Immagine  
"
Il dubbio non è piacevole, ma la certezza è ridicola. Solo gli imbecilli son sicuri di ciò che dicono.

Voltaire
"
 
.:: Home Page : Articoli
Donazioni e Successioni: istruzioni per l'uso
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  26/03/2008  19:38:13, in Fisco, letto 117245 volte
Per le successioni aperte dal 3 ottobre 2006 è dovuta l’imposta, e in presenza di terreni e fabbricati di proprietà del deceduto, deve sempre essere presentata dichiarazione di successione.
Sono obbligati al pagamento dell'imposta gli eredi e i legatari che beneficiano dei seguenti benie diritti:
  • beni immobili e diritti reali immobiliari;
  • azioni e quote di partecipazione al capitale di società;
  • obbligazioni (con esclusione dei titoli di Stato);
  • aziende;
  • crediti e denaro;
  • beni mobili (gioielli, mobili).
Gli eredi hanno l’obbligo di presentare dichiarazione di successione in presenza dei beni sopra elencati, salvo l’esonero per i parenti in linea retta (coniuge, figli legittimi o naturali e loro discendenti, genitori, ecc.) se nell’asse ereditario non sono compresi immobili e il patrimonio del deceduto non supera € 25.822,85.
 
Se il beneficiario del trasferimento è il coniuge, i figli e/o i genitori non si paga fino a 1.000.000 di euro a beneficiario; se il beneficiario è una persona portatrice di handicap grave riconosciuto ai sensi della L. 104/92 non si paga fino a 1.500.000 euro, che non si cumula con altre franchigie e non tiene conto del rapporto di parentela; se beneficiari sono fratelli o sorelle non si paga fino a 100.000 euro a beneficiario.
Per la determinazione della franchigia da applicare nel calcolo dell’imposta di successione bisogna tener conto del valore di tutte le donazioni in vita fatte dal de cuius a favore dello stesso erede o legatario, comprese quelle poste in essere nel periodo in cui l’imposta era stata abrogata, vale a dire tra il 25 ottobre 2001 e il 29 novembre 2006. Per maggiori dettagli consultare la circolare n. 3 del 22 gennaio 2008 dell’Agenzia delle entrate (http://www.agenziaentrate.gov.it/ilwwcm/resources/file/ebb3f94a24e3310/circolare3_2008.pdf)
La dichiarazione deve essere presentata, presso l’Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate nella cui circoscrizione era l’ultima residenza (domicilio fiscale) del defunto, entro 12 mesi dall’apertura della successione, generalmente coincidente con la data di morte del de cuius, su apposito modulo (modello 4).
 
I beneficiari o gli eredi devono compilare il modello F23 con i dovuti importi da pagare, che va presentato contestualmente alla denuncia di successione.
 
I codici tributo da utilizzare sul modello di pagamento - F23 - sono i seguenti:
  • 649T, per l’imposta ipotecaria;
  • 737T, per l’imposta catastale;
  • 456T, per l’imposta di bollo;
  • 778T, per la tassa ipotecaria.
La base imponibile è costituita dal valore totale netto dell'asse ereditario, vale a dire dal valore dei beni e dei diritti oggetto di successione al netto delle passività e degli oneri deducibili (debiti della persona deceduta, spese mediche e funerarie). Nella denuncia di successione gli immobili vengono riportati con il valore catastale e non con quello di mercato.
Il valore catastale si determina moltiplicando la rendita catastale (rivalutata del 5%) per i seguenti coefficienti:
  • 110, per la prima casa
  • 120, per i fabbricati dei gruppi catastali A, B, C (escluse le categorie A/10 e C/1)
  •  60, per i fabbricati delle categorie A/10 (uffici e studi privati) e D
  •  40, 8 per i fabbricati delle categorie C/1 (negozi e botteghe) ed E.
Per i terreni non edificabili, il valore catastale si determina moltiplicando per 90 il reddito dominicale rivalutato del 25%.
 
Entro 30 giorni dalla dichiarazione di successione, deve essere presentata all’Ufficio Provinciale dell’Agenzia del Territorio la richiesta di voltura catastale - il cui importo è pari a € 69,62 per ciascuna voltura -con allegata copia della denuncia di successione; tale domanda deve essere presentata in un solo Ufficio Provinciale che provvederà alla liquidazione dell’importo da pagare e ad inoltrare agli eventuali altri competenti Uffici del Territorio la richiesta per gli immobili o terreni nella cui circoscrizione è compreso il Comune dove questi si trovano.
COME CALCOLARE L’IMPOSTA
Soggetti
Imposta di successione
(sul valore netto)
Imposta ipotecaria
 
Imposta catastale
 
Imposta di bollo
Tassa ipotecaria
Tributi speciali
Coniuge
Parenti in linea retta
 Non si paga fino a 1.000.000 di euro a beneficiario
sulla parte eccedente si paga il 4%
 
2%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
1%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
€ 58,48
per ogni Conservatoria
€ 35,00
per ogni Conservatoria
Sono variabili, con un minimo di 
€ 69,62
Fratelli Sorelle
Non si paga fino a 100.000 euro a beneficiario
sulla parte eccedente si paga il 6%
 
2%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
1%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
€ 58,48
per ogni Conservatoria
€ 35,00
per ogni Conservatoria
Sono variabili, con un minimo di 
€ 69,62
Parenti fino al 4° grado
Affini in linea retta
Affini entro il 3° grado
6%
Senza franchigia
2%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
1%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
58,48
per ogni Conservatoria
€ 35,00
per ogni Conservatoria
Sono variabili, con un minimo di 
€ 69,62
Altri soggetti
8%
Senza franchigia
2%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
1%
(minimo
€ 168)
(€ 168 se uno degli eredi usufruisce del beneficio prima casa)
€ 58,48
per ogni Conservatoria
€ 35,00
per ogni Conservatoria
Sono variabili, con un minimo di 
€ 69,62
Passaggi di aziende o partecipazioni societarie
 
Non sono soggetti ad imposta di successione e donazione i trasferimenti effettuati anche tramite i “patti di famiglia”, a favore di discendenti (figli, nipoti figli di figlio, ecc.) che hanno per oggetto:
  • aziende o rami di aziende;
  • azioni o partecipazioni in società di persone;
  • azioni o partecipazioni in società di capitali, cooperative o società di mutua assicurazione se viene acquisito o integrato (somma con le quote possedute in precedenza dal beneficiario) il controllo della società (maggioranza o influenza dominante in assemblea ordinaria).
a condizione che i beneficiari esercitino l’attività di impresa o di controllo per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data di apertura della successione e che rendano contestualmente alla successione, o donazione, un’apposita dichiarazione.
Il mancato rispetto del termine di 5 anni comporta la decadenza dal beneficio e l’obbligo del pagamento dell’imposta di successione (eventualmente dovuta) più le sanzioni e gli interessi.
 
Per quanto riguarda la donazione in vita (trasferimento patrimoniale a titolo gratuito) - atto che avviene alla presenza di un notaio – le imposte dovute sono analoghe a quelle previste per le successioni aperte dal 3 ottobre 2006.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
Gentilmente vorrei dei chiarimenti circa gli oneri deducibili.In particolare le spese funerararie a quale limite sono sottoposte? Non credo che valga ancora il limite dei 2.000.000 di lire della vecchia legge 3496/90.
In attesa dei Vs.graditi chiarimenti,saluto cordialmente.
.::  Mario Formentini  inviato il 30/03/2008 @ 23:18:06
# 2
Gentile Sig. Mario Formentini le confermo che il limite di deducibilità per spese funebri, nell’ambito della dichiarazione di successione, come stabilito dal comma 2 dell’art. 24 del d.l.vo 346/90 è di 2.000.000 di lire (pari a € 1032,91).
Per quanto attiene la dichiarazione dei redditi (mod. 730 e/o unico) la deducibilità e di € 1549,37 per ogni evento luttuoso.
Cordiali saluti
.::  Alfiero Grandi  inviato il 01/04/2008 @ 18:19:39
# 3
salve, alcuni chierimenti in merito alla successione di mia madre.
1-posso chiedere l'agevolazione prima casa sulla quota di 1/2 se ho già chiesto l'agevolazione sulla successione di mio padre per lo stesso immobile?
2-la banca mi ha consegnato la dichiarazione di sussistenza , ci sono investimenti in BOT e in OBBLIGAZIONARIO devo inserirli in successione e se si in quale quadro del modello?
3-la durata per la presentazione della successione (decesso del 13/10/07) è un anno o sei mesi?
ringrazio anticipatamente dell'aiuto
Ambra
.::  Ambra  inviato il 07/04/2008 @ 15:45:17
# 4
mio padre è morto il 19-9-07, era proprietario al 50% con mia madre di un immobile dove ora mia madre continua a vivere. ho altri tre fratelli. non abbiamo ancora presentato la dichiarazione di successione, ma lo faremo entro i termini di legge. la mia domanda riguarda la dichiarazione dei redditi 2007 (modello 730/2008): devo dichiarare la mia quota parte dell'immobile ereditato (pari all'8%)? e, in caso positivo, è vero che non devo riportare nè la rendita catastale, nè l'ICI 2007 pagata interamente da mia madre?
.::  maria  inviato il 07/04/2008 @ 23:39:55
# 5
salve, due domande.
Può mia madre chiedere l'agevolazione prima casa sulla quota 1/2 (madre+3figli) dell'abitazione principale se possiede in comunione dei beni anche un'altro immobile nello stesso comune?
inoltre nel modulo 4 della dichiarazione, il valore catastale da riportare è quello nominale o si esplicita già quello relativo alla quota di possesso sicchè la somma concorre al totale della prima pagina?
.::  Antonio  inviato il 07/04/2008 @ 23:53:40
# 6
Nella dichiarazione di successione, in riferimento ai terreni non edificabili (esempio:uliveto), è obbligatorio allegare certificato di destinazione urbanistica?
.::  daniele  inviato il 08/04/2008 @ 18:54:35
# 7
Gentilmente, un chiarimento sui beni mobili depositati in banca(100.000 euro) ereditati alla morte di mio padre e portati nella relativa successione. Devono essere dichiarati anche nel 730 da tutti gli eredi? Se si, in quale rigo?
.::  Roberto PISANO  inviato il 08/04/2008 @ 21:22:56
# 8
risp. comm.3 (Ambra)Gentile Signora Ambra,in merito alla sua richiesta la informo che per quanto riguarda il 1° quesito da lei posto, riguardante la possibilità di usufruire della agevolazione “prima casa” sulla quota di ½ ereditata da sua madre, la risposta è positiva qualora sussistano ancora le condizioni previste; per quanto riguarda gli investimenti in banca (BOT e obbligazioni) questi vanno riportati entrambi nel quadro B2 del mod. 4, ma mentre per i Bot è prevista l’esenzione del pagamento dell’imposta, le obbligazioni sono soggette a tale pagamento.
Infine le confermo che il termine previsto per la dichiarazione di successione è di 12 mesi dall’evento luttuoso.
Cordiali saluti.
.::   inviato il 10/04/2008 @ 12:58:49
# 9
Risp. comm. 4 (successioni)Nel suo caso le devo dire che ci sono 2 possibili scenari: il primo e che sua madre continui a vivere nella casa oggetto della successione e che si avvalga del “diritto d’abitazione” in tal caso i figli non indicheranno l’immobile nel mod. 730 e/o Unico, in quanto questo sarà indicato per l’intero dal coniuge superstite; in caso contrario ognuno degli eredi dichiarerà la quota parte di immobile ereditato per il periodo a ciascuno afferente (8% per i giorni residui dal 20.9.07 al 31.12.07 pari a 103 giorni) e dovrà, in ogni caso, riportare la rendita catastale (nella colonna 1 del quadro B) la percentuale di possesso (colonna 4 ) indicando alla colonna 9 l’imposta ICI dovuta in relazione alla propria quota, indipendentemente da chi l’ha pagata.
Cordiali saluti.
.::   inviato il 10/04/2008 @ 13:00:16
# 10
risp. comm.5 (antonio)Gentile Signor Antonio,per ottenere i benefici della prima casa le indichiamo i criteri stabiliti dalla legge: chi eredita una casa (non di lusso) e se la stessa è per l'erede "prima casa" può avere delle agevolazioni, che consistono nel pagamento di una quota fissa (€ 168,00) sia per quanto riguarda l’imposta ipotecaria che catastale, invece del 2% e 1%. Nel caso che l 'immobile venga ereditato da più eredi, per rientrare nelle agevolazioni di cui sopra è sufficiente che almeno uno abbia i requisiti per rientrare nelle agevolazioni.
I requisiti dell'erede per poter rientrare nell' agevolazione sono i seguenti: non essere titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune dove si trova l'immobile ereditato;non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso usufrutto abitazione o nuda proprietà, su altra casa di abitazione, acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa;
qualora non risieda già nel comune dove è situato l'immobile oggetto dell'eredità, deve altresì impegnarsi a stabilire la residenza entro 18 mesi.
Pertanto sua madre non potrà ottenere i benefici se possiede già un immobile in comunione dei beni nello stesso comune, ma qualora lei o uno dei suoi fratelli fosse nelle condizioni prevista dalla legge potrete usufruire del beneficio.
Per la seconda parte della domanda il valore che dovrà indicare nel quadro B dell’asse ereditario dovrà tenere conto dei moltiplicatori catastali e della rivalutazione e la stessa cifra dovrà poi essere riportata sommandola a tutti gli eventuali cespiti posseduti dal de cuius nel frontespizio.
Cordiali saluti
.::   inviato il 10/04/2008 @ 13:01:42
# 11
risp.comm6 (Daniele) Gentile Signor Daniele, per quanto riguarda i terreni non edificabili da inserire nella dichiarazione di successione non vi è obbligo di allegare il certificato di destinazione d’uso, ma certamente è preferibile farlo al fine di facilitare la verifica di tale destinazione all’Ufficio competente.
Cordiali saluti
.::   inviato il 10/04/2008 @ 13:02:23
# 12
risp. comm.7 (Pisano)Gentile Signor Roberto Pisano, in riferimento alla sua richiesta non vi è alcun obbligo di dichiarazione immediata di tali redditi nel mod. 730 e/o Unico da parte degli eredi. Successivamente all’anno dell’evento luttuoso gli eredi, per la loro quota parte, seguiranno le disposizioni previste dal T.U. dei redditi in ragione della natura giuridica dei titoli posseduti, che le rappresento essere molto complessa e, pertanto, è necessario conoscere esattamente la loro natura per poterne stabilire la tassazione.
Cordiali saluti
.::   inviato il 10/04/2008 @ 13:04:17
# 13
Mio padre propretario di una casa ,vorrebbe donarla a me e mia sorella, con diritto di usufrutto.
Siccome la quota di mia sorella la comprerei io vorrei sapere se la cifra che gli spetta dovrei dargliela adesso oppure quando scade l'usufrutto? Rispetto a questo quesito la legge che dice?
.::  mario  inviato il 12/04/2008 @ 10:19:16
# 14
In una controversia con una banca, mio fratello ha sottratto un assegno di mia madre spedito da una ssicurazione assegno non trasferibile e sbarrato di 180.000,00, lo ha bancato nel suo c/c con firma di girata falsa a nome di mia madre. Mio fratello ha fatto con la propria madre una transazione rendendo 70.000,00Euro, ma mia madre, ha fatto causa alla banca per aver bancato un assegno ad altro soggetto.La banca puo' profittare di questa transazione o donazione indiretta.
.::  ciro teri  inviato il 14/04/2008 @ 16:31:50
# 15
Mio suocero è deceduto il 21/02/2007, testamento pubblicato il 14/11/2007, successione, frazionamento e volture effettuata entro il 21/02/2008. Gli eredi da che data devono dichiarare per il mod. 730? Grazie Angelo
.::  Angelo Russo  inviato il 20/04/2008 @ 18:45:14
# 16
Gentilmente vorrei chiedere un chiarimento per la den.di successione a seguito della morte di mia madre.
Trattandosi di 2 immobili in 2 comuni diversi (Roma e Velletri)posseduti in comunione di beni dai miei genitori i quali avevano pero' residenze separate, puo' nostro padre chiedere l'agev.1° casa sul 50% dell'abitaz. di Roma nella quale aveva la residenza mia madre, se vi trasferisce la sua residenza entro 18 mesi, benchè sull'altro immobile di Velletri da lui posseduto al 50% era stato effettuato l'acquisto a suo tempo con i benefici 1° casa?
E per l'altro immobile di Velletri: se il beneficio 1° casa viene chiesto da me al momento della successione, perdo il diritto di poter in futuro effettuare comunque l'acquisto della mia abitazione principale nelo stesso comune di Velletri con i benefici 1° casa ?
Molte grazie per l'attenzione


.::  Marcello Indini  inviato il 21/04/2008 @ 19:41:14
# 17
Mi permetto di scriverLe perchè vorrei una risposta al seguente quesito, per me un vero rompicapo.
Nel 2006 mia zia ha ricevuto in donazione il 50% della proprietà di un immobile, abitazione familiare di lei e di mio zio. Su tale donazione ha pagato le imposte ipotecarie e catastale.
Nel 2008 è morto mio zio, cui succedono per testamento i 3 figli per il restante 50% dell'immobile di cui sopra, unico bene lasciato da mio zio.
Le domande sono:
1) La dichiarazione di successione chi la deve presentare? e le relative imposte chi le paga? Devono calcolarsi solo sul 50% ereditato dai tre figli, visto che per l'altro 50% mia zia aveva già pagato le imposte ipotecaria e catastale della donazione a suo favore?
2) il diritto di abitazione della casa coniugale che le spetta ex art.540 c.c. deve essere calcolato ai fini delle imposte ipotecaria e catastale che si pagano? se sì, in che modo?

