.:: Home Page : Articoli : Stampa
Sicuri sgravi ICI se ritmo entrate dura
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  13/04/2007  11:56:26, in Catasto, letto 2918 volte

AGI. Roma, 11 aprile.

Se le entrate proseguiranno a questo ritmo, cosi' come nel primo bimestre 2007, gli sgravi Ici e sugli affitti saranno sicuramente introdotti. Lo assicura il Sottosegretario alle Finanze Alfiero Grandi interpellato dall'Agi sull'andamento delle entrate che, sottolinea, "hanno anche carattere strutturale". "Se continua con questo ritmo - afferma Grandi - e francamente non c'e' bisogno di dubitarne, ci troveremo a giugno nella condizione di finanziare gli sgravi Ici e le detrazioni per gli affitti, insomma il cosiddetto 'pacchetto prima casa'". Il 'boom' di entrate fiscali riapre il dibattito sull'utilizzo dell'extragettito: per il Sottosegretario all'Economia, a giugno "finita la trattativa con le parti sociali, e quindi definite le risorse per gli ammortizzatori sociali e le pensioni basse" e conosciuto anche l'andamento dell'autotassazione, "avremo le condizioni per finanziare gli sgravi Ici e gli affitti sulla prima casa". Per gli affitti, si tratta di detrazioni Irpef per chi affitta la prima abitazione mentre per l'Ici si discute su una possibile esenzione fino a 100 mq. Sia come sia, Grandi sottolinea che l'operazione 'prima casa' "per essere significativa costera' tra i 2 e i 3 mld". Entro giugno, dovrebbe essere approvata dal Parlamento il ddl delega sulle rendite finanziarie e che delega appunto il Governo ad affrontare la questione della casa: "A quel punto - aggiunge - avremo lo strumento legislativo, e poi anche i soldi. E gli sgravi potranno decollare". Per Grandi, i dati di oggi comportano essenzialmente un "problema" per il centrodestra che "difficilmente potra' continuare a dire che il boom di entrate fiscali e' merito suo". Non solo, ma viene confermato che "le previsioni su lotta ad evasione danno risultati importanti" e che il gettito ha anche natura "strutturale". Ad esempio, sottolinea Grandi, "l'incremento del numero degli occupati di 460.000 unita' in un anno significano un aumento importante anche dal punto di vista contributivo".