Immagine  
"
Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo.

Voltaire
"
 
.:: Home Page : Articoli
Omeopatia
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  28/08/2005  11:42:25, in Omeopatia, letto 9468 volte
La rivista Lancet è certamente prestigiosa e non c’è ragione di dubitare della serietà dei ricercatori che hanno stroncato senza tanti complimenti l’omeopatia. Tuttavia qualcosa nelle conclusioni non convince. Anzitutto è sottovalutata la ragione della crisi di credibilità della medicina dominante. Si potrebbe ricordare lo scandalo del Vioxx, rappresentativo di una situazione già accaduta più volte. Si tratta di farmaci che anziché far bene fanno male, in qualche caso molto male. Gli effetti reali vengono resi noti in ritardo e solo dopo che le verifiche erano state inadeguate. Troppe volte l’accertamento sull’efficacia dei farmaci riguarda più il fatto che non facciano danni piuttosto che siano effettivamente benefici. Non aiutano molto i “bugiardini” sugli effetti dei farmaci perchè se presi seriamente nessuno li assumerebbe. Nella medicina sono stati fatti passi avanti incredibili ed importantissimi che aiutano a stare meglio tante persone e a salvare tante vite. Questo è un fatto. E’ un fatto che ci sono prescrizioni di farmaci in realtà dannosi fatte con leggerezza e spesso indotte da chi li produce che troppo spesso nasconde o sottovaluta gli effetti reali. Questo è dovuto agli interessi economici colossali in gioco ma anche ad una frantumazione degli scopi terapeutici tale che spesso non si è in grado di soppesare l’insieme degli effetti positivi e negativi. Informare la persona che deve essere curata dovrebbe essere un imperativo. In realtà per diverse ragioni, anche culturali, chi deve informare non sempre lo fa in modo adeguato e completo. Si tarda a prendere atto che nella medicina qualcosa non funziona o non funziona più. Il caso della malaria è il più recente e conferma che metodiche di cura che sono state sottovalutate a lungo oggi sono adottate dall’Organizzazione mondiale della Sanità dopo avere preso atto che le metodiche precedenti non funzionavano più. L’uso indiscriminato di antibiotici ha creato assuefazione e indotto mutamenti negli organismi che dovrebbero combattere, con il risultato che la loro efficacia è oggi in parte compromessa. Non c’è una realtà indiscutibile da un lato e i ciarlatani dall’altra, ma una situazione della medicina moderna che accanto a passi avanti clamorosi denuncia limiti e anche inquinamenti inaccettabili da interessi. A fare le spese delle contraddizioni sono ovviamente le persone in carne e ossa. A partire da quelle che per ragioni di brevetto non possono essere salvate da farmaci indispensabili ed efficaci come in alcune terribili pandemie che sconvolgono il mondo. La ri-scoperta di altre metodiche di cura nasce da questo intreccio di passi avanti e di limiti evidenti. Una certa arroganza intellettuale ha portato ad escludere in radice l’efficacia di altre metodiche di cura. In particolare è stata sottovalutata l’esigenza di usare metodiche che siano effettivamente proporzionate a ciò che deve essere curato. E’ del tutto evidente che ci sono situazioni in cui occorre intervenire con terapie e metodiche che non hanno alternative come traumi, emergenze, patologie gravi e conclamate. Ci sono però altre situazioni, per fortuna meno gravi e con minore rischio della vita, che non richiedono i bombardamenti a cui vengono sottoposte troppo spesso le persone e che possono essere risolte da metodiche meno invasive e più dolci. Oggi viene dimostrato che anche il placebo ha un’efficacia curativa se è in grado di stimolare le difese delle persone che sono in determinati casi sufficienti. C’è un ambito che potrebbe essere definito come la capacità della persona di reagire alla malattia con l’unità di tutte le sue risorse ed energie. Ci sono campi di ricerca modernissimi che tendono esattamente ad ingigantire la capacità di risposta della persona all’aggressione delle malattie. Omeopatia, agopuntura ed altre metodiche si inseriscono nel filone di stimolare le risorse della persona a reagire per avere ragione o almeno controllare la malattia. L’approccio è diverso dalla medicina prevalente ed è necessario guardare all’integrazione possibile