Immagine  
"
La filosofia non serve a nulla, dirai; ma sappi che proprio perchè priva del legame di servitù é il sapere più nobile.

Aristotele
"
 
.:: Home Page : Articoli
Tasso base 20%, come le rendite
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  22/08/2006  12:35:02, in Interviste, letto 1974 volte

Il Manifesto. Intervista di antonio Sciotto ad Alfiero Grandi

«Tasso base 2O°Io come le rendite) Il fine del governo è ristabilire la progressività del sistema fiscale e la sua equità, minate alla radice dall’esecutivo Berlusconi pagare meno in basso, e, via via, pagare di più in alto. Parte del disegno, inevitabilmente, è il recupero dell’enorme evasione: non solo per ridare allo Stato fondi preziosi (l’imponibile evaso è pari circa al 25% del Pil), ma perché - ancora una volta - «a pagare l’evasione e l’elusione sono le fasce più deboli, che oltre a versare tutto il dovuto ricevono minori servizi, mentre chi si è arricchito può fare da sé, e decide autarchicamente di non pagare». Il sottosegretario all’economia Alfiero Grandi descrive con questi pochi concetti il suo punto di vista rispetto al tema fisco, avvertendo che la tracciabilità - ovvero la possibilità di incrociare i dati per ricostruire il profilo di un singolo contribuente - è un sistema «fondamentale", utilissimo e irrinunciabile perla lotta contro l’evasione: non sarà un «Grande fratello», e non si accanirà solo su una categoria, sugli autonomi. Nel contempo, conferma la volontà del governo di «riscrivere il sistema delle aliquote» (vedi sopra, articolo su Visco), e propone alle parti sociali un «patto» sulla manovra: l’entità dovrà essere stabilita tutta in questa fase e senza chiedere subito rinvii al l'Unione europea, come sostiene il ministro dell’economia Tommaso Padoa Schioppa, ma la sua attuazione si potrà spalmare «in due anni, anche due e mezzo». Entriamo subito nel vivo e parliamo del progetto di riscrivere le aliquote lrpef, già annunciato dal viceministro Visco. Bisogna precisare che siamo in una fase di discussione e che ovviamente ci vorrà un accordo collegiale sui singoli numeri. Di certo c’è l’obiettivo di migliorare le condizioni dei redditi medio-bassi, e questo si può fare innanzitutto con la restituzione del drenaggio fiscale, e poi intervenendo sulle aliquote. L’idea di un 20% che accomuni la fascia più bassa di reddito e le rendite finanziarie è vista nell’ottica di una semplificazione. Quando il governo Berlusconi portò l'aliquota base al 23%, improvvisamente il tfr ha visto la tassazione salire di cinque punti, e i lavoratori in questi anni hanno già lasciato per strada un miliardo di euro. Perle rendite, dobbiamo avvicinarci al 20-21% della media europea. Ecco l’idea di portare tutto al 20%: primo scaglione, tfr, rendite finanziarie. Correggerete anche per i redditi alti la riforma Tremonti? Il secondo modulo di quella riforma è stato un disastro: 6 miliardi di euro regalati ai redditi medio-alti. Quello che ha fatto il passato governo è stato sostituire il criterio della progressività, sancito dalla Costituzione, con quello della proporzionalità. E’ chiaro che riportare il fisco alla progressività vuoi dire far pagare meno i redditi medio-bassi e, in progressione, di più quelli alti. Anche gli scaglioni che stanno in mezzo, oggi, sono iniqui, Soprattutto il secondo, quello compreso tra i 26.500 euro e i 33 mila: improvvisamente l’aliquota passa dal 23% aI 32%. Allora, sempre rimanendo - è la mia idea - su quattro scaglioni, e tenendo conto delle diverse detrazioni, dobbiamo ristabilire l’equilibrio verso i redditi medio-bassi. Questa riforma verrà varata Insieme alla finanziaria di quest’anno? Non credo, perché non basterebbe un semplice restyling. Se, come credo io, bisogna cambiare l’intero sistema, allora dovremmo prenderci almeno un anno. Nell’attuale finanziaria si potrebbero stabilire criteri, e lasciare delle deleghe al governo: come su deleghe, d’altra parte, ha lavorato lo stesso governo Berlusconi. Quanto recuperato dall’evasione, non potrebbe spingervi, come chiedono i sindacati e parte della maggioranza, a rendere più soft la manovra, magari spalmandola su più anni? SI parla di un «patto sociale» su fisco e finanziaria. Penso che ci voglia un vero e proprio