Immagine  
"
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima.

Albert Einstein
"
 
.:: Home Page : Articoli
Di ICI e altre storie: non c’è risanamento senza equità
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  18/05/2007  12:37:00, in Catasto, letto 1981 volte

L'Unità 18 maggio 2007

Partendo dalla discussione che si è aperta sull’Ici, vorrei provare a rimettere in fila alcune questioni. Le risorse finanziarie, oggi, disponibili sono limitate. Grazie all’aumento delle entrate fiscali il risanamento finanziario è certo per il 2007, e le risorse ci saranno anche per il 2008. Per ora, quello che resta, dopo avere rispettato il patto di stabilità, è quantificato in circa 2,5 miliardi di euro. Comprendo la tentazione di destinare maggiori risorse, e se fosse possibile sarei totalmente d’accordo, a interventi di sostegno allo sviluppo e per la creazione di una maggiore equità sociale, ma, obiettivamente, sarebbe poco comprensibile utilizzare maggiori risorse oggi, per poi, con la prossima finanziaria, per fare tornare i conti, doverne chiedere la restituzione ai cittadini. Il problema principale non sono i richiami, un po’ sussiegosi, che provengono, in modo ricorrente, da diverse sedi, anche europee, a utilizzare tutte le maggiori entrate esclusivamente per il ripiano del debito pubblico, perché con il 2,3% di deficit nel 2007 e l’l,8% nel 2008 l’Italia può ringraziare con cortesia rutti i suggeritori per i loro contributi di idee, ma poi decidere in piena autonomia seguendo i parametri noti: risanamento, sviluppo, equità. In altre parole, non ci si può limitare al risanamento. Il problema è che il paese farebbe fatica a comprendere un eventuale cambio di atteggiamento nel giro di pochi mesi: prima allarghi i cordoni della borsa, poi li restringi. La questione delle risorse è forse meno difficile da affrontare di quanto può sembrare. Infatti, è possibile che a fine giugno, dopo due mesi importanti per i versamenti delle imposte, l’andamento delle entrate continuino a un buon ritmo, anche grazie al fatto che, piano piano, stanno andando a regime molti strumenti di controllo e di lotta all’evasione. Posso sbagliare, ma prevedo che le entrate a fine giugno andranno bene. Il ritmo di crescita economica, pur ancora insufficiente, è in aumento rispetto alle previsioni e questo fa crescere anche le entrate. Inoltre sono stati fatti pagamenti anticipati che, però, in corso d’anno dovrebbero rientrare nella previsione iniziale e, quindi, anche le uscite non dovrebbero riservare sorprese. E così, se oggi le risorse, non necessarie per il risanamento finanziario, sono circa 2,5 miliardi di euro, potrebbero essere (probabilmente saranno) di più in occasione del Upef e della finanziaria 2008. È inutile, allora, gettarsi sulla spartizione dell’attuale, limitata, disponibilità di risorse perché a fatica basteranno per dare risposte alle attese del tavolo di trattativa aperto con le parti sociali, e a interventi come quello deciso dalla Camera, che elimina, giustamente, il ticket di 10 euro dalle prescrizioni mediche. Aggiungo che l’estensione del cosiddetto cuneo fiscale alle banche, finanziarie, assicurazioni non può e non deve essere finanziato con queste risorse e, quindi, alla fine dovrà essere una sostanziale partita di giro nell’ambito degli stessi settori. Anche per questo il problema lei è stato affrontato, fino a ora, in modo da non interferire, con la trattativa in corso. La Camera sta discutendo un disegno di legge delega che prevede la possibilità per il Governo di ridurre l’Ici per la prima casa, e contemporaneamente fare un intervento a favore di chi ha la prima casa in affìtto. Il disegno di legge delega non prevede, però, attuazioni immediate e automatiche, perché rinvia sostanzialmente alla legge finanziaria 2008 il finanziamento concreto delle misure. Questi interventi di sgravio fiscale sulla prima casa vanno collegati idealmente a un piano di case pubbliche o sovvenzionate, da concedere in affitto a prezzi contenuti, rispetto a livelli «ridicoli» raggiunti nel nostro Paese. È chiaro che parlare di eliminazione dell’Ici sulla prima casa è una cosa diversa da quella di cui si è discusso fino ad ora, e su cui c’è (c’era?) una convergenza tra maggioranza e governo. Eliminare totalmente l’Ici, oltre che costare molto di più, comporterebbe un intervento slegato da priorità sociali nette come quelle indicate dalla lettera di Prodi a favore di coloro che hanno maggiore bisogno. Una riduzione fiscale uguale per tutti, o più ancora, ancorata a livello di redditi medio bassi, avrebbe un carattere di maggiore equità. È bene chiarire, anche, un equivoco sull’aliquota al 20% per gli affitti. Si tratta di una tassazione ridotta a