Immagine  
"
Il vero guerriero non è chi combatte, perchè nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica se stesso per il bene degli altri. E' suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a se stesso e sopratutto dei bambini, il futuro dell'umanità

Toro Seduto
"
 
.:: Home Page : Articoli
Se son rose…
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  05/07/2012  11:57:00, in Finanza, letto 1212 volte

- Pubblicato da  Paneacqua, l'Altro quotidianoDazebao 

Realizzare quanto serve al nostro paese, e all’Europa, è importante. Il vertice di Bruxelles ha senza dubbio offerto risultati migliori di quelli prevedibili. “Le aspettative concordate sono andate oltre quelle dei mercati” ha detto Roubini. Si sono sprecati i paragoni calcistici, dopo la sconfitta della nazionale un po’ meno. Questo approccio rischia di portare fuori strada. Nel vertice di Bruxelles si è verificata l’esistenza di una dialettica tra paesi e tra posizioni politiche, prima annichilita dalla subalternità di Sarkozy e dal discredito del governo Berlusconi. Tuttavia i risultati del vertice di Bruxelles debbono essere valutati con maggiore attenzione. Ad esempio: il 9 luglio un nuovo vertice preciserà le modalità attuative delle decisioni politiche. Non è ovvio cosa ne uscirà e a seconda dell’esito anche il vertice potrebbe prendere un colore diverso. Ad esempio: il Governo italiano aveva insistito per un intervento automatico per contenere lo spread. Questo punto decisivo non è passato. L’automatismo obbligava ad indicare il livello di spread massimo tollerabile, cosa che non è stata fatta e la cui indicazione coinciderà con la richiesta di aiuto del paese interessato. Anche se la “troika” (Bce, Fmi, Commissione) non potrà imporre nuove condizioni al paese che invoca il sostegno, con l’umiliante atteggiamento tenuto verso la Grecia, resta il fatto che chi chiederà l’intervento per calmierare lo spread dovrà sottoscrivere un memorandum e impegnarsi ulteriormente ad attuare le misure già indicate (i cosiddetti compiti a casa) senza scampo. Va ricordato che queste misure (come la ben nota lettera della Bce all’Italia) contribuiscono ad aggravare la recessione economica. In più va ricordato che le risorse finanziarie europee a disposizione “salva spread” sono modeste e diventeranno più consistenti solo verso la fine del 2012. Senza arrivare comunque alla consistenza ritenuta da molti necessaria per fronteggiare la speculazione. Il sistema bancario europeo entra in una nuova fase che gradualmente dovrebbe portare ad un sistema europeo di garanzie, compresa quella sui depositi, e a controlli, ma nulla di paragonabile è transitato nella discussione sull’occupazione e sulla ripresa economica. Perché una banca non può fallire e una grande impresa industriale sì ? Perché per le banche si sta cercando di costruire una rete di protezione che distingue tra responsabilità della gestione e l’interesse della collettività mentre questo non avviene per le imprese industriali, ecc. ? Eppure i contraccolpi su economia e occcupazione possono essere ugualmente pesanti. Questa è la conferma che l’egemonia conservatrice in Europa resta forte. Si sta delinenando un rafforzamento dei compiti della Bce, a cui vengono attribuiti compiti operativi nel “salva spread” e di vigilanza sul sistema bancario, ma il compito più importante di cui si è discusso (quello di prestatore di ultima istanza) non è nemmeno all’ordine del giorno. Eppure sarebbe la novità più importante e renderebbe la Bce effettivamente simile alla Federal Reserve americana e alle altre banche centrali. Il rafforzamento della Bce avviene in assenza di un impegno a costruire in Europa un vero e proprio Ministero europeo dell’Economia, come esiste negli Usa, in Inghilterra, Giappone, ecc. Se ne è parlato, certo, ma il memorandum letto da Van Rompuy richiederà tra 5 e 10 anni per essere attuato. Troppo per essere utile ad affrontare la crisi attuale. Eppure il “fiscal compact” voluto dalla Germania (subito senza fiatare da Sarkozy) entrerà in vigore con una rapidità mai vista in Europa, a costo di strappi vistosi alle regole e all’assetto istituzionale europeo. In Europa quando si vuole i tempi possono essere molto veloci, oppure le scelte possono essere proiettate in un futuro indeterminato quando non si vuole affrontare il problema. Così lo squilibrio dei poteri europei si aggraverà. La Bce sarà sempre più il dominus solitario della politica economica europea, rafforzando la visione conservatrice tedesca, che non a caso dichiara ad ogni piè sospinto di avere fiducia solo nella Bce. Per ottenere eventuali soccorsi sullo spread il Governo Monti si è impegnato a procedere all’attuazione del memorandum della Bce. Infatti il vertice di Bruxelles è diventato il propellente per attuare i capitoli della lettera della Bce di un anno fa. Cosa potrebbe chiedere di più la troika, visto che l’attuazione delle restrizioni sta procedendo con rapidità ? In altre parole questo “risultato” europeo è l’alibi usato per giustificare la manomissione dell’articolo 18 e in generale il provvedimento sul lavoro, approvato con rapidità degna di miglior causa dal parlamento