.:: Home Page : Articoli : Stampa
Congresso DS - Grandi: Convincente proposta Caldarola
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  12/01/2007  17:48:25, in Politica, letto 1800 volte

“Sono d’accordo con Caldarola, uniamo le forze per condurre insieme la battaglia congressuale”.

La proposta di Caldarola è convincente per ragioni politiche ben precise.

Il prossimo congresso Ds deve scegliere una prospettiva di fondo. C’è in campo la proposta di dare vita, per fusione fredda tra Ds e Margherita e, più per forza d’inerzia che per convinzione, al partito democratico.

In questi mesi, chiunque abbia avuto voglia di attenersi ai fatti ha constatato che i nodi politici principali sono irrisolti: collocazione internazionale e laicità innanzitutto, ma anche concezione del ruolo del lavoro nell’economia e nella società, qualificazione ambientale intesa come vincolo e obiettivo che deve guidare lo sviluppo, che deve essere governato e qualificato da una politica innovativa.

Oggi, tutto o quasi,  spinge alla riaffermazione, in termini innovativi e moderni, dell’esigenza di affermare il ruolo di una forza di sinistra e socialista. Forza di cui i Ds dovrebbero puntare ad essere il motore principale.

Altre concezioni riformiste sono interlocutori indispensabili, con i quali dialogare e rafforzare l’alleanza nell’Unione. Un partito, però, deve, o dovrebbe, avere un ruolo ben diverso.

E’, partendo, da questa diversità che il prossimo congresso è chiamato a scegliere tra chi propone di superare i Ds, e quindi alla fine opera una scelta, sia pure al termine di un percorso, e chi propone di esaminare con coraggio limiti e debolezze della sinistra e dei Ds, ponendo l’obiettivo di rilanciare il ruolo di una forza di sinistra, socialista, e, quindi, di parte integrante del Pse, pur riconoscendo la sensibilità, il valore e il ruolo di altre esperienze.

Poiché, sono due, essenzialmente, le scelte di questo congresso, sarebbe preferibile ridurre a 2 le posizioni su cui le iscritte e gli iscritti dovranno scegliere.

Ci sono naturalmente anche sensibilità diverse, ma queste potranno essere esaminate, in buona parte, dopo che il congresso avrà sciolto il nodo principale. Mi auguro sinceramente che questo percorso congressuale comune diventi realtà.