Immagine  
"
Su una parete della nostra scuola c'è scritto in grande I CARE. E' il contrario esatto del motto fascista Me ne frego.

Don Lorenzo Milani
"
 
.:: Home Page : Articoli
Questione operaia. Risposta a Macaluso
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  26/12/2007  17:11:35, in Lavoro, letto 2015 volte

pubblicato su Il Riformista.

Il problema che pone Emanuele Macaluso nel suo intervento è reale, perchè non si può continuare ad avere attenzione mediatica e politica sui temi del lavoro solo quando accadono tragedie come quella di Torino. La tragedia ci pone, immediatamente, delle domande, ma la prima e più angosciante è: come è stato possibile che quasi 16 milioni di lavoratori siano diventati pressoché invisibili? Le spiegazioni potrebbero essere molte, e tuttavia, due mi sembrano centrali e tra loro collegate. La prima è che un profilo culturale e sociale diffuso tende a collocare, nella fascia bassa della scala sociale, chi lavora e fa il suo dovere oltre che con fatica, con il corrispettivo di bassi salari e, a volte, con rischi per la salute e talora la vita, e a mettere in alto i furbi, gli affaristi, gli speculatori e i protagonisti di facili e rapidi guadagni. Il denaro, insomma, non importa come guadagnato, è posto in cima alla scala dei valori. La seconda spiegazione è la subalternità di fatto, a questa graduatoria, a cui è arrivata gran parte della sinistra, che, da un certo momento in poi è sembrata quasi vergognarsi del ruolo di rappresentanza del mondo di chi lavora, di chi vorrebbe lavorare o ha lavorato. Non nego che in fondo non va molto più in là chi pensa che la protesta sia sufficiente, affrontando in modo inadeguato e con approssimazione il problema di una condizione di lavoro e di vita concreta, insopportabile che va assolutamente modificata. Tutto questo ha radice in un sistema economico che ha fatto della precarizzazione diffusa, del decentramento produttivo in aree di bassi salari, la risposta alle inadeguatezze della competitività del sistema produttivo. Il profitto stesso da un certo punto in avanti vive una vita propria, quasi separata dai risultati aziendali, dall’andamento delle condizioni di lavoro, dagli investimenti, dalla ricerca e dall’innovazione. Ho letto che nel 2007 i profitti aumenteranno del 15 per cento, i salari, se va bene, del 3 per cento. Questo spiega perché la forbice tra i redditi, in Italia, sia cresciuta in modo impressionante, raggiungendo livelli che non hanno né fondamento, né giustificazione. La discussione sul tetto alle retribuzioni dei dirigenti pubblici ha il merito di aver rivelato come anche questo settore sia stato coinvolto dal clima generale del privato, che pure ha ben maggiori dimensioni. Macaluso ha ragione quando sottolinea che i sindacati, in sostanza, pur indeboliti, sono tuttora l’áncora per i lavoratori, perchè se il loro ruolo venisse a mancare, si affievolirebbero anche le speranze di modificare la situazione. Tuttavia, c’è un punto, nell’intervento di Macaluso, che non mi convince, ed è il dare per scontato che dalla politica verrà ben poco, o peggio, perché passata l’emozione la questione operaia si oscurerà ancora, in quanto non c’è alcun partito che abbia un riferimento forte nel mondo del lavoro. Forse l’analisi di Macaluso è solo più pessimistica della mia, eppure mi sembra che qualche elemento di novità e di attenzione verso il mondo del lavoro, nel corso della discussione sulla legge finanziaria 2008, sia al Senato che alla Camera, c’è stato, e al riguardo, vorrei sottolineare l’impegno a dare una risposta, anche sotto il profilo fiscale, ai lavoratori dipendenti. Un tema posto con forza dalla sinistra, che è da registrare come una novità importante. Per la prima volta, dopo molti anni, ha vinto la proposta di parlare esplicitamente di interventi di riduzione fiscale a favore del lavoro dipendente, superando quasi di slancio la genericità di un intervento sul fiscal drag. Il dibattito è stato forte, le perplessità da superare tante, il punto d’arrivo è stato un poco fortunoso, ma alla fine ci si è arrivati. Segno che non tutto è perduto. La norma, entrata in finanziaria, impegna l’extra gettito fiscale del prossimo anno, libero da altri vincoli, in un fondo da utilizzare per la riduzione delle tasse ai lavoratori dipendenti. Certo, ha il limite di essere una promessa, sulle entrate tributarie del 2008, ipotizzando che ci sarà un extra gettito, cosa per me è scontata, ma soprattutto, è basata sul presupposto che ci sia una stabilità politica, e tutti noi conosciamo i percoli che sovrastano la maggioranza di centro sinistra. Se si realizzerà sarà una svolta politica rilevante. Naturalmente, un intervento fiscale non risolve, da solo, né il problema degli aumenti salariali per via contrattuale, né la salvaguardia dall’inflazione, e tuttavia è pur sempre un aspetto importante del far crescere il reddito dei lavoratori. Purtroppo, ho la sensazione che risultati come questo non siano tenuti in debita considerazione, anche come indicazione politica di un cammino da percorrere, e in questo caso anche i sindacati non si sono spesi più di tanto. Credo che il difetto stia nel considerare ormai perduta la battaglia sotto il profilo più strettamente politico, ma ritengo sia un errore, perchè non solo ci sono spazi da cogliere, e che sarebbe sbagliato sottovalutare, ma se fosse vero che restano solo i sindacati a occuparsi dei lavoratori, il futuro sarebbe, probabilmente, di subalternità e di minorità, con il rischio di diventare una categoria sociale come le altre, solo un po’ più grossa. Vale la pena di riprendere il filo di un discorso politico in materia di lavoro, anche con scelte emblematiche. Ad esempio, in materia di incidenti sul lavoro occorrono fatti: sia sotto il profilo dei controlli sia dell’applicazione delle leggi, con la necessaria durezza e anche con la revisione di norme che hanno portato i superstiti a ricevere rendite basse e non rivalutate nel tempo, e le famiglie dei morti a ricevere sostegni indegni di un paese moderno e civile. Tutto questo mentre ogni anno l’INAIL ha un surplus di 2 miliardi di euro. Segnali come questi potrebbero portare i lavoratori fuori dalla zona d’ombra in cui sono relegati.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (205)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Ultimi commenti:
Sono un prestatore privato e u...
15/06/2019  22:45:42
.:: James Caver
c
15/06/2019  13:03:19
.:: James Caver
L'ASSICURAZIONE fornisce prest...
14/06/2019  13:05:55
.:: Galibort
Fai la tua richiesta di denaro...
14/06/2019  01:12:58
.:: caleush
Ciao ... Ho un capitale che sa...
11/06/2019  21:38:53
.:: chapelle



Titolo



Ci sono 126 persone collegate