento, che è un pesante colpo al suo ruolo e porterà ad un suo ridimensionamento a favore del potere del governo di imporre le sue scelte e dei poteri economici e finanziari che da tempo tentano di ridurre il potere del parlamento, non solo in Italia, di accentrare le scelte decisionali, di renderle nascoste agli occhi della maggioranza dei cittadini e non controllabili.

Solo l’azione del parlamento, con le sue leggi, potrebbe riuscire ad avere un potere di controllo e di decisione sui poteri e portare a sintesi le diversità territoriali e sociali. Durante la pandemia abbiamo capito tutti che occorre un forte ruolo nazionale per garantire a tutti i cittadini, ovunque risiedano, gli stessi diritti effettivi, ma se dovesse uscire ridimensionato il parlamento, per la vittoria del Si, non solo nel numero ma soprattutto nel prestigio e nel ruolo, tutto sarà più difficile...

Continua a leggere...

 

(articolo di Alfiero Grandi su www.jobsnews del 11/09/20)

La scelta del Pd era preannunciata, quindi nessuna vera sorpresa. Purtroppo è una decisione che crea ancora più confusione.  L’ansia di trovare giustificazioni alla decisione di schierarsi per il Si al referendum, dopo avere votato Si nel quarto voto alla Camera capovolgendo le tre precedenti votazioni contrarie, porta a giravolte senza fine e ancor meno convincenti. Peggio il tacon del buso come dicono in Veneto. La proposta ventilata dalla direzione del Pd di lanciare una iniziativa per superare il bicameralismo omogeneo tra Camera e Senato, paradossalmente, conferma che il taglio del parlamento che si voterà il 20/21 settembre è ancora più incomprensibile e inaccettabile, in quanto non è detto che i correttivi migliorino la situazione. Prima il Pd e LeU hanno chiesto dei contrappesi al voto sul taglio del parlamento, con l’impegno di approvare una nuova legge elettorale e apportando altre modifiche alla Costituzione. Ora, non solo dopo un anno è sostanzialmente tutto fermo e la confusione sotto il cielo è grande, ma si cerca di compensare questo blocco, di fatto, oltre che con impegni a parole del tipo faremo questo e quello con una nuova proposta che investe il ruolo della Camera e del Senato, quindi una ulteriore modifica della Costituzione.

Così si delinea un futuro di continue modifiche della Costituzione per aggiustare (il taglio del parlamento) quello che aggiustare non è possibile.

Era già difficile per Pd e LeU giustificare un capovolgimento di posizione, dal no al sì, ora la confusione diventa massima. Se erano queste le vere intenzioni perché semplicemente non si è preteso di cambiare la proposta voluta fortemente dai 5 Stelle e da questi imposta all’attuale maggioranza? Cambiare fin dall'inizio in parlamento il testo avrebbe allungato di qualche mese, ma almeno sarebbe stata risparmiata al paese dopo oltre un anno la commedia delle modifiche richieste e mai arrivate. Del resto il testo del taglio del parlamento è stato sostanzialmente concordato durante il governo Conte 1 tra Lega e M5Stelle e non si vede perché cambiando la maggioranza con l’ingresso del Pd e di Leu non era possibile concordare un nuovo testo, inserendo da subito le modifiche in modo comprensibile.  Naturalmente anche un testo modificato poteva risultare inaccettabile ma almeno tutte le carte sarebbero state sul tavolo e il giudizio sarebbe stato più lineare. Invece così siamo arrivati ad un pasticcio in cui non ci sono veri punti fermi se non il taglio del parlamento, del quale sarebbero beneficiari solo i 5 Stelle, o almeno così pensano loro.  Questa ansia di cambiare qualcosa è solo la conferma che il taglio del parlamento è semplicemente sbagliato. Per fortuna il risultato del referendum può ancora bloccare questa proposta e consentire di discutere dopo la bocciatura di questa manomissione della Costituzione serenamente di come rilanciare il ruolo del parlamento nel nostro assetto costituzionale...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  07/09/2020 in Politica, letto 797 volte
(artiolo di Alfiero Grandi sul Domani 2 settembre 2020)

Con la vittoria del Sì al referendum di settembre, l'Italia si troverebbe con un assetto istituzionale squilibrato e con camere meno capaci di arginare il governo
  • Per decidere come votare al referendum costituzionale del 20 e 21 settembre bisogna valutare se la riforma intende ristabilire il ruolo del parlamento o se si intende contribuire al suo definitivo ridimensionamento.
     
  • Il Movimento 5 stelle, primo promotore del taglio, non ha mai trovato altri argomenti che il risparmio dei costi, un risparmio che però tutti sanno essere irrisorio.
     
  • Chi promette maggiore efficienza, non spiega da dove questa dovrebbe arrivare: i patti di coalizione per una modifica della legge elettorale e dei regolamenti parlamentari non sono stati rispettati. Nell'attesa, dopo il taglio l'Italia si troverebbe un assetto istituzionale sbilenco.