malgrado si siano sprecati i giudizi critici. Le misure decise per la crescita (il vero problema di questa crisi) sono importanti come segnale politico, molto meno come concreto risultato. La pressione della Francia ha aperto strade nuove per sostenere lo sviluppo. Tuttavia i tempi di attuazione e le quantità effettive di risorse messe a disposizione non sono in grado di invertire la tendenza recessiva in Europa, cioè non sono in grado di correggere sufficientemente la divaricazione tra chi è in grado di reagire alla recessione e chi, in particolare dopo provvedimenti restrittivi pesanti, non è in grado di farcela da solo. La Germania non ha preso impegni per mettere in comune il debito oltre il 60 % del Pil, né ha preso impegni per la ripresa europea, mnetre gli eurobond per sostenere la ripresa europea sono cancellati dall’odg. L’affermazione di Monti che l’accettazione delle misure per lo sviluppo sarebbero state approvate solo insieme a misure antispread ha dato un’immagine stravagante. Chi avrebbe capito se l’Italia avesse detto no a misure per lo sviluppo di cui si può e si deve criticare l’insufficienza ma non certo l’orizzonte ? Sarebbe stato più comprensibile se oltre alle misure per calmierare lo spread fossero state richieste ben altre misure per lo sviluppo, ma l’Italia ha concentrato tutto sulle richieste per calmierare lo spread, la cui risalita ha nuociuto alla credibilità del Governo Monti. Questo conferma che il Governo Monti continua a pensare che le misure di risanamento e le cosiddette riforme porteranno di per sé alla ripresa economica, mentre invece non è così. Del resto anche la debolezza e l’approssimazione delle misure per lo sviluppo approvate dal Governo Monti stridono pesantemente con la precisione con cui vengono definite le misure dei tagli alla spesa pubblica. Hollande ha più tempo per lo sviluppo: è stato appena eletto, la Francia non è in recessione come l’Italia. Per di più ha ottenuto un impegno europeo sull’introduzione della Tobin tax, obiettivo a cui aveva attribuito giustamente grande importanza. Purtroppo l’Italia è in recessione e la previsione attuale è che a fine anno la situazione dell’economia e dell’occupazione italiana saranno molto peggio del previsto. L’Italia non ha tempo, deve reagire rapidamente, creare domanda interna, offrire fiducia, indicare tappe. Di tutto questo c’è ben poco in Italia come a Bruxelles. Se questa è la battaglia principale non si vede la ragione del tifo esagerato che è stato diffuso sull’esito del vertice di Bruxelles. Alfiero Grandi
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
Certi prof so' strani.Ma la gente e8 stanra, in generale.Mia figlia e8 sempre stata sfigatissima, con i suoi.Gli ultimi due anni delle superiori incappf2 in una prof di italiano estremamente malvagia e non era manco la prima che trovava: gie0 alle elementari era stata massarata da una cosec, e io rimpiango di averla avuta giovanissima solo per questo: perche9 mi presero alla sprovvista e non seppi difenderla come la avrei difesa se fossi stata pif9 adulta.Questa delle superiori divenne un incubo, era determinata a convincerla che era scema. Offensiva, distruttiva, mortificante. In quinta, io avevo mia figlia in lacrime tutti i santi pomeriggi, pareva una malattia.Mio marito andf2 a parlarle e finec con lei urlante, una piazzata paurosa.Andai io e quasi non parlai: mi convinsi che era pazza e uscii cosec come ero entrata.Non c'era niente da fare.Tra l'altro, l'influenza negativa di questa donna si era estesa a tutto il consiglio di classe, erano tutti le0 a schifare gli alunni. A volte succede.Poi la Pupi prese in mano la situazione e decise che lei la maturite0, in quella scuola, non l'avrebbe fatta. Non voleva essere esaminata in una simile situazione.E, a marzo della quinta liceo, mi disse che voleva andare in Spagna.Subito.Ed io, pif9 pazza di lei, la appoggiai.Con il resto della famiglia che ci voleva sparare, entrambe, e il mondo che dava l'anno per perso.Traducemmo tutti i suoi documenti scolastici a tempo di record, trovammo gente disponibile al provveditorato spagnolo, facemmo una specie di miracolo e, ad aprile, lei era iscritta all'ultimo anno di una scuola equivalente alla sua in Spagna.A luglio fece la maturite0: aveva cambiato paese, professori, lingua e tutti i programmi. E la passf2.In due mesi, ce la fece.Una soddisfazione che non ti so manco dire.Un trionfo, porca miseria.L'ultimo giorno nella scuola italiana mia figlia ci andf2 apposta per fare il tema con la prof stronza.E invece del tema le scrisse una lettera.Me la raccontf2 dopo, nel po
.::  yacAhxCjxDusRhSMJU  inviato il 19/09/2012 @ 08:32:20
Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (211)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Ultimi commenti:
Ciao ... Ho un capitale che ve...
23/08/2019  02:55:13
.:: chapelle
Ciao ... Ho un capitale che ve...
23/08/2019  02:54:01
.:: chapelle
OFFERTA DI PRESTITO.Hai bisogn...
23/08/2019  02:18:22
.:: Paul Garry
Ciao, sono Jessica, attualment...
23/08/2019  00:09:55
.:: Jessica
Caro Signore / Signora,Siamo u...
22/08/2019  12:43:15
.:: Manuela



Titolo



Ci sono 120 persone collegate