La ringrazio molto per la Sua disponibilità.

Valerio
.::  Valerio  inviato il 23/04/2008 @ 07:13:04
# 18
Sto predisponendo la successione di mio padre ma ho alcuni dubbi che nessuno sembra saper risolvere, nemmeno chi è soggetto all’applicazione delle disposizioni in materia. l'asse ereditario è composto da 2 abitazioni e 1 autorimessa su stessa particella catastale posti su tre piani tutte e tre possedute al 50% in comunione legale con mamma(il restante 50% su tutte le unità è di proprietà di mio zio in comunione con sua moglie). pertanto la quota in successione è di 25% su ogni unità. eredi siamo mia mamma e 3 figli. Le chiedo se Lei ritiene applicabile l'agevolazione 1° casa su 2 abitazioni e pertinenza visto che due eredi hanno i requisiti per ottenerla; l'eventuale agevolazione preclude in un futuro acquisto di altro immobile, l'applicazione 1°casa su imposta di registro o IVA? non so a chi rivolgeremi visto che l'agenzia entrate provinciale e un notaio da me contattato non conoscevano la cicolare n°44/E del 7.05.01 dell'agenzia delle entrate che riterrebbe applicabile l'agevolazioni e non precluderebbe un futuro acquisto con agevolazioni. le chiedo inoltre se ritiene tale circolare attendibile. Non vorrei un domani trovarmi un spiacevoli situazioni. grazie anticipatamente.
.::  Iacopo S.  inviato il 24/04/2008 @ 16:10:16
# 19
va indicata nella denuncia di successione la fidejussione a garanzia di un mutuo ipotecario (ipoteca sull'immobile in successione) intestato ad un'erede? grazie per la risposta
.::  daniele  inviato il 24/04/2008 @ 20:35:22
# 20
attualmente io occupo una casa appartenente ai miei e per fare ciò verso una quotA STABILITA IN EURO 150 A MIO FRATELLO. STO PENSANDO ,CON I MIEI GEN.D'ACCORDO... QUOTIAMO IL VALORE DELLA CASA E NE VERSO LA META A MIO FRATELLO LA META'.. LUI SAREBBE D'ACCORDO.. STIAMO SBAGLIADO QULALCOSA? COSA E' PREVISTO INQUESTI CASI? IL DENARO GLIELO POSSO DARE COME E QUANDO VOGLI? PER FAVORE AIUTATEMI CON UN BUON CONSIGLIO
.::  MASSIMO  inviato il 29/04/2008 @ 12:43:39
# 21
salve vorrei sapere come calcolare il valore di un immobile, considerando che il decuius è morto nel 1957 e non è stata mai fatta alcuna successione. ora vorrei sapere se devo applicare gli stessi parametri che si applicano oggi o ci sono parametri differenti.
.::  alberto  inviato il 02/05/2008 @ 17:40:13
# 22
salve,devo fare una donazione indiretta a mio figlio per l'acquisto di una casa. vorrei sapere cosa è necessario fare e se esistono dei moduli appositi a tale scopo.
.::  Andrea D.  inviato il 11/05/2008 @ 11:55:30
# 23
Egregio Dott.Grandi

Sono un gestore di apparecchi da gioco e ho sempre pagato fino all'ultimo centesimo di PREU ( per chi non lo sapesse è la tassa sulle macchinette a soldi dello Stato) e ora dopo la maxi multa, certamente esagerata di 98 miliardi alle 10 concessionarie, ècco il colpo di spugna sui ritardi e io se ritardo devo pagare la mora.....

VERGOGNOSO


LEI DA EX SOTTOSEGRETARIO COSA NE PENSA???VISTO CHE AAMS LO HA FATTO SOTTO LA SUA REGGENZA


NELLA NUOVA CONVENZIONE PER LA CONDUZIONE IN RETE DELLE SLOT NON SI PREVEDONO PENALI PER RITARDI NEL VERSAMENTO DEL PREU


.::  raffaello  inviato il 12/05/2008 @ 19:05:00
# 24
Salve, ecco il mio quesito: lo scorso 9 luglio 2007 mia madre è deceduta. Mio fratello ed io, unici eredi, abbiamo provveduto ad espletare le formalità relative alla successione dell'appartamento dove lei viveva con mio fratello. Quest'anno dovendo, ognuno di noi, compilare il mod. 730, vorremmo sapere come dobbiamo compilare il quadro B relativo agli immobili. Da tenere presente che: mio fratello vive nell'immobile in questione ed io sono proprietaria di un altro immobile che è la mia abitazione principale. Ringraziandola per l'aiuto, cordiali saluti.
.::  Edda  inviato il 12/05/2008 @ 20:13:12
# 25
Gentile signor Ciro,il suo quesito non rientra nelle competenze di natura fiscale bensì in quelle di natura giudiziarie, pertanto, sarà più utile che lei si rivolga ad un legale.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:39:13
# 26
Gentile Signor Mario,in relazione al quesito da lei posto le devo dire che non vi è nessun dispositivo di legge che indichi o disponga le modalità di pagamento di un corrispettivo per una compravendita – sia essa di piena proprietà, usufrutto etc. –; ciò rimane nella determinazione delle parti che decideranno in libertà in quanto tempo o in che modo saldare il corrispettivo. Esiste tuttavia un obbligo stabilito dal comma 22 dell’art. 35 del d.l. 223/2006 che stabilisce: “l’obbligo per le parti di rendere un’apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà recante l’indicazione analitica delle modalità di pagamento” tale dichiarazione deve essere resa ovviamente davanti al notaio che stipula l’atto di donazione e/o di vendita.
Cordialmente
.::  Gentile Signor Mario,  inviato il 16/05/2008 @ 08:40:09
# 27
Gentile signor Angelo, gli eredi dichiareranno la proprietà dell’immobile ereditato sul mod. 730/2008 dal giorno successivo al decesso che nel suo caso è il 22/02/2007.
Dovranno pertanto indicare nel quadro B i giorni di possesso nell’anno 2007 (pari a giorni 312) e la quota di possesso.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:40:50
# 28
Gentile signor Marcello,in riferimento alla sua cortese mail faccio riferimento a quanto risposto al signor Antonio e le ricordo quali sono i requisiti per avere diritto alle agevolazioni: 1)non essere titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune dove si trova l'immobile ereditato; 2)non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso usufrutto abitazione o nuda proprietà, su altra casa di abitazione, acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa; 3) qualora non risieda già nel comune dove è situato l'immobile oggetto dell'eredità, deve altresì impegnarsi a stabilire la residenza entro 18 mesi.
Ciò premesso è evidente che suo padre potrà ottenere i benefici solo sulla casa di Velletri in quanto il punto 2 soprarichiamato gli impedirebbe di chiedere i benefici sulla casa di Roma avendo già goduto dei benefici per l’acquisto della casa di Velletri presso la quale ha la residenza. Di contro lei potrà chiedere per se i benefici sulla casa di Roma purché vi porti la residenza nei 18 mesi successivi.
Per quanto attiene l’ultima sua domanda le ricordo che lei potrà usufruire dei benefici prima casa solo dopo aver venduto l’immobile per il quale si è goduto dei benefici.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:41:46
# 29
Gentile signor Valerio,la dichiarazione di successione deve essere presentata da uno degli eredi, nel suo caso uno dei figli indicati nel testamento; l’imposta è dovuta in solido da tutti e tre gli eredi solo sulla quota ereditata; il diritto di abitazione non ha alcuna efficacia ai fini delle imposte catastali e ipotecarie, ma è efficace ai fine della dichiarazione dei redditi che sua zia dovrà effettuare per il 100% della proprietà (peraltro essendo la casa di abitazione non aumenta l’imposta IRPEF) ed ai fini dell’ ICI, che come già saprà da questo anno, ai sensi di quanto disposto dell’ultima legge finanziaria, oltre il 40% dei proprietari sarà esentato dal pagamento.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:42:36
# 30
Gentile signor Iacopo, in relazione alla sua cortese mail le confermo che i benefici prima casa potranno essere goduti da 2 degli eredi se hanno i requisiti previsti dalla legge; per quanto attiene la seconda parte della sua domande l’erede che usufruisce del beneficio potrà in futuro, a normativa attualmente vigente, usufruirne di nuovo solo dopo aver venduto l’immobile per il quale si è goduto dei benefici. Per quanto attiene le disposizioni generali della circolare da lei richiamata sono ancora vigenti, ma come può ben immaginare la circolare ha efficacia sono se non cambia la legge di riferimento per cui per le sue eventuali azioni future dovrà fare riferimento alle normative che saranno vigenti nel momento in cui si verificheranno.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:43:30
# 31
Gentile signor Daniele, la fideiussione bancaria da lei richiamata nella sua mail ha efficacia solo nel caso la sua successione superi i limiti previsti dall’attuale legge per il pagamento dell’imposta di successione che le ricordo prevede una franchigia di 1.000.000 (un milione) di euro per successioni tra genitori e figli ed una franchigia di 100.000 (centomila) euro per successioni tra fratelli. La franchigia si applica ad ogni singolo erede. Nel caso si superino il limite della franchigia allora sarà possibile compilando l’apposito prospetto previsto dal mod. 4 succ., dedurre le passività lasciate dal de cuius, tra le passività è previsto il mutuo con i suoi relativi oneri.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:44:07
# 32
Gentile signor Massimo, per acquisire la quota di proprietà della casa attualmente da lei abitata, ma di proprietà dei suoi genitori, occorre prima di tutto pensare a mettersi in regola dal punto di vista fiscale ; pertanto le consiglio di rivolgersi ad un professionista (notaio) che saprà consigliarla al meglio sul tipo di atto da adottare per quanto attiene la liquidazione della quota spettante a suo fratello devo dirle che non vi è nessun dispositivo di legge che indichi o disponga le modalità di pagamento di un corrispettivo per una compravendita ciò rimane nella determinazione delle parti che decideranno in libertà in quanto tempo o in che modo saldare il corrispettivo. Esiste tuttavia un obbligo stabilito dal comma 22 dell’art. 35 del d.l. 223/2006 che stabilisce: “l’obbligo per le parti di rendere un’apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà recante l’indicazione analitica delle modalità di pagamento” tale dichiarazione deve essere resa ovviamente davanti al notaio che stipula l’atto di donazione e/o di vendita.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:44:50
# 33
Gentile signor Alberto, per calcolare il valore dell’immobile caduto in successione nel 1957 e di cui non è stata fatta ancora la denuncia di successione non vi è la possibilità di indicarle un sistema di calcolo in quanto all’epoca non esistevano ed accorerebbe indicare il valore venale dell’epoca, pertanto, basterà indicare un valore simbolico riferito ovviamente al comune in cui è situato. Pagherà comunque le imposte ipotecarie e catastali in quota fissa e poi sarà l’ufficio ad eventualmente liquidare l’imposta di successione occorre, altresì che lei individui esattamente l’ufficio competente rivolgendosi al più vicino ufficio delle entrate.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 16/05/2008 @ 08:45:33
# 34
Il defunto all'atto del decesso deteneva
oltre al patrimonio immobiliare quote di
fondi di investimento posti a garanzia di
uno scoperto di c/c concesso dalla banca alla società di cui lo stesso era socio al 50% ed amministratore unico.In sede di dichiarazione gli eredi se e quale valore devono dichiarare di tale attività
tenuto conto che andranno comunque a dichiarare la quota ereditata del netto patrimoniale della società beneficiaria della garanzia stessa. Grazie
.::  Antonio Esposito  inviato il 16/05/2008 @ 11:28:14
# 35
Gentile signor Andrea
Il suo quesito è molto interessante e mi da lo spunto per affrontare un argomento trattato solo da esperti qualificati del settore, potremmo definire donazioni indirette quelle attività o atti giuridici che producendo l’impoverimento del patrimonio di un soggetto e il corrispondente arricchimento di quello di un altro è, quindi, il risultato di una donazione di cui non si hanno tracce dal punto di vista fiscale. Esse si conseguono con atti di liberalità volontari quali il pagamento di un debito per conto di un altro e vengono realizzati ricorrendo ad atti diversi dal vero e proprio atto di donazione (rientra tra questi il pagamento da parte di un genitore di una quota del capitale necessario per l’acquista della casa del proprio figlio).
Per cui se lei intende realizzare una donazione indiretta non occorre che svolga alcun atto formale ufficiale nel qual caso la sua azione si trasformerebbe da donazione indiretta in donazione.
Le consiglio, poiché le normative tendono a colpire questo tipo di donazioni, di consigliarsi con il notaio sulla scelta più giusta in relazione alla sua situazione personale.
Cordiali saluti

