Immagine  
"
Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo.

Voltaire
"
 
.:: Home Page : Articoli
I criteri di Maastricht peggiorano la situazione
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  17/03/2008  10:26:28, in Economia, letto 1734 volte
Intervista di Luca Degrandi per l'Avanti
1) L'inflazione in Italia si attesta sulla media europea, eppure il "carovita" è un problema molto sentito. Come si spiega questa discrepanza?
I redditi, soprattutto da lavoro, risentono fortemente dell’aumento dei prezzi perché hanno perso terreno. Del resto anche se l’inflazione ora è al 2,9 per cento anche l’ISTAT ha rilevato che si tratta di una media e che per i redditi più bassi pesa molto di più l’aumento dei generi di prima necessità, che sono andati oltre il 5 per cento. In dieci anni, i redditi più bassi e in particolare da pensione e da lavoro (più in generale il reddito fisso), hanno perso potere d’acquisto e, quindi, temono maggiormente l’aumento dei prezzi. Nei paesi europei, paragonabili all’Italia, i redditi sono aumentati di più e quindi avvertono meno il problema.
 
2) Le fasce sociali più colpite sono soprattutto quelle a reddito fisso (operai/e e pensionati/e). Non crede però che esista una categoria di "nuovi poveri" magari anche tra i piccoli e medi imprenditori?
I nuovi poveri sono anzitutto i lavoratori. In Italia i “lavoratori poveri” sono un fenomeno relativamente recente. Nuovi poveri sono quelli che non lavorano o ci riescono saltuariamente. Nuovi poveri sono anche settori di lavoro autonomo che vivono di un reddito marginale. Non a caso nella finanziaria 2008, c’è un intervento importante che semplifica e fa pagare meno tasse alle attività di lavoro autonomo o di impresa che hanno ricavi fino a 30.000 euro l’anno. Si calcola che almeno 1 milione di questi viva stentatamente. Naturalmente non va confuso chi dichiara poco con chi evade. Purtroppo, se non si è in grado di stabilire un confine preciso si rischia di aiutare chi non lo merita. Va detto che i controlli stanno migliorando.
 
3) Nel programma della "Sinistra l'Arcobaleno" ci sono proposte che fanno pensare a una sorta di "scala mobile soft". Ciò non rischia di aumentare l'inflazione?
L’idea di fondo riprende un concetto che era già nell’intesa del luglio ‘93, che per la verità, come politica dei redditi, è sopravvissuta a sé stessa e con il meccanismo dell’inflazione programmata ha contribuito a fare perdere reddito ai lavoratori. La ragione non è solo in richiese salariali nei contratti troppo basse, perché l’inflazione programmata è stata regolarmente sotto quella reale ma anche nella difficoltà ad applicare il recupero ex post per compensare aumenti troppo bassi. Questo ex-post c’è dal ‘93 ma non ha funzionato. La proposta della sinistra arcobaleno propone che a fine anno (o comunque dopo un periodo certo) il recupero della differenza retributiva sia automatico e per arrivarci si potrebbe fare un intervento fiscale sulle detrazioni per lavoratori e pensionati in modo da garantire per loro l’invarianza fiscale.
 
4) Una politica neokeynesiana, proposta soprattutto dalla sinistra, è vista da alcuni economisti come una misura non adatta per risolvere il problema del "Carovita". Lei cosa ne pensa?
Keynes non ha ancora trovato validi sostituti. O l’economia viene bloccata, o l’economia abbandona milioni di persone al loro destino. Così non và. Keynes si è posto il problema di guidare e correggere il mercato, è un problema attualissimo. Gli economisti che pensano che il mercato si autoregola e che i drammi di milioni di persone sono i prezzi inevitabili da pagare non sono molto originali. In fondo Keynes polemizza proprio con questo modo di pensare. Intervenire in modo mirato sulla domanda e in particolare su alcuni segmenti è efficace e necessario. Se si parla di rottamazione delle auto, troppi tacciono perché ci sono precisi interessi in gioco. Se si parla di sostenere la domanda di generi di prima necessità c’è un atteggiamento diverso. Eppure già Ford aveva capito che produrre le auto non basta, occorre che qualcuno le compri.
 
5) L'introduzione di "Mister Prezzi" è vista da molti come un semplice palliativo, un provvedimento di facciata. Che utilità concreta può avere questa figura?
Segnalare un problema. Male non fa, a patto che non sia l’unica iniziativa. Sono per introdurre tutte le forme di tutela collettiva nel mercato, a partire dalla class-action, ma anche questo non basta. Occorre spingere le autorità ad avere più coraggio, con leggi adeguate, altrimenti assisteremo impotenti alla sproporzione di poteri che si confrontano nel mercato. Purtroppo, spesso è così. Sono convinto che occorre qualcosa di più. Da un lato l’area euro deve concordare/contrattare con i produttori, a partire dal petrolio, misura di accordo sui prezzi. Il petrolio oggi è in ascesa per ragioni speculative. Dall’altro, occorre reintrodurre la sorveglianza di alcuni prezzi, anche con l previsione di blocchi per brevi periodi e di accordi sul prezzo di panieri di beni, sia con i produttori che con i distributori.
 
6) I vicoli posti dall'Unione Europea, come ad esempio il vincolo di deficit al 3%, non rischiano di rendere non attuabili alcune politiche, come gli investimenti statali, per rilanciare l'economia?
È vero, l’applicazione rigida dei criteri di Maastricht, ha ingessato e reso più difficile raggiungere due obiettivi: risanamento e sviluppo. La BCE, purtroppo, è la vestale di questa linea monetarista che si è perfino cercato di ingessare nella Costituzione europea. Uno sviluppo di qualità dovrebbe essere l’obiettivo centrale.
 
7) E' auspicabile una revisione dei vincoli di Maastricht?
Si, senza dubbio. Temo però che oggi, come diceva Woody Allen, l’Europa non si senta molto bene, e quindi il problema è più grosso. Purtroppo.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (211)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Ultimi commenti:
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:17:08
.:: Muscara Mariia
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:16:12
.:: Muscara Mariia
Ciao, offro ad ogni persona in...
17/08/2019  17:08:25
.:: Linetti
Sto solo sorridendo mentre sto...
17/08/2019  00:00:52
.:: Mrs Grace
INCREDIBILE MA VEROSono ANNE F...
16/08/2019  08:08:12
.:: ANNE



Titolo



Ci sono 650 persone collegate