Immagine  
"
Il dubbio non è piacevole, ma la certezza è ridicola. Solo gli imbecilli son sicuri di ciò che dicono.

Voltaire
"
 
.:: Home Page : Articoli
Federalismo fiscale - pubblicato da Sinistra democratica News e Aprileonline il 10/09/08
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  10/09/2008  10:49:39, in Fisco, letto 1698 volte

Il costo del federalismo fiscale secondo l’orientamento prevalente nel Governo e fortemente voluto dalla Lega è molto rilevante. Più o meno 2 intere leggi finanziarie. Non bisogna farsi ingannare dalla disponibilità del Governo a raccogliere osservazioni. La Lega vuole realizzare ad ogni costo questo obiettivo che considera condizione per mantenere il suo appoggio al Governo Berlusconi e a questo fine è disponibile ad imbrogliare le carte, a fingere di dare ragione a tutti, pur di realizzare l’obiettivo. Del resto come interpretare altrimenti i clamorosi affermo-smentisco sull’IRPEF alle Regioni o sulla reintroduzione dell’ICI. Nel breve periodo l’unico versante politico che preoccupa il Presidente del Consiglio è non rompere con la Lega. La Lega ha mandato sotto il Governo in voti parlamentari importanti inviando così un messaggio esplicito a Berlusconi, che infatti cerca di dimostrare in ogni modo che è un alleato affidabile. Se lo fosse veramente tante assicurazioni sarebbero inutili. Non a caso Tremonti sta manifestando una prudenza sospetta sui conti pubblici. In realtà cerca in ogni modo di avere a disposizione le risorse finanziarie aggiuntive che saranno indispensabili per accontentare la Lega senza aprire una guerra con altre aree del paese che hanno premiato elettoralmente proprio la destra, come la Sicilia o Roma. Il costo ipotizzato del federalismo nella versione attuale va dai 43 ai 60 miliardi, avendo riguardo ai poteri che si pensa di decentrare e alle entrate fiscali da attribuire alle Regioni e agli Enti locali. Si è cercato di tacitare la CGIA di Mestre, ma la verità dei fatti è più forte della propaganda mielosa di Calderoli. Oggi le Regioni italiane dispongono di circa 116 miliardi di euro. Dopo la riforma federalista, pur minore delle pretese lombarde, alle Regioni andrebbero almeno altri 43 miliardi, con un totale di circa 160 miliardi di euro. Tenendo conto dei conti pubblici attuali e anche con le disponibilità finanziarie nascoste da Tremonti non si arriva a questa cifra e quindi è iniziata l’invenzione politica a cui seguirà la finanza creativa sui modi per realizzare l’obiettivo. Basta pensare ad alcune di queste “invenzioni”. Se le risorse attribuite alle Regioni aumentano anche il debito pubblico dello Stato deve essere condiviso con loro, come se questo gioco di prestigio lo facesse diminuire. Se non vengono trasferite le risorse corrispondenti ai compiti possono essere trasferiti pezzi del patrimonio dello stato che (ammesso che sia possibile) non è comunque distribuito nello stesso modo in cui sono necessarie le risorse. Le risorse da trasferire aprono seri problemi finanziari allo Stato perché debbono garantire alle Regioni “attive” una maggiore quantità di risorse e nello stesso tempo alle altre Regioni risorse almeno pari (se basterà) a quelle attuali. Quindi se non si vuole spendere di più occorre diminuire le risorse ad alcune Regioni (le più deboli) per lasciare maggiori risorse ad altre (le più forti). Oppure è inevitabile aumentare le risorse complessive trasferite alle Regioni. Questa è la spiegazione della discussione, solo apparentemente tecnica, se si debba seguire la spesa storica o ripartire le risorse sulla base di compiti standardizzati. La spesa storica tende a garantire le risorse ricevute fino ad ora mentre quella relativa ai compiti finanziariamente “garantiti” definisce un costo standard per ogni intervento e ogni Regione riceverà solo questo corrispettivo, senza riguardo se sia o meno sufficiente. Per di più i tempi previsti per realizzare gli obiettivi (3/5 anni) sono molto stretti. La differenza è tra la garanzia di un diritto che comunque va assicurato (ad esempio alla salute) e un diritto che può essere garantito solo nei limiti finanziari previsti e la cui mancata realizzazione ricade tutta sulle spalle del cittadino o come costi aggiuntivi o come minori diritti garantiti. Per essere chiari un conto è dire che un intervento per la salute può e deve costare X e prendere tutti i provvedimenti necessari per avvicinare in ogni parte del paese i costi allo standard prefissato, altro è dire che viene garantito X di costo e chi non ce la fa si arrangia. Ovviamente chi non ce la fa alla fine è il cittadino titolare del diritto che in questo modo viene garantito solo entro un limite finanziario dato. Del resto se fosse così semplice realizzare il costo standard dei servizi perché dopo decenni di tentativi siamo ancora così lontani dalla realizzazione dell’obiettivo ? Calderoli, con una certa abilità, ha cercato di dare una veste semplificata all’autonomia finanziaria delle Regioni e dei Comuni indicando un unico tributo per ciascuna sede istituzionale, ma non tutti i tributi sono in realtà uguali. Ad esempio l’Irpef è una imposta decisiva sia in termini quantitativi che qualitativi ed essendo