.::  Alfiero Grandi  inviato il 19/05/2008 @ 13:35:06
# 36
Gentile signora Edda,
in riferimento al suo quesito io credo che suo fratello, che vive nella casa ereditata e che dunque esercita il diritto di abitazione, può dichiarare per l’intero la proprietà dell’immobile per i giorni decorrenti dal 10 luglio 2007 sino alla fine anno (174) ciò è tanto più possibile se avete usufruito all’atto della successione dei benefici per la prima casa in quanto abitata da suo fratello. Ovviamente la dichiarazione è dovuta solo nel caso vi siano, oltre il reddito della casa, altri redditi per i quali occorre fare la dichiarazione che troverà ampiamente enunciati nelle istruzioni generali del mod. 730 e se ovviamente vi siano degli oneri per i quali si vantino dei rimborsi.
Cordiali saluti
.::  Alfiero Grandi  inviato il 19/05/2008 @ 13:35:41
# 37
Chi concede mutui per ristrutturazione immobile avuto in seguito a donazione o successione? Non ho avuto risposta positiva da nessuna Banca
.::  Lobello Amedeo  inviato il 19/05/2008 @ 21:05:07
# 38
per una successione apertasi nel 2007, si deve indicare in successione un'azienda di autrasporto?
.::   inviato il 20/05/2008 @ 10:39:12
# 39
Gentile signor Amedeo,
devo dire che la sua osservazione è più che giusta in Italia difficilmente le banche concedono mutui su immobili oggetto di donazioni in vita è ciò perché le donazioni possono essere impugnate dagli eredi legittimi eventualmente esclusi dai benefici.
E’ tuttavia difficile che le banche non concedano mutui su immobili oggetto di successioni le consiglio, pertanto, di prendere contatto con più istituti al fine di dirimere la vicenda.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 20/05/2008 @ 18:02:45
# 40
In merito al quesito posto se si deve indicare in successione un'azienda di autotrasporto è evidente che, come sopra enunciato, Non sono soggetti ad imposta di successione e donazione i trasferimenti effettuati anche tramite i “patti di famiglia”, a favore di discendenti (figli, nipoti figli di figlio, ecc.) che hanno per oggetto:
• aziende o rami di aziende;
• azioni o partecipazioni in società di persone;
• azioni o partecipazioni in società di capitali, cooperative o società di mutua assicurazione se viene acquisito o integrato (somma con le quote possedute in precedenza dal beneficiario) il controllo della società (maggioranza o influenza dominante in assemblea ordinaria).
a condizione che i beneficiari esercitino l’attività di impresa o di controllo per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data di apertura della successione e che rendano contestualmente alla successione, o donazione, un’apposita dichiarazione.
Il mancato rispetto del termine di 5 anni comporta la decadenza dal beneficio e l’obbligo del pagamento dell’imposta di successione (eventualmente dovuta) più le sanzioni e gli interessi.
Pertanto dovrà ricorrendo le condizioni di cui sopra solo allegare apposita dichiarazione alla denuncia di successione.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 20/05/2008 @ 18:03:34
# 41
Ho ricevuto in eredità un bene immobile da una cara amica:ho accettato con beneficio d'inventario in quanto non so nulla della sua situazione patrimoniale.
Ho motivo di ritenere che il padre di lei,premorto fosse fideiussore di una azienda di cui era socio ma ovviamente non so in quale banca.Come è noto la fideiussione è un debito sospeso che potrebbe concretizzarsi anche oltre la scadenza della prescrizione ordinaria,ma il beneficio d'inventario mi tutela.Quello che non so è se tale beneficio tutelerà il bene anche nei confronti di quelli che saranno i miei eredi qualora,la banca intendesse escutere tale fideiussione.Le ho posto una domanda complessa e la ringrazio se potrà chiarirmi
.::  gian Franco Crosta  inviato il 21/05/2008 @ 23:45:52
# 42
Buongiorno, vorrei sottoporre un quesito: vengo a sapere dopo 8 anni della morte di mio nonno che sia io che i miei fratelli "abbiamo" ereditato un piccolo terreno. Però dalla morte di mio nonno non abbiamo di fatto ne accettato ne rinunziato alla successione. Dato che gli zii adesso vogliono venderlo, desideravo sapere se abbiamo qualche adempimento da fare visto che non l'abbiamo fatto nei primi 6 mesi e se c'è qualche sanzione per la mancata denuncia di successione. Possiamo rinunciare alla successione dopo tanto tempo? E se sì, è necessario un legale o è sufficiente un atto formale di rinuncia e a chi va presentato? Mi spiace per le domande a raffica, spero che qualcuno possa aiutarmi. Cordiali saluti.
.::  c.  inviato il 22/05/2008 @ 09:06:23
# 43
mio suocero è mancato a novembre 2007, era proprietario al 50% con mia suocera di un immobile dove ora mia suocera sta attualmente vivendo. Mia moglie ha una sorella. Abbiamo gia fatto la successione….dobbiamo solo ritirare i documenti… La mia domanda è questa : mia moglie deve presentare la dichiarazione dei redditi 2007 (modello 730/2008) per la quota dell'immobile ereditato? Come letto nel post #4 e la sua risposta al post #9 non dovrebbe dichiararla...giusto?…Se mia suocera continuasse a, mia moglie e sua sorella, anche negli anni a venire non dovranno dichiararla nei modelli 730? E ancora…. Per quanto riguarda l’ICI (quest'anno e neggli anni a venire)…dovremo pagare per la nostra quota come seconda casa?
Grazie in anticipo
.::  Fabio  inviato il 26/05/2008 @ 09:26:10
# 44
gentilmente, mi scusi per la mia ignoranza ma non riesco a capire questo problema erditario per mia sorella.
Mia sorella è rimasta da poco vedova a soli 33 anni, il marito ha lasciato aperto un c/c bancario di 148.000 euro intestato solo a lui. Loro erano sposati in comunione di beni ed non hanno figli. Il marito defunto ha ancora i genitori ed un fratello sposato con 2 figli. secondo i miei calcoli sui 148.000 a mia sorella spetta il 66,6% (circa 98.000) ed agli altri spetta il 33,3 (49,3). MI aiuta a capire se ho calcolato bene? la ringrazio tantissimo. arrivederci
.::  francesco  inviato il 27/05/2008 @ 01:43:56
# 45
Risposta quesito 42

In relazione al quesito 42 è possibile effettuare la denuncia di successione anche se sono decorsi i 6 mesi previsti all’epoca per la denuncia;ai sensi dell’art. 519 del codice civile la rinuncia è sempre possibile effettuarla entro dieci anni dall’insorgenza del diritto e la si può fare in tribunale o presso un notaio. Decorsi 5 anni dalla data di morte decade anche il diritto dell’Amministrazione Finanziaria a chiedere le sanzioni di legge previste per l’omissione della denuncia. Occorre infine sottolineare che nel caso lei ed i suoi fratelli abbiate dei figli essi subentrano nel diritto all’eredità.

.::  Alfiero Grandi  inviato il 27/05/2008 @ 18:31:32
# 46
Risposta quesito 43

Gentile signor Fabio,

in relazione alla sua domanda le confermo la risposta fornita al quesito # 4 e riportata al #9 pertanto sua suocera dichiarerà per intero l’appartamento ed effettuerà la dichiarazione dei redditi solo se ce ne saranno le condizione; per quanto attiene l’ ICI come saprà l’attuale governo sta per emanare un Decreto Legge in materia di ICI sulla prima casa pertanto occorrerà attendere la sua emanazione per poter rispondere compiutamente alla sua domanda a normativa invariata l’imposta dovrebbe essere corrisposta da sua suocera.
.::  Alfiero Grandi  inviato il 27/05/2008 @ 18:33:22
# 47
Risposta quesito 44



Gentile signor Francesco

In riferimento al quesito da lei posto il codice civile dispone all’articolo 582 che al coniuge superstite, in mancanza di figli, compete i due terzi dell’eredità disponibile ed il rimanente compete ai genitori o in loro mancanza ai fratelli e alle sorelle, credo che lei ha calcolato bene.
.::  Alfiero Grandi  inviato il 27/05/2008 @ 18:35:13
# 48
le propongo cortesemente il mio dubbio:Nel 1976 mio padre ha donato una porzione di casa a noi 3 fratelli con atto di donazione notarile dichiarando una volore di 10.000.000 di lire: ora in sede di denuncia di successione mi viene chiesto l'attuale valore della donazione: ma come faccio se si trattava di una vecchia porzione di casa poi ristrutturata in 3 Appartamenti.Dobbiamo forse indicare il valore attuale che comunque non corrisponde al valore della donazione?
.::  ARIENTI ANNALISA  inviato il 27/05/2008 @ 22:04:13
# 49
Grazie Signor Grandi, la sua risposta è stata chiarificatrice in ordine al quesito 42.
.::  c.  inviato il 28/05/2008 @ 08:18:01
# 50
sono costretto a rettificare una successione per un decesso avvenuto il 29/12/2004 successione eseguita in data 26/04/2005. Per la rettifica qauli sono le imposte ipotecarie e catastali minime in quel periodo 129,11 o 168,00.
Grazie
.::  Gianluca  inviato il 28/05/2008 @ 14:54:39
# 51
Gentile Signor Grandi
salvo errore non mi risulta ancora riscontro al quesito n. 34 del 16.5.2008
La ringrazio e resto in attesa.
.::  Antonio Esposito  inviato il 28/05/2008 @ 14:55:25
# 52
gradirei aiuto per la compilazione del 730/08. Mio padre è deceduto il 12/05/07 lasciando in eredità 2 immobili.gli eredi siamo mia madre e 4 figli. una casa che possedeva al 100% (1^ abit.) l'altra al 50% con mia madre. il quesito che le pongo è: può solo mia madre dichiarare nel mod. il possesso del 100% sulla 1^ abit. poichè è la sua abituale dimora? come si calcola la percentuale di possesso sull'altra abitazione, per quanto riguarda mia madre e noi figli?
premetto che è stat fatta la dich. successione ma non ancora la voltura catastale e nella successione mia madre ha dichiarato di risiedere nella 1^ abit.ed ha chiesto riduzione 1^ casa. non sono state fatte altre scritture private. Grazie
.::  Maria Rosaria  inviato il 28/05/2008 @ 18:21:22
# 53
salve.Mio padre è deceduto nel 2003 non ha lasciato nulla a noi figli tranne un terreno che egli stesso ha ereditato con i suoi fratelli dalla madre ma del quale non è stato fatto ne' atto nè successione.ora il terreno è stato venduto ed io ho pagato le successioni di mio padre e di mia nonna,ma oggi è arrivata una sanzione per il ritardo nel pagamento della successione di mio padre. perchè se lui non possedeva nulla dato che alla sua morte il terreno non era ancora di suo possesso?
.::  Rossella  inviato il 30/05/2008 @ 13:34:44
# 54
Alla morte di mio padre io, mia madre e miei tre fratelli abbiamo ereditato la casa di mio padre. Nella casa abitata mio fratello a titolo gratuito. Mia madre è tenuta a pagare l'ici per la sua quota avendo già un'altra abitazione mi chiedo se io e miei altri due fratelli possiamo usufruire dell'esenzione dell'ici essendo per noi prima abitazione ma abitiamo con nostra madre essendo l'altro fratello sposato.
.::  regina  inviato il 04/06/2008 @ 13:17:28
# 55
Risposte al quesito n. 34/51

