Immagine  
"
Possiamo essere liberi solo se tutti lo sono.

Hegel
"
 
.:: Home Page : Articoli
I risultati elettorali e le prospettive della sinistra
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  23/06/2009  11:35:03, in Politica, letto 1488 volte

- Pubblicato da Sinistra Democratica News il 23/06/09

La discussione sui risultati delle elezioni europee e sulla parte delle amministrative già svolte rischia di continuare esattamente nel solco che ha portato a risultati elettorali non positivi.

Non basta che Berlusconi abbia fallito l’obiettivo di ottenere il consenso plebiscitario che aveva in mente per dichiarare che l’opposizione ha avuto un buon risultato.

Infatti l’opposizione ha visto un buon risultato di Di Pietro ma un pessimo risultato del PD, che pure in un primo momento ha cercato di consolarsi balbettando di una fantomatica risalita dal precipizio che in realtà non c’è stata visto che mancano all’appello 4 milioni di elettori e conteggiare i voti radicali non fa che sottolineare che la situazione nel corso di poco più di un anno è completamente cambiata: i radicali vanno ormai per conto loro e l’Italia dei Valori è un alleato da riconquistare.

Le sinistre non sono messe meglio. E’ vero che oltre 2 milioni di elettori hanno votato a sinistra del PD, più del 2008, ma non avere superato il quorum del 4% pone un problema di fondo perchè non è stato centrato l’obiettivo minimo proprio di queste elezioni, anche se imposto da una modifica in zona Cesarini della legge elettorale, che peraltro non ha favorito il PD come sperava.

Continuare nei percorsi precedenti, facendo finta di nulla, ammesso che riesca, è una coazione ripetere difficilmente comprensibile e per di più rischia di portare le sinistre a competere sempre di più tra loro per tentare di sopravvivere l’una a spese dell’altra. Del resto voci autorevoli della sinistra hanno messo in guardia dal proseguire come se nulla fosse, come i 2 che a forza di combattersi si sono eliminati entrambi.

Partendo dalla diplomazia tra i gruppi dirigenti, ancora troppo dentro la loro parte pirandelliana, non si arriverebbe lontano; insistendo sulla ricomposizione di un caleidoscopio politico impazzito probabilmente pure.

Quindi occorre una mossa del cavallo, cioè scomporre e ricomporre diversamente i problemi politici.

Contenuti. E’ impressionante la distanza dai problemi (drammatici) delle persone in carne e ossa: occupazione, salario, politiche economiche diverse per rendere sostenibile lo sviluppo e il focus della sinistra su aspetti di schieramento e di sopravvivenza politica. Per di più la crisi è destinata a durare ed è aperto un enorme problema di classe: chi pagherà la crisi economica e finanziaria oggi cristallizzata nell’accresciuto debito pubblico ?

O si riprende contatto con una realtà sociale ed economica drammatica, iniziando con il contrastare l’ottimismo di facciata della destra al Governo che lascia marcire la situazione e cerca di tirare avanti con una stretta alleanza con Confindustria e settori del mondo imprenditoriale e finanziario.

O si rischia l’estinzione per inutilità manifesta a risolvere i problemi delle persone.

Schieramento. Partendo dalle forze (?) politiche della sinistra come sono oggi non si andrà lontano. Ho sperato a lungo nella possibilità di un’iniziativa politica unitaria a sinistra in grado di influenzare il PD e gli altri possibili alleati, ma prendo atto che il merito dell’iniziativa politica è stato il grande assente, se non per dimostrare di sapere mettere insieme un documento. Forse l’errore drammatico della “separazione consensuale” ha prolungato i suoi effetti fino ad oggi. Eppure è il merito delle cose l’unico modo per ricostruire mobilitazione, consenso, capacità di iniziativa. I contenuti sono la politica concreta su cui costruire l’iniziativa.

