Immagine  
"
Se le finestre della casa sono molte, diminuisce la tranquillità, ma aumenta la sua luce.

Alì Al'Khawwas
"
 

.:: Home Page
 
La campagna elettorale sul referendum costituzionale di ottobre è stata concepita da Renzi come un’arma di “distrazione” di massa. Con l’obiettivo di distrarre l’opinione pubblica dal temuto risultato negativo del Pd nelle elezioni comunali, per evitare il contraccolpo della sconfitta sulla tenuta del governo e sulla sua leadership. Questa strategia di distrazione dell’opinione pubblica ha […] scarica file in pdf
 
.::Pubblicato in data:  27/06/2016 in Politica, letto 180 volte
Il referendum costituzionale di ottobre e i referendum abrogativi nel 2017. Chi pensa che la Costituzione vigente sia obsoleta dovrebbe proporre di cambiarne l’assetto in modo esplicito. Con le riforme approvate, l’unica camera pienamente decidente sarà subalterna al governo e avrà il compito di ratificarne le scelte. I prossimi referendum sono una battaglia che non si può evitare: è una battaglia decisiva per la nostra democrazia.
 
La sinistra ha partecipato alle competizioni referendarie, a volte ha contribuito in modo determinante a vincerle, ma non ha avuto un rapporto lineare con questo strumento, mai interamente inserito in una strategia di partecipazione democratica.
Lo strumento referendario previsto dalla Costituzione è certamente da valutare con attenzione per le sue potenzialità, per gli aspetti controversi, per i problemi che apre. Le conseguenze dei referendum, se non previste o almeno affrontate, possono essere molto diverse da quelle immaginate.
Il referendum è uno strumento di forte semplificazione e quindi è un cuneo capace di determinare un cambiamento della situazione esistente, anche radicale. In molti casi apre spazi che richiedono risposte politiche e che lo strumento referendario in quanto tale non è in grado di dare.

Costituzione obsoleta? Il dovere di dichiararlo
Distinguerei due grandi campi referendari. Uno riguarda le modifiche della Costituzione. Per tutta una fase gli interventi sulla Costituzione si riferivano ad aspetti compatti, che l’elettore poteva valutare senza troppa fatica nelle conseguenze. Qualche decennio fa è iniziata una spinta a modificare insieme più aspetti della Carta costituzionale, spesso molto eterogenei. In parte per iniziativa della destra di origine neofascista, che si sentiva esclusa dalla Carta nata dalla Resistenza, e quindi ha premuto per partecipare alla costruzione di una nuova Costituzione. In parte per iniziativa della parte maggioritaria della sinistra, che ha accettato o promosso commissioni bicamerali come strumento per rivedere contemporaneamente molti aspetti della Costituzione...

Continua a leggere...

 
Il 4 luglio le firme raccolte per i due referendum sull’Italicum saranno consegnate in Cassazione. Il 14 luglio la consegna riguarderà le firme per il referendum contro le deformazioni della Costituzione. Purtroppo non è stata possibile una piena coincidenza di date perché le modifiche della Costituzione sono state pubblicate solo il 15 aprile, data da […] scarica file in pdf
 
.::Pubblicato in data:  21/04/2016 in Pubblicazioni, letto 244 volte

La Costituzione bene comune

a cura di Alfiero Grandi, Alessandro Pace

Contributi di: Gaetano Azzariti, Felice C. Besostri, Lorenza Carlassare, Gianni Ferrara, Domenico Gallo, Stefano Rodotà, Massimo Villone, Gustavo Zagrebelsky

 





 ...

Continua a leggere...

 

CLICCA QUI PER FIRMARE LA PETIZIONE SULLA PIATTAFORMA CHANGE.ORG

Manca ormai solo il voto della Camera ad aprile per l'approvazione di una
revisione costituzionale che riduce il Senato a un'assemblea non eletta dai
cittadini e sottrae poteri alle Regioni per consegnarli al governo, mentre
scompaiono le Province. Potevano essere trovate altre soluzioni,
equilibrate, di modifica dell'assetto istituzionale, ascoltando le
osservazioni, le proposte, le critiche emerse perfino nel seno della
maggioranza. Si è preferito forzare la mano creando un confuso pasticcio
istituzionale, non privo di seri pericoli. La revisione sarà oggetto di
referendum popolare nel prossimo autunno, ma la conoscenza in proposito è
scarsissima. I cittadini, cui secondo Costituzione appartiene la sovranità,
non sono mai stati coinvolti nella discussione...