Gentile signor Antonio,
in riferimento al suo sollecito le devo purtroppo dire che per i casi come i suoi occorre vedere la documentazione cartacea per poter dare un parere . Non è possibile fare ciò con i mezzi informatici pertanto le consiglio di rivolgersi ad un professionista che saprà sicuramente ben consigliarla con più cognizione di causa.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 04/06/2008 @ 15:04:52
# 56
Risposta al quesito n: 53 - Gentile signora Rossella,
mi duole confermare che, in riferimento alla denuncia di successione di suo padre, la richiesta dell’ufficio è del tutto legittima, in quanto il fatto che non fosse stata prodotta la successione della nonna non esentava voi figli a presentare la successione di suo padre nei termini di legge.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 04/06/2008 @ 15:06:10
# 57
Risposta quesito 52 - Gentile signora Rosaria, sua madre può dichiarare per l’intero il reddito della prima casa posseduta al 100% da suo padre ed ora ereditata in quanto è titolare del diritto d’abitazione; per l’altra casa sua madre dichiarerà la sua parte il 50% per 132 giorni dell’anno 2007; per il residuo periodo dal 12 maggio in poi pari a 233 giorni dichiarerà per il 66% della proprietà, il rimanente 34% sarà dichiarato in parti uguali dai 4 figli pari ad una quota dell’8% per 233 giorni.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 04/06/2008 @ 15:48:39
# 58
Gent.Dott.Grandi ho bisogno di avere dei chiarimenti, le anticipo le mie scusa per l'ignoranza in materia.
Mio nonno è deceduto in ott/07 e mia nonna in magg/08, lasciando in eredità un immobile, avrei delle domande da porLe:
Possono gli eredi fare un'inica dichiarazione di successione entro ott/08?
La dich.dev'essere necessariamente stilata da un notaio?
Mio padre (che è uno dei 6 eredi) può fare la dichiarazione solo per la quota da lui ereditata o dev'essere necessariamente una dich. unica (dato che gli eredi non godono di buoni rapporti tra loro)?
La ringrazio e prego la Sua cortesia di volermi rispondere.
Grazie mille
.::  Rosa Cornisso  inviato il 05/09/2008 @ 16:08:27
# 59
Come ho cercato di anticipare con un avviso sul blog, non ho più a disposizione la competente segreteria tecnica che preparava le risposte alle singole richieste. Mi dispiace, Alfiero Grandi
.::   inviato il 06/09/2008 @ 11:56:02
# 60
buon giorno
volevo sapere se la sucessione non è stata
fatta entro l'anno successivo alla morte
cosa succede? non si può più farea? e a che cosa si va incontro
grazie anticipatamente per la risposta
.::  paolo  inviato il 12/09/2008 @ 10:39:04
# 61
buon giorno. volevo sapere quale sanzione e in che misura viene calcolata, per il non aver allegato alla successione la dichiarazione di prima casa. avendola calcolata nella pratica.
.::  agostino  inviato il 12/09/2008 @ 14:29:16
# 62
può dirmi se gli eredi di questa successione possono godere di agevolazioni:
oggetto: azienda agraria, terreni e fabbricati
eredi: moglie e due fifli di cui uno coltivatore diretto:
Vivono tutti in azienda
.::  berto  inviato il 17/09/2008 @ 19:03:39
# 63
Grandi, risposta: legga l'avviso n° 2 sul blog
.::   inviato il 19/09/2008 @ 13:49:26
# 64
Gentile Dott. Grandi;
vorrei sapere se dopo trentanni dalla morte di mio nonno è possibile fare l'atto di successione? il e le mie zie, mia mamma è morta, abbiamo ereditato un terreno ed un fabbricato in agro, ma non abbiamo mai povveduto all'atto di successione. Ora c'è un'ipotetico acquirente, alcuni di noi non vogliono venere. Possiamo frazionare e accatastare e poi ognuno decide liberamente di vendere le sue qute? Siamo acora eredi legittimi anche senza atto?
Grazie. Distinti saluti.
Massimiliano
.::  Massimiliano  inviato il 20/09/2008 @ 13:11:10
# 65
RISPOSTA GRANDI: come dice l'avviso pubblicato nel blog purtroppo non sono più in grado di dare singole risposte, A.G.
.::   inviato il 23/09/2008 @ 20:27:56
# 66
Gentile Dott. GRANDI
con la presente vorrei sapere tre cose:
1) il coniuge superstite proprietario al 50% dell'immobile dove risiedeva con il de cuius, può usufruire dell'aggevolazione prima casa per l'1/3 che ha ereditato?
2) Il figlio del de cuius che risiede in un immobile di proprietà di entrambi i genitori può anche egli usufruire dell'agevolazione prima casa?
3) Qual'ora l'immobile di cui al secondo quesito venga venduto prima della presentazione della dichiarazione di successione, va indicato comunque in essa?
.::  Alessandro  inviato il 14/10/2008 @ 11:25:02
# 67
deceduto proprietario di un immobile con moglie e due figli.sull'immobile ereditato vi abita la moglie e continuerà ad abitarci, però ha già usufruito dell'agevolazione per acquisto di prima casa per un altro immobile di sua proprietà.
un figlio abita altrove ed anche lui ha già usufruito dell'agevolazione per l'acquisto di una casa.
l'ultimo figlio non ha mai usufruito di agevolazioni per acquisto prima casa ma non andrà mai ad abitare nella casa ereditata. posso usufruire dell'agevolazione prima casa con questi presupposti? ed a nome di chi bisogna fare l'autocertificazione? coniuge 1° figlio o 2°figlio?
.::  franca  inviato il 27/10/2008 @ 19:18:26
# 68
Gentile Dott. Grandi
se sulla visura catastale risultano 3 soggetti ad 1/3 di proprietà ma in realtà c'è una scrittura privata nella quale si evince che due dei tre hanno venduto al de cuius che ne era dunque proprietario al 100%. Mi chiedo se convenga calcolare l'imposta sul 100% e poi risolvere la questione della scrittura privata. Come andrebbe risolta la cosa?
saluti
.::  andrea  inviato il 27/10/2008 @ 19:39:23
# 69
Buongiorno, da poco è morta mia madre, oltre alla casa, ho un conto corrente cointestato con mia madre, gli unici eredi sono io e mia sorella. La somma la momento del decesso era di 60.000 euro. Dato che il conto era cointestato dovremo sulla succssione indicare la metà. La domanda è: su questa cifra si dovrà pagare qualcosa??? questa cifra (30.000 euro) l'anno prossimo la dovremo inserire sul mod. 730 ????
.::  MASSIMO  inviato il 13/11/2008 @ 19:08:08
# 70
successione in morte del padre, lascia la moglie con 5 figli,tra la massa immobiliare vi sono 2 immobili ipotecati a favore banca, gli eredi cosa devono fare?
.::  Ezio  inviato il 15/11/2008 @ 22:46:39
# 71
Il de cuius al momento della morte lascia una ditta individuale avente ad oggetto il commercio a dettaglio di materiale elettrico.
Gli eredi espletano le formalità fiscali relative alla liquidazione dell'azienda onde procedere successivamente alla cessazione dell'attività con relativa chiusura della partita iva.
L'azienda dovrà essere denunciata nella dichiarazione di successione nonostante la sua chiusura con data antecedente alla presentazione della denuncia di successione?
.::  Maria Carmela  inviato il 17/11/2008 @ 09:44:22
# 72
buon giorno vorrei porle un quesito:
mio padre prima di morire fà una donazione hai suoi 5 figli con l'usofrutto a mia madre nel tempo tutti noi figli non abbitiamo più in quella casa quindi mia madre risiedeva nella stessa poichè nel 2006 muore ed ereditiamo immobile per donazione con aggravio di tasse non pagate quali ici, cosap,agraria siamo costretti a pagare tutto l'arretrato oppure paghiamo dal momento della morte di mia madre? grazie mille
.::  ernesto  inviato il 28/11/2008 @ 10:59:18
# 73
AVVISO: Attenzione il blog non è più in grado di rispondere a singoli quesiti di natura tecnica e fiscale, come è scritto negli avvisi 1 e 2. Alfiero Grandi
.::   inviato il 01/12/2008 @ 12:17:39
# 74
AVVISO GRANDI: ATTENZIONE
sul blog non si danno più risposte individuali di natura tecnica. Mi dispiace ma non è più possibile, Alfiero Grandi
.::   inviato il 03/12/2008 @ 15:48:27
# 75
buonasera vorrei alcuni chiarimenti:noi siamo 5 figli di cui i primi 3 appartengono al primo marito di mia mamma e gli ultimi due (io e mia sorella)al secondo marito cioè l'attuale papa' il quale ha ereditato tramite donazione un'immobile.Vorrei sapere se questo immobile dovrà essere diviso con tutti e cinque un domani che i genitori non ci dovranno essere più?
.::   inviato il 24/01/2009 @ 00:20:59
# 76
Mia Zia è deceduta il giorno 4/06/2003-lasciando in successione al marito(propr. dell'altro 1/2) ed i due figli la quota di 1/2 su di un Appartamento occupato dai medesimi.Presentando la Successione oggi,si dovranno pagare delle penali?
se si, in quale misura?
Grazie anticipatamente,
Giovanni Cerbai
.::  Giovanni Cerbai  inviato il 26/01/2009 @ 17:33:38
# 77
Gentilissimo Avv.Grandi VORREI sapere se mio Padre,titolare al 100% di un appartamento primo piano e di un locale piano terra,può vendere il tutto nonostante avesse la comunione dei beni con mia madre defunta nel 2001 senza dover dare conto ai 2 figli sposati nel 2003. grazie .distinti saluti. FELICE
.::  FELICE  inviato il 31/01/2009 @ 13:59:12
# 78
Gentilissimo Avv.Grandi VORREI sapere se mio Padre,titolare al 100% di un appartamento primo piano e di un locale piano terra comunque acquistato dopo il suo matrimonio con mia madre e senza aver venduto nulla di suo,può vendere il tutto nonostante abbia la comunione dei beni con mia madre defunta nel 2001 , senza dover dare conto ai 2 figli sposati nel 2003.
.::  FELICE  inviato il 31/01/2009 @ 14:05:53
# 79
GENTILISSIMO AVVOCATO
VORREI SAPERE SE PER PAGARE MENO TASSE E' MEGLIO UNA DONAZIONE AI FIGLI, PRIMA CHE MUOIA L'INTESTATARIO (IN QUESTO CASO IL PADRE), O LA SUCCESSIONE.
PARLIAMO DI PRIMA CASA CON VALORE INFERIORE AL MILIONE DI EURO PER APPARTAMENTO.
.::  ROBERTO  inviato il 01/02/2009 @ 14:50:47
# 80
buongiorno..
nel 2003 ho acquistato un appartamento ..e' da allora che convivo con un ragazzo che tra l'altro a luglio ci sposiamo..siccome che lui ha condiviso tutte le spese ..giustamente ora volevo intestargli il 50%..volevo evitare la vendita a causa del costo e pensavo ad una donazione..volevo sapere se e' una pratica sicura lo stesso per lui ..in caso di divorzio..morte ecc...da essere sicuri che in qualsiasi modo il 50% sia di proprieta' sua..spero di essermi spiegata..grazie..distinti saluti
.::  simona  inviato il 02/02/2009 @ 17:53:07
# 81
Salve, vorrei conoscere se e' possibile per mio marito e' nel diritto di richiedere all'Agenzia delle Entrate copia delle dichiarazioni di redditi dei suoi genitori defunti in modo da rendersi conto del reddito percepito, dal momento che in successione non sono stati reperite informazioni, a suo avviso, congrue con l'attivita' paterna (che fino dal 1953 al 1993 aveva svolto l'attivita' di Notaio)e che esiste un contenzioso con gli altri 2 fratelli, che si occupavano dei genitori.
grazie
dr.ssa Lucia Mosiello Vita
.::  dr.ssa Lucia Mosiello  inviato il 16/02/2009 @ 12:16:36
# 82
il mio unico figlio vive in francia e ha necessità di acquistare un appartamento ;sono intenzionata ad aiutarlo con 90000€.
Ho letto che si tratta di donazione indiretta e che non si paga nulla sotto i 100000€.
Cosa devo fare?
posso inviargli semplicemente un bonifico con detta cifra o devo fare qualche atto ufficiale?quale?
grazie
.::  francesca  inviato il 24/02/2009 @ 19:10:19
# 83
Risposta al commento n. 587
Gentile signora Rosa,
in relazione alle domande da lei poste le risponderò brevemente:
1. non è possibile effettuare congiuntamente le due successioni;
2. andrà effettuata prima la successione del nonno e successivamente quella della nonna entro 1 anno dalla morte;
3. la dichiarazione può essere effettuata direttamente dagli eredi i quali dovranno, anche, svolgere tutte le pratiche presso l’ufficio del territorio (richiesta visure catastali e, successivamente alla presentazione della denuncia, la voltura);
4. la dichiarazione non può essere presentata in modo frazionato, ma dovrà essere necessariamente una dichiarazione unica;
Cordialmente
.::  Alfiero Grandni  inviato il 25/02/2009 @ 10:41:30
# 84
Risposta al commento n. 60
Gentile signor Paolo,
se la successione non viene presentata entro l’anno dalla morte può essere sempre prodotta negli anni successivi dagli eredi, si tenga in considerazione che decorso il tempo di 5 anni dalla morte decade il diritto dell’erario alla percezione delle sanzioni.
cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:42:30
# 85
Risposta al commento n. 61
Gentile signor Agostino,
è un strano che lei possa aver consegnato la successione senza tutti gli allegati poiché gli uffici delle entrate non accettano le successioni incomplete, salvo il caso che vengano spedite per posta. Le consiglio di rivolgersi all’ufficio competente per risolvere la questione in quanto è sempre possibile integrare le dichiarazioni fatte.
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:47:36
# 86
Risposta al commento n. 64
Gentile signor Massimiliano,
il codice civile prevede un termine di 10 anni per l’accettazione o la rinuncia all’eredita dopo di che dovrebbe intervenire lo Stato. Che intervenga lo stato è molto difficile per cui non è raro che gli eredi presentino in notevole ritardo le successioni, soprattutto se nel contempo hanno avuta la disponibilità del bene. Le questioni tra gli eredi sono sempre risolvibili, ma solo dopo che è stata presentata la denuncia di successione. E’ sempre possibile vendere la propria quota con o senza l’atto di divisione; consiglio, tuttavia, di evitare le lite e di trovare un accordo bonario.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:48:33
# 87
Risposta al commento n. 66
Gentile Signor Alessandro,
le risponderò in modo schematico alle sue domande:
si ha diritto ai benefici prima casa ogni qualvolta uno degli eredi utilizza l’immobile come propria abitazione, pertanto sia il primo immobile dove risiede il coniuge e sia il secondo adibito ad abitazione del figlio possono avere i benefici prima casa;
non si può vendere l’immobile prima che sia stata presentata la denuncia di successione, poiché ciò renderebbe nullo l’atto di vendita; nel caso poi l’immobile si vendesse il secondo immobile prima che siano decorsi 5 anni dall’acquisizione non è possibile avere i benefici prima casa.
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:49:46
# 88
Risposta al commento n. 67
Gentile signora Franca,
con la situazione da lei descritta non sembra possibile che questi eredi possano usufruire dei benefici per la prima casa.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:50:33
# 89
Risposta al commento n. 68
Gentile signor Andrea,
la scrittura privata non ha valore di legale salvo che la stessa sia stata registrata presso gli uffici delle entrate, cosa che non appare dalla sua domanda. Pertanto o si procede alla registrazione della scrittura privata e poi alla successione per il 100% oppure si fa la successione per il terzo e poi si procede con un nuovo atto di vendita tra gli eredi. Andrà valutato in relazione hai rapporti tra gli eredi.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:51:13
# 90
Risposta al commento n. 69
Gentile signor Massimo,
i limiti per il pagamento dell’imposta di successione sono di 1.000.000 € per erede pertanto se la successione si compone della casa e della somma del c/c bancario non credo che raggiungerete la cifra di 2 milioni di €. I soldi del c/c andranno tuttavia dichiarati per intero perché cosi la legge dispone altrimenti la banca non da la liberatoria. Sulla Casa si pagheranno l’imposta ipotecaria e catastale. Per quanto attiene il mod. 730 dovranno essere dichiarate dagli eredi le quote dell’immobile ereditato. Pertanto nulla si pagherà sulla cifra ereditata se non si superano i 2 milioni di € e nulla dovrà essere dichiarato sul 730.
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:52:00
# 91
Risposta al commento n. 70
Gentile signor Ezio,
è difficile rispondere alla sua domanda poiché gli elementi forniti sono scarsi. Comunque se dovesse riferirsi ad ipoteche dovute a concessioni di mutuo allora va presentata regolare denuncia di successione indicando la quota capitale residua nel riquadro delle passività e poi notificare copia alla banca. Se invece l’ipoteca è stata iscritta per qualsiasi altra causa occorrerà valutare con un professionista sull’accettazione o meno della successione e se avvalersi dell’accettazione con beneficio d’inventario.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:52:55
# 92
Risposta al commento n. 71
Gentile signora Maria Carmela,
non si sarebbe potuto liquidare la ditta prima della denuncia, pertanto, se si vuole essere in regola occorre dichiarare nella denuncia anche l’azienda, peraltro la legge prevede che tutti i beni, venduti nei 6 mesi prima della morte devono essere ricompresi nell’asse ereditario.
Cordialmente
.::  Alfiero Grandi  inviato il 25/02/2009 @ 10:53:50
# 93
Egregio Sig.Grandi
mia madre e mio padre sono coinvolti in un fallimento aziendario dal 1991 la societa era una SNC con tre soci di cui mia madre e mio padre.Tutto cio per dirle che nel Maggio 2006 è venuto a mancare mio nonno il padre di mia madre il qale era proprietario al 50% dell'immobile in cui vive ora mia nonna.Mia mamma ha altri due fratelli i quali stanno premendo per poter ottemperare al pagameto della tassa di successione.Tanto premesso le chiedo QUANTO TEMPO si può attendere per il pagamento di tale tassa?
Con la presente le porgo i mie più sentiti ringraziamenti.
.::  ANTONIO  inviato il 12/03/2009 @ 17:19:01
# 94
BUONASERA,
IN UNA SOCIETA' IN NOME COLLETTIVO COMPOSTA DA 2 SOCI, ENTRAMBI CON IL 50% DELLE QUOTE, UNO SOCIO E' DECEDUTO E LA SUA QUOTA E' ANDATA AGLI EREDI ( LA MOGLIE E DUE FIGLI).
NELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE OCCORRE DARE UN VALORE A QUESTA QUOTA, NELLE ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE TALE QUOTA DOVREBBE ESSERE RAPPRESENTATA DAL 50% DEL PATRIMONIO NETTO DELLA SOCIETA'.
PREMETTO CHE LA SOCIETA' HA ADOTTATO IL SISTEMA DI CONTABILITA' SEMPLIFICATA E QUINDI LO STATO PATRIMONIALE NON VIENE GESTITO.
TALE SOCIETA' E UN'IMMOBILIARE PROPRIETARIA DI N.6 IMMOBILI DEI QUALI IL REDDITO E' RAPPRESENTATO DAGLI AFFITTI ATTIVI PERCEPITI.
I CONTRATTI DI ACQUISTO DI TALI IMMOBILI NON CI SONO POICHE', OLTRE AD ESSERE STATI ACQUISTATI NEGLI ANNI OTTANTA, E' STATO ACQUISTATO IL TERRENO E POI COSTRUITO GLI IMMOBILI, LA SOCIETA' FINO AL 1999 AVEVA COME ATTIVITA' "LAVORI IN EDILIZIA".
L'UNICO DATO CERTO E RECENTE E' RAPPRESENTATO DA UN ATTO NOTARILE DEL 1999 NEL QUALE LA SOCIETA' HA AMPLIATO L'OGGETTO SOCIALE, NEL QUALE E' INDICATO IL CAPITALE SOCIALE.
INDICHEREI IL 50% DEL CAPITALE SOCIALE COME VALORE DA INSERIRE NELLA SUCCESSIONE?
LE QUOTE DELLE SOCIETA' NON SONO TASSABILI AI FINI DELL'IMPOSTA DI SUCCESSIONE?
.::  BEATRICE  inviato il 14/03/2009 @ 15:51:02
# 95
Salve mio suocero ha ricevuto con testamento pubblico un immobile rurale non ha presentato la dichiarazione di successione 20 anni fa ora ha ristrutturato l'immobile e vuole regolarizzarlo come deve procedere? Esiste una sorta di ravvedimento operoso che dia la possibilità al richiedente di non incorrere in sanzioni?
Grazie
.::  Dino  inviato il 15/03/2009 @ 22:35:25
# 96
gent.issimo dottore vorrei sapere quali documenti presentare per ritirare ovvero far fare dei bonifici dei titoli di stato (BOT,CCT, e BTP) del de cuis da parte degli eredi diretti (figli)
.::  Fabio  inviato il 16/03/2009 @ 21:18:26
# 97
Gentilissimo Avv.Grandi, avrei bisogno di tre chiarimenti per la successione di mio padre.
La prima riguarda le detrazioni per le spese funebri, in particolare se poste nella dichiarazione dei redditi mi immagino che non sia poi possibile metterle in successione. La seconda riguarda l'agevolazione prima casa: mia madre vive nell'immobile ereditato(1/3 lei e i resto ai tre figli),è anche proprietaria al 100% di un altro immobile ed io ho in uso gratuito l'immobile di cui mia madre è proprietaria al 100%, gli altri fratelli non ne hanno diritto perchè proprietari di altre prime case: abbiamo diritto all'agevolazione?
La terza riguarda il rateo di tredicesima di mio padre, deceduto il 28.11.08.va inserito nella successione?
La ringrazio anticipatamente per le risposte e le porgo i più cordiali saluti.