Quindi occorre cambiare registro e chiedersi se non occorra ripartire dalla questione di fondo e cioè dal costruire qui ed ora un’alternativa politica alla destra. Quando Franceschini dice che di alleanze si parlerà più avanti, vicino alle elezioni del 2013 dice una cosa terribile e infatti D’Alema ha buon gioco a chiedere di essere pronti di fronte a possibile fibrillazioni nella maggioranza. Ha ragione perché la cosa peggiore sarebbe avere di fronte il disfacimento della maggioranza e non essere in grado di affrontarla con un’alternativa credibile, cadendo inevitabilmente in tatticismi pericolosi e ambigui. Per mettere in campo un’alternativa occorre guardare al di là del proprio naso e del proprio interesse (?) immediato.

Quindi il problema non è ripiegare le bandiere e pensare di entrare nel PD, che per di più è in evidente crisi di identità e di prospettiva. Né ha qualche realismo pensare oggi ad un’unica forza politica dell’opposizione. Ha invece grande realismo e  capacità potenziale di presa politica dimostrare di avere capito che il problema è di costruire qui ed ora un nuovo centro sinistra o almeno alzare la bandiera della volontà della sua ricostruzione, con obiettivi a lungo termine e iniziative immediate, che non sono in contraddizione tra loro come qualcuno sembra pensare. Ricostruire il perimetro di una coalizione alternativa alla destra può essere un modo per ripensare anche a sé stessi, alla propria funzione politica e forse in questo modo il particolare di ciascuno potrebbe essere superato gradualmente nel quadro di un’iniziativa politica utile e necessaria per l’Italia e i lavoratori, a meno di volontà suicide sempre possibili. 

Alfiero Grandi

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
Finalmente! Bisogna che qualcuno abbia il coraggio di dirlo che il re è nudo: abbiamo fallito tutti gli obiettivi che ci siamo dati e che abbiamo perseguito in campagna elettorale, oltre a quello dell’unità della sinistra, per la quale ci siamo politicamente impegnati da più di due anni. Eppure da Roma arrivano ulteriori proposte di seminario a porte poco aperte e un’assemblea a settembre, per ripartire da qui, dal risultato raggiunto, perché “un risultato è stato raggiunto”. Ma ando vai? Alla domanda, pur correttamente posta, ci si risponde: partiamo dai territori, che è un’altra boiata pazzesca, come ebbe a dire Paolo Villaggio della Corazzata PotiomKin. Noi qui, nel nostro di territori, non abbiamo raggiunto nemmeno il 2% per Sinistra e Libertà alle Europee e in città la Lega si attesta al 18%, che sarà pure anche un problema del PD, ma che la dice lunga sulla pocaggine della nostra proposta politica nelle fabbriche e presso coloro che tradizionalmente votavano a sinistra. Le sinistre hanno perso e continuano imperterrite a difendere le loro roccaforti, che forse ormai dovremmo chiamare con un neologismo roccadeboli . E i nostri dirigenti si attardano a discutere, in attesa delle elezioni regionali del 2010? Quando ci impegneremo a costruire un’alternativa alla destra, invece che difendere le per di più scarse rendite di posizione di una rappresentanza al declino? C’è un paese che soffre una crisi gravissima e una opposizione che latita. Una cultura minacciosa e liberticida si insinua nei meandri del cervello della gente. Al sultano è permessa un’altra “morale”. Le istituzioni irrise e messe in pericolo da comportamenti irresponsabili, ancorché patologici. Il rischio “che l’amnesia etica diventi una condizione reale di deficit democratico e civile”. E qualcuno si chiede ancora perché si debba partire ricostruendo una opposizione?
Annusca
.::  Annusca Campani  inviato il 25/06/2009 @ 11:46:22
Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (214)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Ultimi commenti:
Alla tua attenzioneQuesto non ...
22/09/2019  14:47:06
.:: MARCIA Cortez
Quali sono le tue esigenze fin...
21/09/2019  10:15:15
.:: Roland Rooben
Ciao, Per tutte le persone che...
20/09/2019  00:41:08
.:: Osvalda Venturi
Salve a tutti e a tutti io son...
20/09/2019  00:40:29
.:: Osvalda Venturi
Buongiorno, signore e signori....
20/09/2019  00:39:52
.:: Osvalda Venturi



Titolo



Ci sono 130 persone collegate