Immagine  
"
Possiamo essere liberi solo se tutti lo sono.

Hegel
"
 
.:: Home Page : Articoli
Il Governo continua a negare la crisi
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  27/05/2009  10:53:38, in Economia, letto 1501 volte

Al massimo attribuisce la crisi a cause esterne all’Italia e per questo si guarda bene dal proporre un progetto per uscirne. Del resto il Capo del Governo afferma che la crisi è colpa di chi ne parla: Eppure Tremonti ha parlato di peste del XXI secolo. Purtroppo le analisi, una dopo l’altra, sono univoche. Ora anche l’Istat conferma che l’economia va male,  che ci sono aree sociali sempre più impoverite, soprattutto nel Mezzogiorno, e aree di imprese in grande affanno. Anche un giudizio interessante che afferma che il 25% delle imprese esporta bene, ci dice di conseguenza che il 75% non se la cava bene o addirittura male. Il bicchiere non è mezzo pieno ma è vuoto per i 3/4.
L’Istat ricorda che la crisi è anche un’opportunità per correggere errori, distorsioni sociali, superare limiti e difficoltà del passato. Per farlo però occorrono idee e iniziative mentre il Governo è in sostanza fermo.
Qualche esempio. Si straparla di interventi multimiliardari per impressionare l’opinione pubblica. Purtroppo tanti - compresa parte della stampa – ripetono a pappagallo, ma queste cifre non hanno rapporto con la realtà perché Tremonti ha stretto i cordoni della spesa e gli investimenti pubblici nel 2009 diminuiranno, compresi quelli degli enti locali. L’ANCE lo conferma: meno di un miliardo erogato.
Ancora: l’occupazione nel settore pubblico diminuisce mentre nel settore privato si perdono centinaia di migliaia di posti di lavoro.
Tanto per essere coerenti con l’esigenza di aprire spazi occupazionali per i giovani c’è chi non trova di meglio che riproporre l’aumento dell’età pensionabile, in particolare per le donne.
Eppure le pensioni sono state riviste appena 2 anni fa e si era detto che così i conti erano a posto, e in effetti lo sono. Si rifletta almeno che lasciare di più al lavoro chi potrebbe andarsene in pensione significa lasciare fuori i giovani e le ragazze.
Come patto generazionale non c’è male.
Confindustria chiede di nuovo di alzare l’età pensionabile, nella speranza di ottenere parte del bottino, ma dimentica che le imprese stanno chiedendo più cassa integrazione (fin qui potrebbe andare: è un ammortizzatore sociale che garantisce un minimo ai lavoratori) e più prepensionamenti, quindi di abbassare l’età pensionabile. Esattamente il contrario di quanto chiede Confindustria. Tanto che nel Governo c’è imbarazzo ad affrontare ora lo scottante tema dell’innalzamento dell’età pensionabile, visto che le aziende chiedono il suo contrario.
L’Istat richiama l’attenzione su redditi e modello di sviluppo: sulle famiglie a rischio di precipitare nella povertà o di restarvi, sui lavoratori a rischio occupazione e quindi di reddito.
L’ineffabile Ministro Brunetta è impressionante, parla di 500.000 occupati in meno, e potrebbero essere di più, con i toni di certi generali per i quali i morti sono solo numeri. Chi sta a contatto con sindacati e imprese sa che se la produzione industriale dovesse restare sotto del 25% a lungo ci sarebbero altre gravi conseguenze per l’occupazione industriale, con riflessi sul resto dell’economia.
La stranezza è che nei giorni scorsi Confindustria mentre ha chiesto con forza al Governo di approfittare della maggioranza parlamentare per fare ora le “riforme”, sembrava dimenticare a quale Governo si sta rivolgendo. Il lodo Alfano, l’attacco ai giudici per godere di una totale immunità, l’attacco alla legalità anche economica fanno parte di queste riforme ?
Confindustria guida il “corteo” di quanti vogliono semplicemente tornare a prima della crisi, dimostrando così l’ansia di autoassoluzione per le classi dominanti e il timore che lo stato riprenda a fare il suo mestiere. Ma. come dice l’Istat, non si può semplicemente tornare a prima. Vorrebbe dire ritornare alle ragioni della crisi. Per questo occorre affrontare insieme due aspetti: redditi dei lavoratori e nuovo modello di sviluppo.
I redditi dei lavoratori sono già tanto bassi da essere fanalino di coda in Europa e sono ormai un vincolo negativo per la domanda interna. Il risultato è che o si dà vita ad una strategia di aumento dei redditi da lavoro, e da pensione, o l’Italia non riparte.
Il nuovo modello di sviluppo è indispensabile perché, ad esempio, è sbagliato proporre megainvestimenti per costruire insicure centrali nucleari (comprate dall’estero) quando si potrebbe dar vita ad una politica energetica basata sulle fonti rinnovabili, creando nuova occupazione qualificata, nuovi investimenti, una condizione ambientale più accettabile e con meno rischi per le persone.
Purtroppo con questo Governo l’Italia continuerà ad aspettare il treno della ripresa altrui e rischia di rimanere di nuovo al palo.

- pubblicato sul quotidiano Terra il 28/05/09

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarā improntato ai principi di correttezza, liceitā e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalitā concernenti l'attivitā informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati č facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (205)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Ultimi commenti:
Sono un prestatore privato e u...
15/06/2019  22:45:42
.:: James Caver
c
15/06/2019  13:03:19
.:: James Caver
L'ASSICURAZIONE fornisce prest...
14/06/2019  13:05:55
.:: Galibort
Fai la tua richiesta di denaro...
14/06/2019  01:12:58
.:: caleush
Ciao ... Ho un capitale che sa...
11/06/2019  21:38:53
.:: chapelle



Titolo



Ci sono 288 persone collegate