patto sociale, che coinvolga tutti i principali soggetti. Il governo non ha una delega in bianco sulla manovra, ne stabilirà i termini confrontandosi con le parti sociali. Questo è ancor più importante in quanto non credo che la finanziaria possa stabilire, per il solo 2007, tutti gli interventi nei termini di investimenti e risparmi. Credo con Padoa Schioppa che si debba stabilire adesso l’intera entità della manovra, e solo dopo, eventualmente rivolgersi alla Ue: ma si possono spalmare gli effetti su più anni, diciamo almeno due o due e mezzo, per verificare ad esempio che interventi come quello perla competitività abbiano dato dei risultati. La misura sul cuneo fiscale non è fatta alla cieca, si deve poter verificare cosa ne verrà, Allora tutte le parli devono presentare oggi le ti- chiesta e i propri impegni, le partite attive e passive che ognuno mette sul tavolo, e lì stabilire subito quello che sarà nei prossimi anni. Dunque se da un lato c’è un giro dl vite su evasione ed elus1one e si innalzano le tasse Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile. sulla rendita, le Imprese che producono - o che dovrebbero disporsi a produrre- cosa si devono aspettare? Alle imprese, a Confindustria, arriva un messaggio preciso: conferma del taglio dei 5 punti di cuneo fiscale, ma nel contempo chiediamo l’impegno che esso abbia un frutto. Che venga indirizzato a chi compete sul piano internazionale e innova, e - concordo in pieno con il ministro Damiano -che vada alle aziende che assumono a tempo indeterminato. C’è anche la proposta del ministro Mussi sul credito di imposta per chi fa ricerca: tema prezioso, essendo oggi minime le risorse investite a questo fine. E gli autonomi, gli artigianI? Ha ragione il centrodestra a dire che state per mettere su un «Grande fratello» tributario? Siete pronti a modificare gli studi dl settore? Gli studi di settore verranno migliorati, affinati. Chi parla di «Grande fratello» o di «accanimento contro il ceto medio» dice una grossa stupidaggine. Noi stiamo estendendo gli attuali poteri di accertamento, indistinta mente per tutti i settori. Non solo il lavoro autonomo evade, come segnala la Cgil di Mestre può esserci evasione anche nelle grosse società di capitali. O ti-a i dipéndenti che fan no un doppio lavoro: solo che, in quest'ultimo caso, bisognerà anche indagare chi dà il secondo lavoro a questi dipendenti, non credo si mettano da soli sul mercato. La «tracciabilità, la possibilità di incrociare i dati, è uno strumento utilissimo e credo che sbagli chi propone altri mezzi in alternativa. Un altro strumento importante, ad esempio, è il cosiddetto «contrasto di interessi»: come avviene negli Stati Uniti, rendere tutte le fatture detraibili in modo da «mettere in contrasto» l’interesse del cliente e del prestatore di un servizio, obbligando il primo a chiedere sempre una fattura al secondo. Principio che abbiamo già recepito con la intermediazione immobiliare per chi vende e chi compra non cambia nulla se dichiara l’entità della ci fra pagata all’intermediario e ne segnala il codice. Ma se non lo fa deve pagare tasse più alte. L’intermediario, a sua volta, può detrarre fino a mille euro, e in futuro potremmo anche alzare questa cifra. Insomma, sono tutti mezzi che spingono alla trasparenza e che non devono certamente mettere in ansia chi dichiara tutto. In definitiva, con le riforme che ci proponiamo, ristabiliamo quell’equità sottratta al sistema dal governo Berlusconi, dando fiducia alle classi medio-basse, aumentandone le capacità di spesa e recuperando l’enorme gettito sottratto ogni anno al l’erario: si parla di un imponibile nascosto pari aI 25% del PII. In 7-8 anni, sarebbe un risultato straordinario portarlo ai livelli euro pei, ovvero 10 punti sotto.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (205)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Ultimi commenti:
Sono un prestatore privato e u...
15/06/2019  22:45:42
.:: James Caver
c
15/06/2019  13:03:19
.:: James Caver
L'ASSICURAZIONE fornisce prest...
14/06/2019  13:05:55
.:: Galibort
Fai la tua richiesta di denaro...
14/06/2019  01:12:58
.:: caleush
Ciao ... Ho un capitale che sa...
11/06/2019  21:38:53
.:: chapelle



Titolo



Ci sono 199 persone collegate