Continua a leggere...

 
L’iniziativa dell’11 gennaio è riuscita molto bene, ci ha fornito indicazioni importanti. La risposta che abbiamo dato presentando il Comitato per il No nel referendum costituzionale è stata ad un ottimo livello di credibilità grazie al ruolo svolto dal presidente Alessandro Pace e dagli altri oratori (Besostri, Carlassare, Ferrara, Azzariti, Rodotà, Villone, Zagrebelsky), tanto che abbiamo spinto altri (centro destra e centristi) a costituire il 20 gennaio un loro comitato.

La presenza di più Comitati per il No consente a ciascuno dei raggruppamenti di rivolgersi a sensibilità culturali e politiche diverse, senza cadere in mediazioni defatiganti, forse impossibili...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  28/01/2016 in Politica, letto 714 volte
Articolo di Alfiero Grandi comparso su diversi blog

La campagna referendaria e’ partita.

Consapevole o meno Renzi, con la sua affermazione che il suo futuro personale e’ legato all’esito del referendum sulle modifiche costituzionali, contribuisce a destare interesse per un appuntamento politico che molti elettori neppure sapevano ci sarebbe stato. Naturalmente sovrapporre il suo destino all’esito del referendum da parte di Renzi e’ strumentale, per mettere il merito del referendum in secondo piano, per sfuggire alle accuse di stravolgere la Costituzione nata dalla Resistenza...

Continua a leggere...

 

Crisi dell'Unione europea e sinistra

 La strage di Parigi sta già condizionando pesantemente il futuro dell'Europa e questo dopo il terremoto dell'ondata migratoria e le ferite provocate dalla crisi economica più lunga e grave dal 1929. Ferite tuttaltro che risanate...

Continua a leggere...

 
.::Pubblicato in data:  09/11/2015 in Politica, letto 405 volte

(Articolo di Alfiero Grandi pubblicato su vari blog)

La costituzione il 29 ottobre del Comitato che sosterra' il No nel referendum confermativo sulle modifiche della Costituzione, che sono state fortemente volute dal governo Renzi e purtroppo approvate dal Senato, e' una scelta politica netta. Il Senato ha approvato queste modifiche senza ascoltare gli appelli a non manomettere la Costituzione nata dalla Resistenza provenienti da costituzionalisti, giuristi e in generale persone che semplicemente pensano che i principi fondamentali su cui si regge la democrazia in Italia dovrebbero essere affrontati con la prudenza e il rispetto che meritano...

Continua a leggere...

 
E' possibile una svolta democratica per l'Europa?
Venerdì  20 novembre dalle ore 9,30 alle ore 17,30
Sala Fredda, via Buonarrroti 12


L' Europa e' attraversata da una crisi profonda. I "5 Presidenti" avanzano le loro proposte. E' possibile una vera discussione partecipata che coinvolga istituzioni, soggetti politici e sociali, opinione pubblica? Puo' esserci una proposta alternativa  a livello europeo che leghi democrazia e questione sociale? Il momento per farsi sentire è adesso, le proposte dei 5 Presidenti riaprono la discussione sull'assetto istituzionale europeo attuale anche se in sostanza ripropongono nel merito le politiche fallimentari di questi anni...

Continua a leggere...

 
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (135)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016

Ultimi commenti:
Hai bisogno di un prestito? Se...
29/07/2016  03:50:21
.:: ELITE FINANCE
Ciao Mr / MrsSiamo un'associaz...
28/07/2016  13:00:33
.:: aline guiseppe
CiaoState cercando un prestito...
26/07/2016  20:54:42
.:: Peter
Sei alla ricerca di un prestit...
25/07/2016  06:22:08
.:: freeman finance
Avete bisogno di un industrial...
25/07/2016  04:11:25
.:: Mr Dékány



Titolo



Ci sono 323 persone collegate