l’imposta diretta più importante è in grado di modificare la distribuzione del reddito contribuendo a renderla più o meno equa. Anche negli USA l’imposta sul reddito è federale e non a caso il reato di evasione fiscale è servito ad assicurare alla giustizia criminali pericolosi. Quindi l’IRPEF è uno strumento di politica economica nazionale e poichè non può che essere manovrato dallo Stato non si capisce dove sarebbe la cosiddetta autonomia impositiva delle Regioni, visto che si tratta di uno strumento deciso in sede nazionale, mentre le Regioni hanno avuto fino ad ora voce in capitolo solo per una limitata addizionale. Altro sarebbe dare certezza automatica del trasferimento alle Regioni delle risorse loro attribuite per i compiti che debbono svolgere e individuare quale imposta ( o sua parte) o tassa (o sua parte) possa essere manovrata come tassa di scopo decisa in reale autonomia dalla singola Regione e di cui deve rispondere agli elettori. In realtà la proposta di attribuire l’IRPEF alle Regioni avvia un percorso che non finisce con il federalismo fiscale perché in questo modo si insinua che il prelievo fiscale sia in realtà delle Regioni e da qui inviato a Roma. E’ il meccanismo che usò Eltsin in funzione anti Gorbaciov. Ci sono seri problemi anche nella ripartizione dei poteri: la sanità è affidata da anni alle Regioni, anche se non sempre con lode nei risultati, la scuola no e quindi si tratta di una novità sostanziale, con l’avvio di un percorso che potrebbe portare ad un indebolimento serio del ruolo dello Stato nell’istruzione pubblica. In ogni caso guardando solo alle risorse si pongono questi problemi. Se alle Regioni più deboli non vengono garantite almeno le risorse attuali non saranno in grado di garantire ai cittadini i servizi di cui dispongono oggi, che sono già in molti casi inferiori alle necessità. Vedi il deflusso sanitario dal Sud verso il Nord. Se alle Regioni vengono garantite le stesse risorse di oggi non si capisce dove sia l’autonomia impositiva. In pratica sarebbe una partita di giro più facilmente risolvibile, con maggiori garanzie per tutti, con una attribuzione certa ed automatica delle risorse, anche con compartecipazioni, sulla base di meccanismi finanziari stabiliti. In altre parole questo non è un problema fiscale ma di attribuzione di risorse certe e il risultato si può ottenere in modo migliore senza fingere un decentramento di poteri che in realtà non c’è. Per quanto riguarda la vera autonomia il problema si può risolvere solo definendo le voci di entrata veramente manovrabili dalle Regioni. Per quanto riguarda i Comuni il discorso è largamente simile. Le compartecipazioni sono solo un modo per assicurare risorse certe in tempi certi, perché troppe volte l’erogazione è rimasta nella tagliola dei tagli. Anche per i Comuni, come per le altre sedi istituzionali, si pone il problema di quanto è loro attribuito e della certezza dell’attribuzione delle risorse. L’autonomia finanziaria vera non può che essere trovata individuando le voci di entrata manovrabili in modo realmente autonomo da parte dei Comuni. Anche in questo caso è del tutto inutile affermare che hanno piena sovranità su voci di entrata decise da altri. A questo proposito poi c’è da sottolineare che incredibile è la confusione introdotta da Calderoli che ha parlato di 10 tasse sulla casa. 10 tasse non esistono, tanto è vero che per rafforzare il suo ragionamento ha resuscitato l’INVIM che è stata abolita 10 anni fa e ha confuso l’ICI che è certamente una tassazione su tutti gli immobili (che una parte sia esentata non cambia il ragionamento) con le tasse sulle compravendite che sono variabili e che sono diverse negli effetti da zona a zona, a seconda del valore degli immobili. Con questa confusione è ancora di più impossibile arrivare ad accettare una delega in bianco al Governo nella decisione degli strumenti fiscali da attribuire alle Regioni, ai Comuni, ecc. Potremmo avere sorprese amare e quindi sarebbe bene che sul federalismo fiscale si agisse consapevoli che si rischia seriamente di spaccare il paese in pezzi, di intaccare diritti costituzionali fondamentali e che può portare ad un aumento della spesa pubblica fuori controllo. Tremonti è consapevole del pericolo ma la sua preoccupazione è la tenuta del Governo ad ogni costo. Per questo sta mettendo quanto più fieno può in cascina, perché sa che il Governo sul federalismo può entrare in crisi e quindi sta tentando con ogni mezzo di prevenire questo pericolo, anche a costo di ritardare la ripresa economica, di rinviare gli investimenti pubblici necessari, ecc.

Alfiero Grandi, sottosegretario Governo Prodi

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (211)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Ultimi commenti:
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:17:08
.:: Muscara Mariia
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:16:12
.:: Muscara Mariia
Ciao, offro ad ogni persona in...
17/08/2019  17:08:25
.:: Linetti
Sto solo sorridendo mentre sto...
17/08/2019  00:00:52
.:: Mrs Grace
INCREDIBILE MA VEROSono ANNE F...
16/08/2019  08:08:12
.:: ANNE



Titolo



Ci sono 653 persone collegate