Nella discussione sul taglio del parlamento troppi sembrano dimenticare che ogni iniziativa dovrebbe dichiarare il proprio obiettivo. Il punto centrale per decidere come votare al referendum costituzionale del 20 e 21 settembre è stabilire se la riforma intende ristabilire il ruolo del parlamento, oggi purtroppo in crisi di credibilità, o se si intende contribuire al suo definitivo ridimensionamento...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  07/09/2020 in Poltica, letto 578 volte
 
.::Pubblicato in data:  20/08/2020 in Politica, letto 850 volte

(articolo di Alfiero Grandi pubblicato dal Il Fatto Quotidiano il 20/8/20)

Nota di presentazione:

Preferisco inviare a chi interessa la versione originale dell'articolo che non si rivolgeva, come si può vedere sotto, al direttore del Fatto Marco Travaglio, ma più semplicemente utilizzava lo spazio chiesto al quotidiano e concesso dal direttore per esporre le ragioni del No.

L'escamotage "caro direttore " aggiunto in capo all'articolo è servito a Travaglio per intrecciare nel suo fondo una polemica astiosa, non gradevole sul piano personale, ma soprattutto con ironie e giudizi fuori luogo sul merito dell'articolo che espone semplicemente gli argomenti a favore del No.

L'obiettivo del mio articolo era portare sulle pagine del Fatto posizioni che finora non hanno avuto ospitalità perchè il quotidiano sostiene esplicitamente il Si e vi compaiono solo queste posizioni.

Travaglio ha scelto, purtroppo, di rispondere con una stroncatura dell'articolo, tradendo un nervosismo esagerato sul referendum costituzionale. Alla matita rossa e blu usata a sproposito, tra cui falsi che vede solo lui, si può rispondere con Totò: ma mi faccia il piacere.

Per sostenere le ragioni del No, di cui sono convinto, scriverei su qualunque giornale, le conseguenze non mi interessano.

 


 

TAGLIO PERCHE' NO (titolo del quotidiano)

Le ragioni del referendum costituzionale sono quasi ignote.

Sull'onda di un populismo montante è stato individuato nel taglio dei parlamentari l'obiettivo principale. E' vero: i parlamentari non hanno fatto molto per dimostrare che il loro ruolo è decisivo per la democrazia, arrivando a votare la legge per il taglio del 36,5% del parlamento per opportunismo, per incapacità di opporsi, per obbedienza ai capi. Forse pensando possa essere un deterrente per far durare questa legislatura...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  14/08/2020 in Politica, letto 846 volte
(articolo di Alfiero Grandi su Il Manifesto del 14/08/20)

Le ragioni del No. Nel prossimo referendum la scelta è tra ridare credibilità alla rappresentanza dei cittadini o dare un altro colpo al ruolo del parlamento

I parlamentari che hanno chiesto bonus legati alla pandemia, destinati a chi è stato colpito duramente, non hanno scusanti. I partiti e gli organi parlamentari debbono prendere severi provvedimenti altrimenti si assumeranno la responsabilità di lasciare campo libero alla deriva populista. Questi comportamenti inaccettabili contribuiscono alla caduta di credibilità del parlamento ma occorre il coraggio di reagire all’antipolitica...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  07/08/2020 in Politica, letto 986 volte
(articolo di Alfiero Grandi su www.jobsnews e www.strisciarossa.it del 07/08/20)

C'è agitazione nel Pd sul referendum sul taglio del parlamento. Forse si rende conto in ritardo che la maggioranza di cui fa parte ha deciso di votare per il referendum il 20/21 settembre, con uno strappo istituzionale che mischia il voto per cambiare la Costituzione con quello per Regioni, Comuni e supplettive parlamentari. Tanto è vero che c' è voluta una nuova legge che rendesse possibile fare ciò che in 70 anni non è mai accaduto...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  31/07/2020 in Politica, letto 899 volte
Invito a visitare il sito del Comitato per il No al taglio del parlamento, costituito in vista del prossimo
referendum costituzionale del 20-21 settembre 2020
https://www.noaltagliodelparlamento.it/


 
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (2)
Pace (1)
Poliitica (2)
Politica (266)
Poltica (1)
Pubblicazioni (13)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Ultimi commenti:
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERT...
07/10/2020  21:10:10
.:: Alesi
Ciao signore e signori.Sono un...
01/10/2020  16:48:11
.:: Jean-Pierre
Sono un uomo d'affari svizzero...
01/10/2020  16:45:22
.:: Jean-Pierre
Buonasera a tutti: sono una pe...
01/10/2020  16:43:25
.:: Jean-Pierre
Buonasera a tutti, mi chiamo P...
01/10/2020  16:42:28
.:: Jean-Pierre



Titolo



Ci sono 733 persone collegate