dei diversi metodi. Alcune Regioni hanno già autorizzato l’uso di queste metodiche. Omeopatia, agopuntura, ecc. vengono definite medicine complementari. Non è una diminuzione per nessuno ma offre l’idea che in certe situazioni, quando l’esperienza lo conferma, si può ricorrere a metodiche non tradizionali. Tradizionali almeno per la nostra cultura, perché in altre parti del pianeta c’è una riscoperta di altre metodiche. Fare sperimentazione sull’efficacia delle diverse metodiche è giusto e va fatto tenendo conto dei diversi approcci, altrimenti si pretende di giudicare con altri parametri. Mentre l’unico possibile è il risultato. Occorre che chi attua metodiche diverse sia protagonista con altri della sperimentazione, anche per un aiuto reciproco a capire meglio le rispettive diversità. Le metodiche di cura delle medicine complementari debbono essere rigorosamente affidate a medici che hanno acquisito la stessa base culturale e scientifica dei loro colleghi e debbono essere esercitabili solo dopo una specializzazione adeguata nella materia. La persona va sempre informata della metodica di cura proposta e lasciata libera di scegliere. Dovrebbe essere obbligatorio scegliere realmente in tutte le situazioni, mentre ciascuno di noi potrebbe portare esempi in cui l’informazione come minimo è stata inadeguata e non sto parlando dell’omeopatia. “Perchè presupporre che i singoli cittadini vivano sempre in una condizione di minorità che impedirebbe loro di assumersi le proprie responsabilità ?”( Giulio Giorello) Forti interessi sono certamente in campo in tutte le situazioni ma quelli legati alla farmacologia ufficiale sono enormi e dominanti. Continua ad essere incomprensibile perché un identico prodotto omeopatico in Francia costa un terzo che in Italia e per di più è a totale carico di chi lo acquista. In Francia le cure omeopatiche non solo sono largamente diffuse, come in Italia (7-8 milioni di persone) ma la vendita di prodotti omeopatici è tarata sulla soglia della rintracciabilità del principio attivo. Inoltre viene sottovalutato il ruolo delle cure omeopatiche negli animali che non credo siano facilmente suggestionabili. Che il principio attivo sia fortemente diluito e abbia effetti simili al danno che vuole curare è proprio della teoria omeopatica e quindi sono ovviamente punti essenziali senza i quali questa metodica di cura non esisterebbe. Del resto buona parte delle “vaccinazioni” naturali del passato sono state fondate proprio sulla capacità di alcuni individui di reagire alla malattia e di immunizzarsi. Da una possibile diversa metodica di cura non può derivare una nuova assolutizzazione contro altre. Si tratta di consentire l’uso di tutte le possibilità offerte dalle diverse metodiche, soprattutto quando l’una non chiude la strada all’altra in caso di fallimento dell’obiettivo, nella consapevolezza che lo scopo è semplicemente curare meglio e con meno danni le persone che ne hanno bisogno. La proposta di legge che ho presentato, e che è stata unificata con altre in un’unica proposta di legge che verrà discussa e votata nelle prossime settimane alla Camera, tende a regolare l’offerta di metodiche di cura come l’omeopatia per evitare che chiunque possa mettersi a prescrivere cure senza titolo. Nello stesso tempo però la legge deve lasciare al rapporto tra medico specializzato e paziente di decidere quale metodica scegliere. Qualche apertura culturale in più e qualche pregiudizio in meno non guasterebbe nell’interesse della salute delle persone.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
IO DA ANNI USO CON SUCCESSO L'OMEOPATIA, PRIMA DI TRARRE CONCLUSIONI FRETTOLOSE , LE RICERCHE ANDREBBERO FATTE CON MOLTO SCRUPOLO
.::  SIRIO ROCCHI  inviato il 18/05/2011 @ 08:15:32
Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (211)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Ultimi commenti:
La mia sincera scusa per l'inc...
19/08/2019  18:15:20
.:: Mariia
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:17:08
.:: Muscara Mariia
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:16:12
.:: Muscara Mariia
Ciao, offro ad ogni persona in...
17/08/2019  17:08:25
.:: Linetti
Sto solo sorridendo mentre sto...
17/08/2019  00:00:52
.:: Mrs Grace



Titolo



Ci sono 592 persone collegate