.::  michele  inviato il 01/04/2009 @ 18:01:09
# 98
Gentil Dott. Grandi, a seguito del decesso, avvenuto nel 2008, di mia madre io, mio fratello e mio padre abbiamo ereditato il 33% della sua abitazione.
Mio padre, 8 mesi dopo il decesso, ha preso residenza (ed abita) nella stessa casa.
Volevo sapere come comportarci per quanto riguarda la dichiarazione 730 di quest'anno per le relative quotae dell'immobile tenendo conto che io e mio fratello abitiamo (in affitto) in altra abitazione.
Grazie mille e i più cordiali saluti.
.::  Alberto  inviato il 09/04/2009 @ 18:04:55
# 99
Con la presente sono a sottoporVi due quesiti inerenti alla Dichiarazione di Successione (Mod 4):
1)Nel quadro C “Donazioni e liberalità ancorché presunte effettuate dal defunto agli eredi e legatari” devono essere indicate le donazioni effettuate dal de cuius solo negli ultimi sei mesi, come nel quadro B4, oppure tutte quelle effettuate senza alcun limite temporale ?
2)Nel caso in cui tra gli eredi ci fosse un disabile per il quale è stata presentata domanda di interdizione, e ad oggi non è stato nominato ancora il tutore, qual' è l' iter da seguire? Bisogna presentare una documentazione integrativa? Grazie.
.::  Massimiliano  inviato il 04/05/2009 @ 23:02:03
# 100
con la presente invio il seguente quesito:
nonna deceduta 8.o5.2008. mio padre e suo fratello eredi di un immobile. mio padre rinuncia all'eredità con data 8.03.2009.subentro io come erede insieme a mio zio ma intendo esercitare anch'io la rinuncia all'eredità.in fase di dichiarazione redditi 730 2008 devo dichiararlo questo immobile? Grazie
.::  ilaria  inviato il 29/05/2009 @ 19:19:00
# 101
Gentil Dott. Grandi, sto predisponendo la dichiarazione di successione di mio padre, avendo 2 immobili ( nei quali abito) , un appartamento e relativa autorimessa , devo applicare l'agevolazione prima casa ad entrambi o solo all'apartamento?
Essendo gravati entrambi da mutuo con relativa ipoteca ,devo produrre le relative certificazioni relative alle passivita' e farle risultare nella dichiarazione nonostante usufruisca gia' di agevolazione prima casa ?
Grazie mille e cordiali saluti.
.::  roberto  inviato il 03/06/2009 @ 00:54:36
# 102
Al coniuge superstite in seconde nozze spetta il diritto di abitazione per intero tenuto conto che i figli (prime nozze) del coniuge deceduto avevano già in proprietà il 50%? Qual'è la portata del testo del 2° co dell'art. 540 c.c. "Tali diritti gravano sulla porzione disponibile e qualora non sia sufficien-te, per il rimanente sulla quota di riser-va del coniuge ed eventualmente sulla quota riservata ai figli?
In attesa di un cortese riscontro, anticipatamente ringrazio e saluto
.::  giuseppe picone  inviato il 28/06/2009 @ 19:01:59
# 103
Gentil Dott. Grandi, ho presentato un successione in sede di voltura mi sono resa conto di aver sbagliato la particella di un fabbricato come posso rettificare la successione e quanto devo pagare per l'errore(la successione e'scaduta).Grazie laura
.::  laura bergamotti  inviato il 10/07/2009 @ 14:40:21
# 104
AVV.GRANDI,
PERCHè NN RISPONDE IN MERITO ALLA DOMANDA
N.77? DISTINTI SALUTI
.::  FELICE  inviato il 12/08/2009 @ 12:59:31
# 105
pregiatissimo,
gradirei conoscere la base di calcolo ed il metodo stesso per calcolare il valore del diritto di abitazione (o usufrutto)di una zia(coniuge superstite)erede al 50% di un immobile in cui vive da sola ereditato insieme alle nipoti (per il restante 50%) le quali chiedono di venderlo anzitempo per monetizzare la loro quota parte. La zia pur volendo accondiscendere alla richiesta delle nipoti, chiede che le venga riconosciuto, economicamente, il diritto a cui rinuncerebbe per favorire,con lei in vita,la vendita dell'immobile.
.::  adriano russo  inviato il 24/08/2009 @ 10:14:51
# 106
Come ho già scritto più volte (vedere avvisi) non mi è più possibile rispondere a singoli quesiti personali, mi dispiace, cordialità Alfiero Grandi
.::  Alfiero Grandi  inviato il 27/08/2009 @ 11:46:55
# 107
Come ho già scritto più volte (vedere avvisi) non mi è più possibile rispondere a singoli quesiti personali, mi dispiace, cordialità Alfiero Grandi
.::  Alfiero Grandi  inviato il 27/08/2009 @ 11:48:27
# 108
le banche concedono mutui se si tratta dell acquisto di nude propreta'?
.::  fortuna  inviato il 28/09/2009 @ 11:31:38
# 109
Gentil Dott. Grandi, sarò breve e credo che possa interessare tutti.
Terreno omesso nella dichiarazione principale.
Alla data di apertura della successione lo stesso aveva destinazione agricola, successivamente è diventato (parzialmente) edificabile come meglio specificato nel certificato di destinazione urbanistica. Ora debbo allineare la situazione (sia in conservatoria sia in catasto) quindi debbo redigere la successione integrativa del terreno.
Chè valore inserire in successione, quello agricolo (ricordo alla data di apertura della successione) oppure quello attuale (parzialmente edificabile) di valore ben superiore?
Seppur di valore superiore rientro entro i minimi €.168+168. Secondo Lei conviene dichiarare il valore attuale?.
.::  edoardo  inviato il 22/10/2009 @ 13:00:15
# 110
Salve, vista la vs competenza avrei delle domande da porvi. Mia madre era proprietaria di un fondo immobiliare a metà con un'altra persona. Mia madre è deceduta nel 2005 lasciando come eredi me e mio padre. Non abbiamo fatto alcun atto di successione... che cosa è successo quindi?? la nostra parte è andata allo stato?? l'ici è sempre stato pagato dall'altra persona titolare della proprietà... noi nn abbiamo neanche mai dichiarato niente! che dobbiamo fare adesso??
.::  Eleonora  inviato il 26/10/2009 @ 11:57:53
# 111
salve il mio quesito è questo:
devo presentare una successione per la morte di mio fratello, lui possedeva solo 2 conti coorenti,che chiamerò A e B il giorno della morte aveva spostato la maggiorparte dei soldi del conto A sul conto B.
dopo 10 gg dal decesso sul conto B è arrivato il bonifico della busta paga e del TFR.
come e cosa devo indicare in successione?
la banca del conto B dice che devo indicare il saldo del c/c alla data della morte. ma il TFR e lo stipendio che sono arrivati successivamente?
e lo spostamento fatto dal c/c A al B? lo indico su quale conto? probabilmente sul A come da estratto c/c in data della morte.
sperando di essere stato chiaro rngrazio sinceramente
successivamente sul conto
.::  enrico  inviato il 06/11/2009 @ 17:57:20
# 112
Salve Dott. Grandi. Le sottopongo un quesito inerente la donazione tra fratelli. Provo a spiegare:
Due sorelle donano alla terza alcuni terreni per un valore totale che supera i 100.000 €. Ogni donazione però non supera i 100.000 €, supponiamo 70.000 € ciascuna. Come deve essere inteso il beneficiario che in questo caso è unico ma di due donazioni i cui donatari sono distinti? Ossia, deve essere calcolata l'imposta per la parte eccedente i 100.000 € oppure la normativa intende beneficiario relativo ad un cespite e quindi la franchigia si azzera ad ogni donazione?
Grazie
.::  Marco P.  inviato il 27/11/2009 @ 14:36:54
# 113
Gentilmente un chiarimento,con la morte di mio padre essendo propietario di un immobile con la successiono abbiamo una parte io e mio fratello e relativa madre,in questo immobile vive mio fratello sposato cn figlio adesso in caso di divorzio la casa va alla moglie o siccome è una donazione rimane a mio fratello?grazie anticipatamente
.::  Giancarlo  inviato il 11/12/2009 @ 20:27:23
# 114
buongiorno,
vorrei gentilmente sapere se mia nonna
donasse in vita la sua casa a a mio figlio
può farlo ? quali tasse dovrebbero pagare ? la ringrazio in anticipo.
.::  ciulli mauro  inviato il 15/12/2009 @ 05:46:12
# 115
buongiorno,
vorrei gentilmente sapere se mia nonna
donasse in vita la sua casa a a mio figlio
può farlo quali tasse dovrebbero pagare la ringrazio in anticipo.
.::  ciulli mauro  inviato il 15/12/2009 @ 05:46:46
# 116
BUONGIORNO VORREI UN'INFORMAZIONE. MIA MADRE STA DONANDO ALCUNE IMMOBILI AI FIGLI, IO STO RICEVENDO UN IMMOBILE AL MARE. ESSENDO CHE HO GIA' LA PRIMA CASA E USUFRUIAMO DELLA LEGGE 104,PER IL PAGAMENTO DELLA SCRITTURA COL NOTAIO HO QUALCHE AGEVOLAZIONE? NELL?ATTESA DI UNA VOSTRA RISPOSTA VI INVIO CORDIALI SALUTI. GRAZIE.
.::   inviato il 17/12/2009 @ 11:03:34
# 117
Buongiorno,
ho ereditato da mio padre deceduto il 13/12/2009 un appartamento non di lusso. Sono figlia unica e mio padre era divorziato. Sulla casa grava un'ipoteca poichè mio padre aveva stipulato un mutuo (non per acquistare la stessa) per consolidare dei debiti pregressi. Naturalmente ho ereditato anche il debito che per fortuna si autopaga con l'affitto regolarmente registrato. Tenendo conto che per me questa è una seconda casa, come mi devo comportare in fase di dichiarazione dei redditi nel 2010? Devo pagare io le tasse che mio padre avrebbe dovuto pagare dall'1/01/2009 al giorno del decesso? Inoltre per il mutuo suddetto ho diritto a qualche detrazione/deduzione in sede di 730? Aggiungo per completezza che lui era pensionato inpdap e che ho già provveduto ad effettuare la disdetta della pensione.
Grazie
.::  elisa  inviato il 22/12/2009 @ 10:26:45
# 118
Gent.mo Dott. Grandi,
mia madre, proprietaria di un immobile, è deceduta nel febbraio 2009, sono l'unico erede ed andrò a vivere in quell'appartamento, ma non ho ancora avviato le pratiche per la successione. Per godere delle agevolazioni previste per la prima casa, vorrei aprire la successione dopo aver venduto l'immobile del quale sono attualmente proprietario, ma visto che non riuscirò a farlo prima di aprile 2010, andrei ad aprire la successione 14 mesi dopo la morte di mia madre. A quali sanzioni andrei incontro? Grazie molte
.::  Fabrizio  inviato il 22/12/2009 @ 16:05:06
# 119
Dott. Grandi, mio suocero morto nel 2009 ha lasciato agli eredi (moglie + 2 figli) un appartamento utilizzato dalla moglie come 1° casa e un locale adibito a negozio utilizzato da 1 figlio per la sua attività.
Vorrei sapere ai fini ICI e IRPEF chi deve dichiarare gli immobili.
Grazie
.::  Angelo  inviato il 04/01/2010 @ 19:09:29
# 120
Buon giorno, dott. Grandi. Mia zia è morta qualche settimana fa, senza figli e senza lasciare testameto. Vedova, con solo una sorella in vita e il sottoscritto, figlio unico dell'altra sorella (mia madre) morta nel 2006.
Abbiamo scoperto, il giorno dopo della morte, che mia zia ha donato, con atto notarile, l'appartamento di sua proprietà e residenza ad un estraneo. Il fatto è avvenuto due mesi prima della sua morte. Del contante che mia zia teneva in casa e che ammontava a diverse decine di migliaia di euro non se ne hanno più notizie. Quali possibilità abbiamo, noi eredi, in mancanza di altri beni che riescano a soddisfare le quote legittime, di agire nei confronti di questo estraneo che è riuscito a farsi donare l'unico bene di un certo valore?

Grazie.
.::  Sergio F.  inviato il 22/01/2010 @ 12:54:39
# 121
Gentile Sig. Grandi vorrei porle un quesito, nel 2001 è deceduto mio suocero, proprietario al 50% con mia suocera della loro casa, non abbiamo ancora pagato la tassa di successione, mio marito è figlio unico e la madre ha fatto rinuncia all'eredità.Ora vorremmo regolare la nostra posizione con il fisco per poter vendere l'immobile.mi potrebbe dire a quanto ammontano le sanzioni e se basta recarsi all'agenzia delle Entrate o serve il notaio? Grazie Stefania
.::  Stefania Genovali  inviato il 23/01/2010 @ 21:26:59
# 122
Rispondo a lei e alle altre persone che hanno posto domande tecniche, purtroppo il blog non ha più la possibilità di rispondere a singole domande e non diamo risposte inesatte. Mi spiace Alfiero Grandi
.::  Alfiero Grandi  inviato il 27/01/2010 @ 18:46:52
# 123
IN PRESENZA DI SOLI FABBRICATI SI PAGANO SOLO L IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE? INOLTRE SE UN FABBRICATO è COSTRUITO SU TERRENO DEMANIALE E SI PAGA REGOLARMENTE L INDENNIZZO X OCCUPAZIONE AL COMUNE E L ICI VA IN SUCCESSIONE?GRAZIE
.::  roberta  inviato il 30/01/2010 @ 13:00:33
# 124
Buona sera.
Dato che non può più rispondere alle domande che Le vengono poste, perché non chiude questo blog o elimina la possibilità di chiedeRe quesiti?
.::  Sergio F  inviato il 01/02/2010 @ 14:48:26
# 125
Buona sera, mia mamma ha ereditato una casa insieme alla sorella.Per la successione, mia mamma può pagare solo la sua parte di tasse?La sorella di mia madre,abitando nella casa ereditata,e possibile chiedere un'indennizzo?Grazie.
.::  antonio  inviato il 04/02/2010 @ 15:13:34
# 126
Egr.Alfiero Dott.Grandi , saimo 7 eredi di piccole particelle di terreno , io ho fatto a suo tempo la denuncia di successione per la mia parte, anno 2001, gli altri eredi no, ora vogliono vendere i tereni , incorro in sanzioni in solido congli altri eredi ho il fatto che siano decorsi i 5 anni dalla mancata presentazione fa decadere ogni sanzione.
La ringrazio anticipatamente per il suo supporto. Saluti
.::  Massimo Contini  inviato il 06/02/2010 @ 16:09:33
# 127
mio zio è morto nel 2007 e abbiamo aperto la successione subito versando una parte.I fratelli eredi sono sei di cui viventi erano tre e tre deceduti. I viventi non hanno pagato nulla, ma nel frattempo nell'anno 2009 sono deceduti eabbiamo venduto l'immobile nel Dicembre 2009 rfifacento tutte le pratiche. Ora è arrivato da pagare e non pagano i tre fratelli invece noi erededi iniziali dovremmo pagare la differenza divisa tra i primi fratelli defunti posso sapere se è lecito.
.::  pietro  inviato il 17/02/2010 @ 13:37:18
# 128
mio zio è morto nel 2007 e abbiamo aperto la successione subito versando una quota parte solo esclusivamente gli eredi dei 3 fratelli defunti di cui tre viventi al momento dell'apertura.Nel corso dell'anno 2009 nel primo semestre sono deceduti due dei viventi spostando così a Ottobre la vendita dell'immobile sistemando le carte con il notaio incaricato. Gennaio 2010 sono arrivati da parte delle imposte il pagamento della successione, con i conteggi del pagamento che ai fratelli viventi di cui 2 deceduti la somma da versare è ripartita solo agli eredi dei 3 fratelli deceduti antecedente l'apertura della successione. E' leggittimo che noi paghiamo e loro nulla, malgrado i loro figli hanno avuto la loro eredità. posso sapere se è lecito.
.::  pietro  inviato il 17/02/2010 @ 14:49:29
# 129
Le spese (tra cui quelle notarili)sostenute dalla sottoscritta per redigere un atto di successione e un atto di donazione sono deducibil dalla mia dichiarazione dei redditi? Grazie Antonia Arena
.::  ANTONIA ARENA  inviato il 23/02/2010 @ 17:35:23
# 130
Un giovane vedovo con un figlio si risposa, e porta il figlio nella nuova famiglia. dopo poco tempo lui muore senza avere altri figli.la casa della vedova va alle sue sorelle o alla figlia del marito?
.::  Vincenzo Modica  inviato il 12/03/2010 @ 17:26:57
# 131
Salve,
mio padre è deceduto il 30/05/2009, e mia madre e mio fratello hanno rinunciato all'eredità della prima casa, che era posseduta al 50% da mio padre e mia madre in comunione dei beni.
Attualmente quindi mia madre è ancora proprietaria del 50% dell'immobile, mentre il restante 50% è ereditato interamente da me. Mia madre continua a vivere nell'appartamento. Come devo comportarmi pe ri modelli 730? Tale appartamento risulta come detrazione ICI interamente sul 730 di mia mamma, che ci abita pur avendo rinunciato all'eredità, o devo metterlo per metà nel mio 730 anche se non vi risiedo? In caso di ultima risposta affermativa, quale è la data che fa fede per l'inizio del conteggio? Quella del decesso, quella della rinuncia di mia madre e mio fratello o quella della consegna della dichiarazione di successione?