favore di chi percepisce l’affitto, non di chi lo paga, e ha un costo. È una proposta su cui si può ragionare ma a precise condizioni. Anzitutto, non è vero che un’aliquota ridotta porterebbe all’emersione del nero. È una tesi sostenuta in più occasioni ma che dimentica che, per quanto bassa, un’aliquota anche ridotta è sempre più alta di zero, che è l’aliquota dell’eva-sione. Certo di fronte ad un’area di evasione enorme nel settore degli affitti si potrebbe convenire su un «patto sociale di fase», prevedendo misure dra-stiche di lotta all’evasione nel settore e i cui risultati potrebbero essere utilizzati, in quanto ottenuti realmente, per finanziare la riduzione dell’aliquota al 20% per gli affitti, e insieme prevedere una parallela detrazione di imposta più consistente di quella oggi realizzabile per gli inquilini. Pur essendo preferibile in linea di principio che tutti i redditi contribuiscano nello stesso modo al reddito personale, è evidente che il risultato di fare emergere reddito eluso o evaso merita il sacrificio (si spera transitorio) di qualche mediazione. Un intervento di sgravio fiscale sulla prima casa (in proprietà e in affitto) è molto atteso e, per le caratteristiche semplici e concentrate, potrebbe essere parte emblematica della nuova fase della politica economica e sociale del governo, in quanto è certamente un alleggerimento fiscale e potrebbe, senza eccessive difficoltà, essere finalizzato a obiettivi di assoluta priorità sociale. Potrebbe anche non essere difficile realizzare il risultato in modo che i Comuni non vedano contraddetto il loro rapporto prioritario con la fiscalità immobiliare. In sostanza, non si tratta solo di garantire ai Comuni le risorse necessarie, a fronte di eventuali interventi a favore della prima casa, come è ovvio, ma forse anche di individuare modalità tecniche che rendano questo risultato certo, senza interferire con la fiscalità comunale. È chiaro che nella prossima legge finanziaria occorrerà scegliere tra diverse ipotesi sul tappeto. Ad esempio, se non ci sarà lo spazio per un intervento importante sul piano fiscale, occorrerà prevedere almeno misure per eliminare il drenaggio fiscale sui lavoratori e sui pensionati, come non sarà possibile ignorare esigenze prioritarie di intervento nella scuola, nella ricerca e nell’Università. La lista dei problemi non è certo finita qui e questo conferma che, messi in campo gli strumenti legislativi, poi occorre scegliere fino a che punto le disponibilità finanziarie consentono di provvedere alla loro attuazione. Questo è esattamente il terreno di discussione in materia di Id e di casa, e non può essere isolato dagli altri settori di intervento, tra i quali il governo deve decidere priorità e quantità.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
sul cd. pacchetto casa ho una sola osservazione da sottoporle: perchè non ci si rende conto che la introduzione di un'aliquota secca al 20% sui redditi da locazione è midura che si ripagherebbe praticamente da sola nel giro di poco grazie all'emersione del nero e si preferisce invece una misura di riduzione dell'ICI che non ha nessuna valenza dal punto di vista della lotta all'evasione?
.::  francesco  inviato il 27/06/2007 @ 19:13:19
# 2
Una risposta breve. Non è così semplice. Sia per ragioni di contabilità pubblica e relativa sorveglianza europea, sia perchè non è di per sè vero che abbassando le tasse diminuisce l'evasione, occorre prevedere un insieme di misure in grado di garantire il risultato finanziario ed evitare un minor gettito stimato in 1 miliardo e mezzo di euro (3000 miliardi di vecchie lire).Per questo nell'ambito dell'aliquota unica per tutte le rendite finanziarie (per ora accontonata ma che verrà riproposta)è possibile estendere la stessa aliquota anche ai percettori di affitti, naturalmente con le necessarie garanzie di contrasto ad evasione ed elusione per garantire, almeno, che no ci sia perdita di gettito.
cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 04/07/2007 @ 11:59:29
# 3
Your post is a timely contiruibton to the debate
.::  CjSSWRbouneDxpkah  inviato il 17/09/2012 @ 15:11:15
# 4
gRsk5A ucjhqhrkrufz
.::  oCMjdZnPnGtwJhMquH  inviato il 18/09/2012 @ 11:09:59
Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (211)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Ultimi commenti:
Ciao ... Ho un capitale che ve...
23/08/2019  02:55:13
.:: chapelle
Ciao ... Ho un capitale che ve...
23/08/2019  02:54:01
.:: chapelle
OFFERTA DI PRESTITO.Hai bisogn...
23/08/2019  02:18:22
.:: Paul Garry
Ciao, sono Jessica, attualment...
23/08/2019  00:09:55
.:: Jessica
Caro Signore / Signora,Siamo u...
22/08/2019  12:43:15
.:: Manuela



Titolo



Ci sono 139 persone collegate