grazie

Cinzia Butini
.::  cinzia butini  inviato il 16/03/2010 @ 15:11:04
# 132
Il 24/06/09 è deceduta mia madre e quindi ci siamo attivati per procedere alla denuncia di successione ereditaria.
Abbiamo scoperto che per procedere alla successione è necessario correggere la successione di mio padre deceduto nel 1971, in quanto nella sua successione sono stati erronneamente indicati la quota di tre fabbricati che non erano di sua proprietà e che comunque non hanno fatto parte della successione effettiva. Posso procedere alla successione di mia madre non considerando i 3 fabbricati senza incorrere in problemi futuri?
.::  Raffaele  inviato il 17/03/2010 @ 10:55:00
# 133
Buongiorno, dottor Grandi, il mio quesito è il seguente: alla morte di mia madre, nel 1998, feci la successione per l'appartamento di sua proprietà e quant'altro, ma non inclusi la quota di 1/3 di un'altro appartamento situato in un'altra città.
Mi è stato detto di fare una denuncia integrativa relativa a quella quota. Il calcolo quindi sarà su 1/3 del valore, ma il valore stesso, riferito al 1998, oppure alla data odierna?
.::  matteo mura  inviato il 18/03/2010 @ 12:02:04
# 134
Egregio dott.Grandi il mio quesito e il seguente: alla morte di mio suocero 06/01/2010 i 4 figli più la moglie hanno proceduto per la successione di un'appartamento perfezionatosi in data 02 febbraio 2010. A mia moglie gli sono toccati 83 millesimi di eredità sullo stesso, adesso vorrei cortesemente sapere:
1. mia moglie deve presentare dichiarazione ici e pagare la sua quota 83 millesimi anche se l'appartamento è abitato da mia suocera e da un figlio celibe per la sua parte degli 83 millesimi?.
2. Ai fini della dichiarazione dei redditi mia moglie è tenuta a presentarla nel 2011. Faccio presente che la stessa e comproprietaria al 50% con lo scrivente di un'appartamento in cui dimoriamo Inoltre e casalinga e non è percepisce nessun reddito.Grazie per la risposta che Ella sicuramente vorrà fornirmi. Distinti saluti Francesco.
.::  FRANCESCO  inviato il 22/03/2010 @ 21:42:16
# 135
Mio zio,proprietario del 50% di un appartamento, è morto nell'agosto 2008.
Siamo 5 nipoti,unici parenti, e nel marzo del 2009 abbiamo fatto la successione.
A novembre dello stesso anno scopriamo che lo zio, tramite testamento, ha lasciato la sua quota alla Chiesa.
Cosa dobbiamo fare?
Quest'anno, 2010, dobbiamo dichiarare la nostra quota sul 730?GRAZIE
.::  ivana  inviato il 28/03/2010 @ 19:56:38
# 136
buona sera,
una semplice questione:
Può un padre devolvere con semplice trasferimento bancario una gran parte
dei suoi averi ad un solo figlio ?
In caso di morte del padre l'altro figlio
(quello che non ha ricevuto denaro) rivalersi sul fratello che ha ricevuto soldi dal padre in vita?
grazie in anticipo
carlo
.::  carlo  inviato il 30/03/2010 @ 16:59:36
# 137
Buongiorno, cortesemente, è possibile sapere a fronte della situazione qui di seguito descritta quali sono le incomnbenze economiche dovute?


Due appartamenti con tre proprietari

Appartamento A di 65 mq circa al 100% di proprietà di Tizia (mia madre)
Appartamento B di circa 55 mq circa di proprietà per 1/6 di Caio (io), per 1/6 di Sempronio (mio fratello) e per 4/6 di Tizia (mia madre)

Per le questioni familiari che ti ho spiegato, i due appartamenti dovranno essere intestati a me e mio fratello, per l’esattezza:



l’appartamento A dovrà essere intestato a Caio (io)
l’appartamento B dovrà essere intestato a Sempronio (mo fratello)




Per ottenere quanto sopra, Tizia (mia madre) donerà la sua proprietà a noi figli. Fatto quanto di competenza di mia madre, per arrivare a quanto ci siamo proposto, io e mio fratello vicendevolmente dovremo donare tra noi quanto è (o sarà) di nostra intestazione
.::  mICHELE  inviato il 13/04/2010 @ 15:35:29
# 138
Gentile dottore,
dovrei preparare la Denuncia di Successione per mia nonna deceduta lo scorso Gennaio. Gli eredi sono i suoi 7 figli, tuttavia uno di loro è venuto a mancare tre anni fa e non è mai stata fatta la successione. Le chiedo, è possibile fare la successione della madre se non è stata mai fatta la successione per il figlio deceduto alcuni anni prima inserendo al posto di quest'ultimo direttamente i suoi eredi? Grazie, Antonio M
.::  Antonio Marziliano  inviato il 16/04/2010 @ 23:07:10
# 139
Mia madre, coniugatasi prima della riforma del dir di fam., vedova, è deceduta il 14.4.10 lasciando a noi 4 sorelle, oltre un grande vuoto, titoli per € 280.000 - CCT € 200.000 e obbl. IMISPAOLO e ENI per € 80.000 e liquidità per € 7.000. In forza di testamento, era titolare dell’usufrutto, disposto da mio padre, dell’abitazione e di terreni agricoli mentre, in misura di ¼ ciascuna, noi sorelle siamo intestatarie della nuda proprietà (successione seguita da notaio). Pertanto asse ereditario è rappresentato dai valori elencati e forse, da un vecchio trattore. Dobbiamo fare la denuncia di successione?
.::  NADIA NIERO  inviato il 20/04/2010 @ 23:55:01
# 140
Richiesta Urgente! Alla morte di mamma ho ereditato insieme a 5 fratelli la casa in cui già era residente insieme a mamma mio fratello che quindi ha usufruito in successione delle agevolazioni 1° casa, dovendo adesso acquistare la mia prima casa nello stesso Comune ed avendo 166/1000 di proprietà sulla casa di mamma posso usufruire dei benefici della prima casa non potendo attualmente mio fratello acquistare la mia quota.Il notaio mi ha detto che la Legge non è chiara.
.::  Imma  inviato il 23/04/2010 @ 12:51:37
# 141
Salve, mio padre è venuto a mancare il 17 Agosto 2009.
L’appartamento, di cui era lui il solo proprietario, è andato in successione così:
34% a mia madre che risiede nell’abitazione;
22% a me;
22% a mia sorella;
22% all’altra mia sorella;
Premetto che nessuno dei tre figli abita nell’appartamento poichè ognuno di noi ha una propria casa in cui abita (di cui siamo proprietari), credo che sulla casa ci sia il diritto reale di abitazione esercitato da mia madre per legge.
La mia domanda è questa:
Nel 730 devo dichiararla essendo proprietario del 22 % o sono un nudo proprietario della casa in successione ?
L’ICI devo pagarla o spetta a mia madre ?
Spetta tutto a mia madre ?
Grazie e buon lavoro
Paolo Coppola

.::  PAOLO COPPOLA  inviato il 05/05/2010 @ 14:53:22
# 142
Salve miei nonni sono mancat nel 2006 la nonna e nel 2007 il nonno , mio padre nel 1980 ho ereditato del terreno da loro a Taurianova (RC) ,quando e morta mia nonna ho ereditato un 50% dato che era fatto tutto dal notaio e poi mio nonno a annullato il tutto e possibile.
.::  Raso Domenico  inviato il 12/05/2010 @ 10:15:57
# 143
Sono proprietario di due appartamenti e 1 locale.Ho dovuto vendere 1 appartamento per dare a mio figlio i soldi per l'acquisto di 1 appartamento nella cittaà dove deve avevr residenza da coniugato.come mi devo in seguito comportare con l'altro figlio? Grazie
.::  Marco Aurelio Calvario  inviato il 13/05/2010 @ 11:44:06
# 144
Sono proprietaria di 1/2 appartamento.L'altra metà mia madre me lo vuole donare subito, ma io sto aspettando perchè vorrei comprarmi un altro appartamento con mutuo agevolato per la prima casa. Se poi mia madre muore cosa succede ai fini della successione? Quanto costerebbe l'altra metà dopo, e invece quanto costerebbe la donazione ora?
.::  felice madio  inviato il 24/05/2010 @ 18:17:01
# 145
Una persona stipula con una società costruttrice un contratto notarile avente ad oggetto la permuta di un terreno con fabbricato da costruire. Prima che il fabbricato fosse iniziato la suddetta persona muore. Gli eredi cosa devono dichiarare in successsione atteso che non sono più in possesso del terreno nè tanto meno del fabbricato che ancora la ditta costruttrice deve edificare?Gradirei una risposta sollecita...Grazie.
.::  tonino papaianni  inviato il 27/06/2010 @ 23:26:23
# 146
salve, mio padre e' morto il 5.7.2010 ed esiste testamento dove e' scritto mio padre lascia a me un terreno di circa 400 mq, dove sopra vi e0 un rudere. Questo terreno risulta essere al 50 per cento del defunto e il restante 59 di mia madre. Cosa succede se i miei fratelli(4) come sta succedendo si oppongono? vorrei sapere anche quale e' il termine x la presentazione della succession. grazie Gnesio LECCA
.::  Genesio LECAA  inviato il 18/07/2010 @ 07:32:23
# 147
gENTILISSIMI salve, mio padre e' morto il 5.7.2010 ed esiste testamento dove e' scritto che mio padre lascia a me un terreno di circa 400 mq, dove sopra vi e' un rudere. Questo terreno risulta essere al 50 per cento del defunto e il restante 50 di mia madre. Cosa succede se i miei fratelli(4) come sta succedendo si oppongono? vorrei sapere anche quale e' il termine x la presentazione della succession. grazie Gnesio LECCA
.::  Genesio LECCA  inviato il 18/07/2010 @ 07:36:45
# 148
mi e' stato richiesto in funzione di erede dello zio il pagamento arretrato delle ici.l'immobile pero' al catasto non risultava registrato a lui (ma a mia mamma deceduta prima)mi puo' gentilmente dire se sono tenuta al pagamento?
.::  isabella  inviato il 20/07/2010 @ 23:24:19
# 149
mio nonno è morto 50 anni fa, mio papà 8 anni fa, solo ora io e i miei fratelli abbiamo saputo che mio nonno aveva una casa, nemmeno mio papà lo sapeva, la casa è un rudere, cosa dobbiamo fare per non volerla? siamo obbligati a prenderla?
.::  gelsomina darace  inviato il 27/07/2010 @ 15:58:05
# 150
mia madre può donare a titolo gratuito ai suoi 4 figli la sua quota di proprietà ereditata dalla morte del marito 12 anni fà anche se due dei suoi figli hanno a sua volta dei figli?
.::  elisabetta  inviato il 25/10/2010 @ 22:04:13
# 151
Salve volevo avere due chiarimenti:

1)in successione il coniuge superstite titolare della proprietà in comunione dei beni con il decuius sulla casa di abitazione puo usufruire dell'agevolazione prima casa relativamente alla sua quota parte ereditata della stessa casa, o in quanto già titolare del 50 % non puo accedere a tale beneficio ?
2)I beni alienati dal decuius nei sei mesi antecedenti il decesso devono essere indicati nella dichiarazione di successione ma non concorrono all'attivo ereditaro? Oppure non bisogna proprio indicarli in qualunque caso ?Sperando di essere stato chiaro la Ringrazio.
.::  Pasquale  inviato il 09/11/2010 @ 19:24:06
# 152
In caso di omessa denuncia di successione (sono passati 12 anni dal decesso)cosa si deve fare e cosa si deve pagare?
N.B. trattasi di terreno non edificabile di mq 430 con R.D. pari a 1,51 €.
Grazie e cordiali saluti.
.::  Franco Nuciforo  inviato il 30/12/2010 @ 06:49:14
# 153
ho un fabbricato non inserito in successione testamentaria "erroneamente", occorre fare una successione integrativa. visto che l'immobile è in possesso di un erede, l'altro può rinunciare parzialmente oppure deve rinunciare a tutto?
grazie.
.::  MASSIMO  inviato il 03/01/2011 @ 14:54:36
# 154
Sono in procinto di compilare la dichiarazione di successione di mio suocero, deceduto in data 30.11.2010, per conto degli eredi. Non sono presenti immobili né terreni ma solo conto correnti di cui uno in dollari. Alla voce totale asse ereditario cosa indico se uno dei conti correnti è in dollari e precisamente $ 25.752? Quale cambio devo considerare, quello al momento della morte o quello attuale? Distinti saluti Guariglia Felice
.::  Guariglia Felice  inviato il 30/01/2011 @ 10:00:36
# 155
Buongiorno, vorrei chiedere informazioni a riguardo della denuncia di successione di un'azienda agricola s.a.s. dal titolare alla coniuge e due figli (non agricoltori).Come devo indicarla sul modello? Successivamente mi saprebbe indicare anche le modalità di compilazione della voltura catastale?
Ringrazio anticipatamente.
Giovanni.
.::  GIOVANNI  inviato il 27/03/2011 @ 11:09:58
# 156
buongiorno ,hoin corso un accertamento per gli anni 2006, 7, 8, 9 e 10 con il fisco , come posso dimostrare al fisco che mio padre quando era in vita mi ha fatto un regalo di soldi di circa 80.000 85.000 euro
.::  alessandro  inviato il 24/04/2011 @ 20:09:53
# 157
buogiorno, a dicembre 2006 è mancata mia madre in comunione dei beni con mio padre proprietario di terreni e casa dove abita. un terreno con la casa colonica è stata ereditata, mentre altri due terreni sono stati acquistati dopo il matrimonio. Alla morte di mia madre andava presentata la denuncia di successione? So che non è stata mai preentata. Se si ci sono delle penalità?. Oggi mio padre vorebbe fare la donazione di tutto a due nipoti (uno mio filgio, l'altro figlio di mio fratello), può farlo. Grazie della risposta
.::  Fabrizia  inviato il 06/08/2011 @ 09:40:52
# 158
Buongiorno, mio padre ha fatto testamento lasciandoci ( in parti uguali, a mia mamma ed a noi 4 fratelli ) una casetta formata da due appartamenti, ha disposto il diritto d'uso dell'appartamento grande a mia mamma. Volevo sapere se e come devo dichiarare le quote ereditate premesso che io non posseggo attualmente nessuna proprietà. Inoltre volevo chiederle se le decisioni in merito all'appartamento libero debbono essere prese all'unanimità o a maggioranza. grazie Edgar
.::  Edgar  inviato il 16/08/2011 @ 12:26:38
# 159
Buongiorno;dopo la morte di mia madre avvenuta a febbraio 2011, mio padre novantenne ha deciso di avviare una pratica di donazione in vita di tutti i suoi beni equamente suddivisi fra i cinque figli,anche per garantirne la loro salvaguardia,sulla base di una stima del patrimonio effettuata da persona qualificata. Può uno dei figli impedire questo atto? Grazie Giorgio
.::  Giorgio  inviato il 21/08/2011 @ 17:57:04
# 160
salve. mia madre ha ereditato da testamento da sua zia un terreno edificabile di 3200 mq e una casa. cosa e quanto deve pagare di tassa successione. come si calcola. se mia mare rinunciasse e vorrei portarlo a mio nome, quanto dovrei pagare io di tassa successione. aspetto a breve delle risposte. cordiali saluti
.::  Riccardo  inviato il 23/08/2011 @ 18:17:12
# 161
salve. mia madre ha ereditato da testamento da sua zia un terreno edificabile di 3200 mq e una casa. cosa e quanto deve pagare di tassa successione. come si calcola. se mia madre rinunciasse e vorrei portarlo a mio nome, quanto dovrei pagare io di tassa successione. aspetto a breve delle risposte. cordiali saluti
.::  Riccardo  inviato il 23/08/2011 @ 18:19:06
# 162
salve,i miei nonni propietari di un piccolo immobile. nel 1976 è mancata mia nonna avendo 5 figli purtroppo non è stata fatta nessuna successione mancato mio nonno nel 1991 nessuna successione ad oggi sono mancati anche due figli cosa possiamo fare oggi per metterci in regola
grazie
.::  Raffaele  inviato il 29/08/2011 @ 23:20:13
# 163
Buongiorno, sono Michele DE FINIS, geometra della Pr. di Foggia (PUGLIA), vorrei porVi una domanda con riferimento alla compilazione del Quadro B4 di una Successione.
Il de cuius era prop. per 1/2 di un Conto Corrente Bancario di €.117,91(Totali) e per 1/2 di un Deposito Amministrato di €.1797,00(Totali),nel Quadro B4 si inserisce il valore totale o la metà corrispondente alla sua quota?
Grazie e attendo risposta.
.::  Michele DE FINIS  inviato il 08/09/2011 @ 09:40:52
# 164
Salve, sono Giorgia Rossi, da Roma. Vorrei porre un quesito, è mancato un mio parente titolare di una società, che è stata chiusa il giorno del suo decesso,si deve mettere in successione con utili e bilancio?Oltre ciò mesi prima del decesso questo mio parente ha venduto un alloggio di sua proprietà, qst non va più in successione? non deve figurare nella denuncia? oltre a questo possiede aree fabbricabili e enti urbani si devono valutare in successione e ci vuole il certificato di destinazione urbanistica?Se si come si può operare? a chi mi posso rivolgere?
.::  giorgia  inviato il 21/09/2011 @ 16:20:12
# 165
la ringrazio per la sua disponibilità, attendo risposta. salve giorgia rossi
.::  giorgia  inviato il 21/09/2011 @ 16:21:40
# 166
buongiorno! una mia cliente è deceduta nel novembre 2006, devo presentare ora la dichiarazione di successione e vorrei sapere che imposte debbo autoliquidare e quali sanzioni ed interessi per la ritardata presentazione ed il ritardato pagamento! la ringrazio, Geom. Antonello
.::   inviato il 21/09/2011 @ 19:44:44
# 167
salve la disturbo perche' ho un problema che mi assillai miei genitori hanno lasciato in eredita'un oliveto con 21 piante di ulivo,eravamo tre fratelli tutti sposati ,due son deceduti sono rimasto io mia cognata senza figli e tre nipoti orfani dei genitori la domanda e questa:puo'mia cognata vendere una quota dell'uliveto,a tutt'oggi la lavoreazione vine effettuata da un'altra persona.distinti saluti Seveverino
.::  Severino Luongo  inviato il 29/09/2011 @ 22:49:00
# 168
Buongiorno
sto compilando una dichiarazione di successione, nel quadro B2 vanno inserite anche le obbligazioni e i fondi comuni d'investimento vanno inserite al netto della esenzione. grazie
.::  angelo loricchio  inviato il 09/10/2011 @ 11:35:43
# 169
Segnalo un interessante servizio recentemente predisposto dall'Agenzia del Territorio che rende direttamente accessibili su smartphone i dati predisposti dal catasto in ordine alle stime degli immobili secondo le quotazioni dell’Osservatorio del mercato Immobiliare
http://www.tutorcasa.it/articoli/omi_mobile_prezzi_immobili.htm
.::  casa  inviato il 09/10/2011 @ 15:44:55
# 170
salve vorrei un chiarimento in merito ad un problema. mio suocero è morto nel settembre 2006 e fino ad allora aveva residenza nella stessa casa un mio cognato sposatosi nel giugno 2006. è di recente arrivata una cartella esattoriale della spazzatura a nome di mio suocero con scritto erede il nome di uno dei 5 figli.questa cartella è da pagare e da chi deve essere pagata? nel caso in cui devono pagare tutti e 5 i figli e uno di questi nn vuole pagare gli altri 4 possono pagare solo la loro somma calcolata dalla somma diviso le 5 porzioni? è urgente rispondetemi
.::  rosaria  inviato il 25/10/2011 @ 17:47:08
# 171
salve vorrei un chiarimento in merito ad un problema. mio suocero è morto nel settembre 2006 e fino ad allora aveva residenza nella stessa casa un mio cognato sposatosi nel giugno 2006. è di recente arrivata una cartella esattoriale della spazzatura a nome di mio suocero con scritto erede il nome di uno dei 5 figli.questa cartella è da pagare e da chi deve essere pagata? nel caso in cui devono pagare tutti e 5 i figli e uno di questi nn vuole pagare gli altri 4 possono pagare solo la loro somma calcolata dalla somma diviso le 5 porzioni? è urgente rispondetemi
.::  rosaria  inviato il 25/10/2011 @ 17:47:57
# 172
salve vorrei un chiarimento in merito ad un problema. mio suocero è morto nel settembre 2006 e fino ad allora aveva residenza nella stessa casa un mio cognato sposatosi nel giugno 2006. è di recente arrivata una cartella esattoriale della spazzatura a nome di mio suocero con scritto erede il nome di uno dei 5 figli.questa cartella è da pagare e da chi deve essere pagata? nel caso in cui devono pagare tutti e 5 i figli e uno di questi nn vuole pagare gli altri 4 possono pagare solo la loro somma calcolata dalla somma diviso le 5 porzioni? è urgente rispondetemi
.::  rosaria  inviato il 25/10/2011 @ 17:49:16
# 173
salve vorrei un chiarimento in merito ad un problema. mio suocero è morto nel settembre 2006 e fino ad allora aveva residenza nella stessa casa un mio cognato sposatosi nel giugno 2006. è di recente arrivata una cartella esattoriale della spazzatura a nome di mio suocero con scritto erede il nome di uno dei 5 figli.questa cartella è da pagare e da chi deve essere pagata? nel caso in cui devono pagare tutti e 5 i figli e uno di questi nn vuole pagare gli altri 4 possono pagare solo la loro somma calcolata dalla somma diviso le 5 porzioni? è urgente rispondetemi
.::  rosaria  inviato il 25/10/2011 @ 17:51:39
# 174
Buonasera, la mia situazione è la seguente: mia madre, sposata in comunione dei beni con mio padre, ha donato 4 mesi fa a me una cospicua somma in denaro dal suo conto corrente personale, con atto notarile, al quale mio padre non era presente. Con quella somma ho comprato una casa, che da 15 giorni ho venduto per trasferirmi all'estero, con il denaro ricavato dalla vendita. Mio padre, che vorrebbe impedirmi il trasferimento all'estero, sta cercando di impugnare l'atto di donazione dicendo che viola la comunione dei beni, non avendo lui formalizzato alcun accordo 4 mesi fa. Può farlo o posso stare tranquillo? Grazie mille in anticipo per la risposta.
.::  Luca  inviato il 28/10/2011 @ 21:27:44
# 175
dopo l'atto di donazione ci siamo accorti che la soffitta era stata accatastata, metà con un e metà con l'altro, poichè mio padre doveva donarla tutta a me, si può fare una rettifica dell'atto?Grazie.
.::  giuseppe  inviato il 12/11/2011 @ 17:52:50
# 176
Buongiorno volevo chiederle dei chiarimenti riguardo la mia situazione:mio marito ha avuto da suo padre e sua zia una casa pagando regolarmente il passaggio di proprietà e facendo firmare rispettivamente padre e zia. Mio marito però ha un fratello, dunque è possibile che quest'ultimo possa subentrare nella proprietà qualora lo volesse? la ringrazio anticipatamente
.::  claudia  inviato il 23/11/2011 @ 12:13:27
# 177
salve, mi puo aiutare a risolvere un problema di eredità, i miei genitori sono morti uno nel 1981 e l'altro nel 1986. 5 fratelli non abbiamo mai provveduto a regolarizzare la successione , posso io donare la mia parte di casa a un fratello è come , inoltre ci hanno chiesto l'ici da pagare mai stata pagata nonostante siamo residenti altrove. in attesa fiducioso distinti saluti
.::  giovanni  inviato il 25/11/2011 @ 15:19:26
# 178
Buongiorno vorrei porre una domanda con riferimento alla compilazione del Quadro B2 e B4 di una Successione. Mio padre deceduto tre mesi fa ha un conto corrente bancario in comproprietà con il coniuge, va indicato nel quadro B4 con quota di possesso e valore al 50% è corretto?
Inoltre ha titoli BTP e fondi obbligazionari, questi vanno indicati nel quadro B2? E' corretto?
Grazie per la Sua cortese risposta
.::  caterina  inviato il 27/11/2011 @ 22:58:29
# 179
BUONGIORNO TRA FRATELLI IN FASE DI SUCCESSIONE I BTP ENTRANO A FAR PARTE SE ECCEDONO DI 100.000 EUR PER LA TASSA DEL 6% GRAZIE
.::  MAURO  inviato il 29/11/2011 @ 14:51:13
# 180
Vorrei, cortesemente, sapere se mia moglie, già proprietaria al 50% di una abitazione, deve pagare l'ici per la quota della casa che le è spettata dopo la scomparsa della madre e dove attualmente vive, avendone anche la residenza, il padre. Ringraziando per la risposta invio distinti saluti.
.::  Vincenzo Cantarella  inviato il 21/12/2011 @ 20:47:13
# 181
Vorrei cortesemente saapere se per la sostituzione di un erede dovuta a rinuncia fatta dopo la presentazione della successione è necessario versare di nuovo i fissi delle imposte ipotecarie e catastali. mi è venuto il dubbio perchè il programma mi calcola in automatico solo le imposte di conservatoria e catastali (che seguendo un ragionamento logico dovrebbe essere giusto) mentre l'agenzia delle entrate mi chiede l'integrazione del versamento.
Grazie
.::  Nunzia  inviato il 19/01/2012 @ 09:55:24
# 182
Vorrei, cortesemente, risposta a questo quesito:
un immobile acquistato nel 1977 (quindi senza i benefici "prima casa") caduto in successione (da parte di mio padre é sempre stato residenza anche di mia madre, oggi erede.
Mia mamma possiede altro immobile, acquistato nel 1976 (anch'esso senza benefici "prima casa") su cui sono sempre state pagate le tasse (ICI e quant'altro) senza alcuna detrazione fiscale e nel quale mia madre non ha mai abitato.
Quesito: Oggi é lecito dichiarare l'abitazione caduta in successione come prima casa ed usufruire dei benefici fiscali pertinenti? Quali soni i riferimenti legislativi per sostenere cio?
Grazie
.::  Gaspare G.  inviato il 20/01/2012 @ 16:03:56
# 183
Vorrei, cortesemente, risposta a questo quesito:
un immobile acquistato nel 1977 (quindi senza i benefici "prima casa") caduto in successione (da parte di mio padre) é sempre stato residenza anche di mia madre, oggi erede.
Mia mamma possiede altro immobile, nella stessa città, acquistato nel 1976 (anch'esso senza benefici "prima casa") su cui sono sempre state pagate le tasse (ICI e quant'altro) senza alcuna detrazione fiscale e nel quale mia madre non ha mai abitato.
Quesito: Oggi é lecito dichiarare l'abitazione caduta in successione come prima casa ed usufruire dei benefici fiscali pertinenti? Quali soni i riferimenti legislativi per sostenere cio?
Grazie
.::  Gaspare G.  inviato il 20/01/2012 @ 16:07:17
# 184
Mia sorella è rimasta vedova in giugno. Era sposata in regime di comunità dei beni ed aveva investimenti in posta. Da mesi cerca di aggiornare e regolarizzare la posizione dei titoli con l'ufficio postale. Peraltro per il direttore dell'ufficio manca sempre qualcosa che deve arrivare dal capoluogo di provincia per completare la sistemazione. E' possibile, cosa si può fare per accelerare la pratica?
.::  Luigi ROSSINI  inviato il 24/01/2012 @ 14:24:32
# 185
Recentemente una mia zia è venuta a mancare, vi era una rapporto di parentela con mia madre anche lei defunta. I e i miei fratelli dovremmo ereditare la quota che spettava a lei diviso tre. Il fabbricato in questione è di categoria A4 classe 4 2,5 vani rendita di euro 126,53. Vorrei sapere quanto dovrei pagare come imposte di successione comprensivo di tutto? Grazie per la eventuale risposta.
.::  Enrico Covelli  inviato il 18/02/2012 @ 19:06:11
# 186
buongiorno vorrei esporle il mio quesito:sette mesi fa e' morto mio padre, e abbiamo gia' iniziato a fare i documenti per la successione di morte, con la casa di proprieta', che vorremmo dividercela tra me e mia sorella al 50% mentre mia madre farla usufruttuaria , pero' c'e' un problema in piu' , mentre io ho la mia casa ,e pago il mutuo con mio marito, mia sorella dopo due anni che ha comprato casa vuole venderla ed andare a abitare con mia mamma, cioe' anche nel mio 50% di casa, io le ho chiesto che io rinuncio alla mia meta' di casa, e compri lei il mio 50% così non avrei due case intestate, ma lei mi ha risposto che mi dara' la parte di soldi che mi spetta dalla valutazione della casa dei genitori quando morira' anche mia mamma e non prima , ma lei ci andra' a vivere tra un po' di mesi qunado riuscira' a vendere la sua casa, e a me cosa mi spetta?devo stare ad aspettare che mia mamma muoia per ereditare la mia parte di casa, che a me non interessa materialmente, ma lei che ci andra' ad abitareposso chiederle un affitto?grazie per la disponibilita' aspetto risposta
.::  Alessia  inviato il 21/02/2012 @ 14:54:49
# 187
mia suocera è morta lasciando tre eredi, di cui due conviventi con lei. Mi pare di capire che - al momento della successione - entrambi possono chiedere il beneficio prima casa e, conseguentemente, estenderanno il beneficio anche a mia moglie. Mi pongo però le seguenti domande: 1. il beneficio può essere chiesto solo da uno dei due fratelli conviventi? o si estende ad entrambi i fratelli conviventi? 2. in questo caso, qualora - in un secondo momento - uno dei due volesse rilevare per intero l'immobile in oggetto, rilevando le quote degli altri eredi, per non decadere dal beneficio l'altro fratello è obbligato all'acquisto di una sua "prima casa" entro l'anno? Grazie per la cortese risposta
.::  Giancarlo  inviato il 02/03/2012 @ 16:45:38
# 188
mio padre e' mancato aprile 2011 lasciando tre eredi(mia madre e due figli).
Gradirei sapere come compilare QUADRO B REDDITI DEI Fabbricati della casa in cui vive mia madre (ma che per ered in % ho ereditato - filio)
grazie tanto.
.::  Andrea  inviato il 19/03/2012 @ 15:04:40
# 189
salve,io e mio marito invalido al 100% abbiamo acquistato una casa in Francia dove vivono i nostri 2 figli intestando loro la nuda proprietà e a noi l'usufrutto(consigliatoci dal notaio stesso francese).La suddetta casa è abitata da mio figlio che vi svolge anche la'attività liberale.Vorrei sapere gentilmente se devo davvero pagare lo 0,76% sull'importo dell'atto,qui in Italia, preciso che mio figlio paga la tassa fondiaria e la tassa di abitazione.Se si può intestare loro anche l'usufrutto quanto si pagherebbe?Grazie
.::  Maddalena Peretti  inviato il 01/04/2012 @ 10:05:19
# 190
buongiorno, non so davvero come risolvere il mio problema.
Mio padre è venuto a mancare da poco e gli eredi siamo io, mio fratello e mia madre.
i miei genitori avevano un conto cointestato con firma disgiunta che è stato congelato per il 50% dell'importo, e dei bot che scadranno alla fine dell'anno. Per sbloccare l'altra metà del conto dobbiamo presentare alla banca la dichiarazione di successione registrata alle Entrate?i bot possono essere lasciati andare a scadenza con le stesse condizioni o devono essere riscossi subito?vanno indicati nella dichiarazione anche se esenti da imposta?
Inoltre....mio padre è intestatario dell'appartamento (sua prima casa) e di una quota di un secondo immobile (seconda casa) diviso 1/2 a mio zio e 1/2 mia madre+ mio padre con usufrutto totale dei miei nonni. Io ho residenza e domicilio in questa seconda casa (in un comune diverso dalla prima), la mia domanda è: diventando proprietaria di una quota ed essendo l'unica residente lì diventa automaticamente la mia prima casa (quindi posso chiedere l'agevolazione sulla prima casa di 168€ ma ci pagherò l'Imu)?oppure posso "scegliere" quale delle due case diventa prima e quale seconda (quindi non avere l'agevolazione sulla prima casa ma pagare l'ici sulla seconda come abbiamo sempre fatto)?mio fratello vive in affitto in un altro appartamento in cui ha la residenza, è obbligato a dichiarare uno dei due immobili come prima casa e se si con quale criterio?Non ci capisco più niente!Aiuto!Grazie
.::  silvia stefanelli  inviato il 19/04/2012 @ 17:03:42
# 191
buonasera ho un problema al quale non trovo soluzione:
nel 2002 ho ereditato una parte di cascina dei miei nonni gli eredi sono sei nipoti(uno dei quali io) e 8 figli di cui tre abitano nell'immobile da sempre senza pagare nessun affitto agli altri eredi però quest'ultimo pagano solo l'ici il resto delle spese le pagano i tre che vivono lì anche se pretendono dagli altri eredi i soldi per la manutenzione dell'immobile...possono farlo?ma soprattutto potrebbe succedere qualcosa visto che non pagano l'affitto?dopo anno non rimarrebbero solo loro gli eredi vero?
ora che uscirà l'imu dovranno pagarla tutti gli eredi?non si può vendere la quota a me intestata ad altre persone?
sono fratelli che non vanno d'accordo e quelli che abitano nell'immobile non vogliono far avere la parte che spetta agli altri...cosa si può fare?grazie mille
.::  andrea  inviato il 24/04/2012 @ 20:05:08
# 192
Salve! Mio nonno è comproprietario con alcuni suoi fratelli di una casa. Questa casa è stata abitata sempre e solo da lui dagli anni '50 perchè i fratelli vivono all'estero. Su questa casa è stato sempre e solo mio nonno a pagare le tasse. C'è un modo affinchè possa intestarsela solo a lui, in modo che nella visura catastale sia l'unico intestatario? In particolare è possibile applicare l'usucapione? E, inoltre, c'è un altro modo oltre all'usucapione per intestarsela? Grazie
.::  Franco  inviato il 30/04/2012 @ 19:12:42
# 193
Buongiorno, abbiamo scoperto che nostro padre ha occultato sia testamento sua madre a favore metà di nostra madre che quello di nostra madre a nostro favore. sono entrambi morti. nostro padre si è anche intascato rendite che andavano a noi. ora salta fuori una sorellastra che invece vuole essere pagata. che diritti vanta visto che nostro padre sarebbe indegno verso la madre e verso la moglie che han fatto testamento? ci chi restituisce il maltolto? possiamo rivendicare la parte della sorellastra come recupero importo indebitamente sottratto da suo padre a noi ? lo so, l'esposizione è complicata...anche la situazione. grazie cordiali saluti ms
.::  marta  inviato il 08/05/2012 @ 12:37:55
# 194
Egregio dott. Grandi, mercoledì 23 maggio 2012 io, mia moglie e mia figlia, andremo dal notaio per stipulare i seguenti atti: mia moglie donerà a me il suo 50% della nostra casa che abbiamo in comproprietà e mia figlia donerà il suo appartamento a mia moglie. Il notaio, per risparmiare sull’imposta di bollo, vuole fare un unico atto. Ci potranno essere problemi, in futuro per questo fatto? La ringrazio molto anticipatamente.
.::  Albino Caruso  inviato il 19/05/2012 @ 14:18:20
# 195
ho dei beni insieme ai miei figli,la in comproprieta' con mia cognata-tali beni erano del mio defunto marito-vorremmo donarli a qualche associazione benefica.Si puo' donare tale meta' dei beni non condivisi .Si tratta di immobili e di terreni agricoli
.::  pietra virgilio  inviato il 24/05/2012 @ 09:53:22
# 196
Ho la nuda proprietà di un appartamento, mia madre di 76 anni ha l'usufrutto. Vorrei sapere se anche in questo caso andranno poi pagate le imposte catastali e in che misura. Grazie
.::  Alessandro  inviato il 16/06/2012 @ 17:49:49
# 197
Una donazione fatta al figlio nel 1991 entra nel computo dei beni da dividere tra nuova moglie, sposata nel 2011, e figlio dopo la morte avvenuta nel 2012?
.::  Giuseppe Sandri  inviato il 24/09/2012 @ 23:05:20
# 198
devo fare una denuncia di successione "integrativa" in quanto nella precedente dichiarazione non avevo inserito un piccolo terreno agricolo di poco valore. il valore minimo di imposta ipotecaria e catastale (rispettivamente di € 168 ciascuna) è applicabile nuovamente sulla sola somma dell'integrazione e quindi, essendo il 2% e l'1% notevolmente inferiore a tale cifra devo pagare per ciascuna l'importo di 168 euro?? Grazie
.::  Franco  inviato il 17/11/2012 @ 23:38:42
# 199
Caso molto particolare
Immobile (+ 2 pertinenze) il cui proprietario è deceduto nel 1988. Mai fatta successione dalla sua consorte e i tre figli. Moglie deceduta nel 2001. Figlio maschio nel 2009. Ovviamente nessuna successione anche in questo caso visto che la prima non è stata aperta.
Quell'immobile è abitato dai figli (e nipoti) del figlio deceduto e dalla consorte di quest'ultimo (nuora del proprietario de cuius). Le sorelle del figlio deceduto sono a conoscenza di questo possesso: una non ha mai causato problemi, l'altra è stata liquidata informalmente (sono in possesso delle fotocopie degli assegni del febbraio 2003). Purtroppo il terreno dove tale immobile è costruito, è a nome di un fratello del de cuius morto addirittura nel 1957. Questa persona ha tre figlie vivie. I possessori attuali vogliono sapere se è saggio procedere all'usucapione, oppure è meglio aprire successioni varie. Nel caso del terreno su cui si è edificato a nome dell'altro fratello come devono comportarsi? E' una situazione che mi hanno detto di risolvere ma è oggettivamente ingarbugliata. Credo che debba intervenire il tribunale civile, anche perché i possessori non possono assolutamente rinunciare all'eredità visto che sono lì residenti da sempre, e comunque da ben oltre 20 anni.
.::  st0409  inviato il 13/12/2012 @ 19:14:59
# 200
Desidererei lasciare a mia figlia l'usufrutto della mia casa ed a mia nipote, minorenne, la nuda proprietà. Vorrei tuttavia inserire una clausola di inalienabilità della nuda proprietà fino alla morte dell'usufruttuaria.Come debbo formulare questa volontà e quali passi bisogna compiere per la sua trascrizione nei registri immobiliari?
Grazie
.::  francesco  inviato il 27/01/2013 @ 00:55:04
# 201
buonasera dott.re Grandi , desidererei sapere se mia madre , avendo ereditato la casa da suo padre,che è l'attuale abituazione ,essendo in comunione dei beni con il coniuge, al momento della sua morte, la casa a chi spetterebbe di legge? andrebbe direttamente ai figli come lei vorrebbe, oppure una parte è anche del marito? se cosi fosse come potrebbe fare per lasciarla esclusivamente alle due figlie? La ringrazio
.::  clara  inviato il 09/02/2013 @ 15:18:29
# 202
Buongiorno dott. Grandi ,
è venuta a mancare mia madre , io come figlio unico sono l'unico erede universale.
Oltre alla casa mia madre ha lasciato un conto corrente dove avevo la firma , questa ovviamente subito dopo la morte e' decaduta.
Ho redatto con l'aiuto di un commercialista il modello F23 per la successione della casa e nel contempo come richiestomi dalla banca , mi sono recato in un tribunale per l'atto notorio .
siccome non dispongo della cifra per pafgare F23 alla agenzia delle entrate , posso richiedere alla banca di cui sopra , presentando l'atto notorio che attesta che sono l'unico erede universale , utilizzare il Conto Corrente di mia madre per pagare il modello F23?
Sepro di essere stato chiaro nella mia richiesta.
Ringraziandola
Cordialmente
Filippo
.::  Filippo  inviato il 13/03/2013 @ 10:05:44
# 203
Egregio dott. Grandi,
una fideiussione si eredita anche se non compare citata nella dichiarazione di successione e se a seguto di richiesta delle sussistenze dopo la scomparsa del de cuius con raccomandata AR alla banca, non si ha avuto notizia alcuna dell'esistenza della suddetta fideiussione? Grazie della sua gentile risposta, cordialimente, Barbara
.::  Barbara  inviato il 07/04/2013 @ 22:04:16
# 204
Egregio dottore,
sono il figlio di una signora di 84 anni che ha ereditato tempo fa per successione 1/5 di una proprietà dalla rendita catastale pari a euro 489,00 ora per ragioni di opportunità che sarebbe lungo da spiegare ha deciso con il consenso mio e di mia sorella unici eredi, di effettuare una donazione del suo quinto di proprietà a favore di una nipote in linea retta, volevo sapere se ciò è possibile, a chi dobbiamo rivolgerci e a quali costi mia madre andrebbe incontro.
La ringrazio cordialmente
Luigi
.::  luigi  inviato il 13/06/2013 @ 23:48:59
# 205
Come deve essere riportata sul mod.4 la Fidejussione rilasciata dal de cuius insieme alla moglie nell'interesse di una figlia a garanzia di un finanziamento
.::  milozzi aldo  inviato il 21/06/2013 @ 09:31:31
# 206
Buonasera, sono comproprietario della nuda proprieta per 1/5 di un locale di sgombero, mentre l'usufrutto vita natural durante era posseduta da altro fratello non compreso nei 5 comproprietario oggi defunto. Dovendo procederealla venditdell'immobile,bisogna procedere alla presentaazione della dichiarazione di successione? Grazie
.::  Andrea Adamo  inviato il 01/07/2013 @ 18:20:02
# 207
io e mia sorella, sposata in comunione di beni e con un filio maggiorenne, erediteremo, ognuno con una quota del 50%. alla morte di nostra madre, la casa dove attualmente lei vive. Ora, cosa succede se, per malaugurata ipotesi, mia sorella venisse a mancare "prima" di mia madre? le subentrerebbe, in linea ereditaria, suo marito, suo figlio o cosa?
.::  Corrado  inviato il 09/07/2013 @ 17:32:42
# 208
devo integrare una successione presentata nel 1982 ma apertasi nel 1981. Quali moltiplicatori catastali devo usare quelli del 1981 o 1982? Le imposte di allora dove posso trovarle?
.::  Patrizia  inviato il 28/08/2013 @ 23:28:37
# 209
buongiorno, io mia madre e mia sorella abbiamo ereditato in parti uguali da mio padre deceduto, l abitazione dove abita mia madre attualemtene, stiamo chiedendo ora la sospensione del mutuo per sei mesi ma la banca dice che nella successione nn c è riferimento ad alcun mutuo, mentre il notaio dice per legge che non è obbligato a metterlo ma che è una cosa che si'eredita in automatico' con il bene immobile, non so cosa fare mi aiuta per favore?
.::  monica  inviato il 28/09/2013 @ 13:48:46
# 210
Salve,mio padre e'morto nel febbraio 2013.Nella casa vive mia madre che ha fatto rinuncia all'eredita(aprile 2013.Io e mia sorella siamo diventati eredi naturali.Io vivo e ho la residenza in un'altra citta avendo un appartamento di mia proprieta'(prima casa).Volevo chiederLe due cose;
1)devo pagare l'imu seconda casa sull'appartamento ereditato,e se si da quando;
2)la successione la faremo nei termini di legge(gennaio 2014)...giusto?.
Grazie.
.::  Pasquale Capasso  inviato il 17/11/2013 @ 16:31:46
# 211

Salve, mio padre è deceduto il 09 aprile 2013. Eedi: mia madre, io e mio fratello. La banca mi ha rilasciato un foglio con l'ammontare del c/c, € 1.000 circa e tra le passività un debito residuo di € 13.000 (contratto per spece di ristrutturazione facciata) ed a garanzai del prestito un'ipoteca sulla casa di € 90.000. Devo compilare il foglio delle passività sulla successione e cosa devo scrivere come devito? L'importo residuo o l'ipoteca? Oppure tralasciare tutto visto che le rate contunua mia madre a pagarle? Grazie. Nadia
.::  nadia  inviato il 17/12/2013 @ 08:05:28
# 212
Salve, in un testamento si lascia un btp a un erede e i soldi che si trovano in essere nel c.c. ad un altro erede. Prima della morte del testatore il btp scade e i soldi confluiscono nel conto corrente. A chi spettano i soldi?
.::  Luigi  inviato il 21/12/2013 @ 15:46:54
# 213
Salve, nel dubbio di attrubuzione di un bene per la difficoltà di interpretazione del testamento, come va fatta la dichiarazione di successione?
grazie
.::  Luigi  inviato il 21/12/2013 @ 15:50:17
# 214
Ciao,

Il mio nome è Mr. Fred Peterson io sono il proprietario di prestito mondo fred peterson Offro prestiti a un tasso di interesse del 3%. se davvero. i vostri dati sono al sicuro con noi, in modo da avere nulla di cui preoccuparsi.

E anche mi danno tutti i tipi di prestito che stai cercando in modo tutto quello che dovete fare ora è quello di applicare e ottenere il prestito veloce di oggi.

Se siete interessati, vi prego di contattarmi tramite il mio indirizzo e-mail fredpetersonworldloan@yahoo.com.

Cordiali saluti

Mr. fred.
.::  fred  inviato il 05/01/2014 @ 23:20:00
# 215
Hello! Do you know if they make any plugins to protect against hackers? I'm kinda paranoid about losing everything I've worked hard on. Any suggestions?
Soldes Nike Air Max Femme En France http://www.gingersnaprye.com/
.::  Soldes Nike Air Max Femme En France  inviato il 21/06/2014 @ 23:30:21
# 216
When I initially commented I clicked the "Notify me when new comments are added" checkbox and now each time a comment is added I get several emails with the same comment. Is there any way you can remove me from that service? Cheers!
Occhiali da Sole Louis Vuitton prezzo http://www.scarpeescarpe.eu/occhiali-da-sole-louis-vuitton-sale-52.html
.::  Occhiali da Sole Louis Vuitton prezzo  inviato il 25/09/2014 @ 04:29:18
# 217
ho due zie: Giacomina e Antonia.
Muore Giacomina e lascia Antonia erede universale.Entrambe avevano stipulato una assicurazione sulla vita e beneficiaria essendo morta Giacomina doveva essere Antonia. Muore anche Antonia senza incassare la polizza ed eredi sono i nipoti in parti uguali (nel testamento).
La domanda è questa: l'assicurazione va dichiarata nel modello 4 della successione e vanno pagate le tasse?
Distintamente Bonfadini
.::  Francesco Bonfadini  inviato il 31/10/2014 @ 13:15:24
Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (108)
Pubblicazioni (10)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014

Ultimi commenti:
ho due zie: Giacomina e Antoni...
31/10/2014  13:15:24
.:: Francesco Bonfadini
xvdrlzy
28/10/2014  13:20:00
.:: payday loans
nijfxbmgjfsphsboej, http://www...
26/10/2014  11:22:26
.:: wbvlnhgwws
cheap nba beats by dre If you ...
21/10/2014  07:30:52
.:: Cheap Beats By Dre Ear
The first few months of the ye...
12/10/2014  07:57:16
.:: parajumpers sale heren



Titolo



Ci sono 6 persone collegate