Immagine  
"
Possiamo essere liberi solo se tutti lo sono.

Hegel
"
 
.:: Home Page : Articoli
Convegno. NUOVE PROFESSIONI A MILANO
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  04/12/2006  12:44:39, in Lavoro, letto 1324 volte

Protagoniste e Protagonisti tra Autonomia e Instabilità

Messaggio all'Avv. Lia Cigarini

Cara Lia, non potrò partecipare all’iniziativa di oggi. Ti avevo preannunciato fin dall’inizio una probabile difficoltà ad essere presente che si è poi materializzata. Comunque il dibattito su questi argomenti è di grande importanza e per cercare di ovviare ho pensato di inviarti questa lettera con alcune considerazioni di merito. Parto dal presupposto che il superamento della precarietà sia un obiettivo di tutti noi e lo è quindi anche del Governo. Invertire la tendenza rispetto al dilagare della precarietà deve quindi essere un presupposto dell’azione del Governo e non può che svolgersi su diversi piani. Anzitutto è aperto, e per ora non risolto, un problema di diritti per quanti lavorano per conto di altri. In questo campo è necessaria una nuova legislazione. Come sappiamo il lavoro dipendente ha conquistato un certo livello di diritti con lo statuto di lavoratori, con i diritti sociali, anche se nelle aziende più piccole questi diritti sono in parte ridotti e a volte difficili da esercitare. Poi c’è una altra grande area di lavoratori che ha diversi gradi di assenza dei diritti, con notevoli differenze all’interno. Per fare un esempio i lavoratori associati (figura che in verità non dovrebbe esistere perché l’associazione dovrebbe riguardare solo capitali e mezzi di produzione e tuttavia questo rapporto di lavoro oggi riguarda 400.000 persone) solo da poco hanno l’obbligo del versamento dei contributi previdenziali. La previdenza è infatti uno dei principali diritti sociali perché riguarda il diritto ad avere un accantonamento di contributi in vista di una futura pensione. La svolta in maniera previdenziale c’è stata infatti quando da un iniziale diritto limitato a chi aveva più potere contrattuale il diritto alla pensione è diventato generale. Quindi il tema dei diritti è centrale e personalmente continuo a ritenere preferibile la via di una estensione generale dei diritti a tutti coloro che lavorano per conto di altri, superando l’attuale frammentazione nei rapporti di lavoro che affianca sempre più ampiamente il lavoro dipendente. E’ in sostanza la prospettiva su questi problemi tracciata dalla proposta di legge della CGIL che personalmente condivido. C’è poi l’esigenza di rivedere la proliferazione dannosa delle forme contrattuali previste dalla legge Maroni, che probabilmente oggi trova qualche simpatia in meno anche nel mondo imprenditoriale. Poi c’è la forza che può essere esercitata dalle convenienze e dagli scoraggiamenti economici. Non c’è dubbio che la precarietà è dilagata anche perché resa più conveniente delle altre forme di lavoro e correggere questo squilibrio è un compito anzitutto del Governo e del Parlamento. E’ del tutto ovvio che i lavoratori che sono stati presi in ostaggio da queste logiche non hanno loro responsabilità e tuttavia sarebbe difficile parlare di diritti nel lavoro e di diritti sociali senza un’idea forte di unificazione del costo del lavoro anche sotto il profilo contributivo. Anzi il ricorso al lavoro precario deve essere reso più costoso per scoraggiarne l’uso improprio e dilagante. Nella Finanziaria 2007 da un lato vengono incentivate le imprese ad assumere a tempo indeterminato, in particolare donne e con incentivi maggiori al Sud, dall’altro viene avviata un parificazione contributiva per rendere meno conveniente il ricorso ad altre forme di lavoro e avviare una graduale parificazione pensionistica. Quindi se da un lato la leva è rendere tendenzialmente simile la contribuzione contrattuale dall’altro occorre garantire che il risultato pensionistico finale sia altrettanto simile. Per questo la Finanziaria 2007 aumenta i contributi sui Co.Co.Co. e Co.Co.Pro., nonché per le altre figure assimilabili. Contributi più pesanti che dovrebbero secondo la legge essere ripartiti tra lavoratori e datori di lavoro, anche se non può essere ignorato che è in atto un tentativo di scaricare gli oneri sui lavoratori interessati, approfittando di un debole, o almeno più debole, potere contrattuale. Questo è un problema vero che sindacati, partiti e Governo non possono trascurare e richiama più che mai il legame con il problema dei diritti di chi lavora per altri in qualsivoglia modalità di cui prima ho parlato. Del resto si muove in questa direzione l’iniziativa del Ministro del Lavoro sui call center. Naturalmente questo non basta. Occorre accompagnare questa fase di graduale equiparazione dei contributi con una forte azione sui diritti, anche da parte del Governo, con proposte legislative precise. Alcuni diritti sociali in materia di malattia, e maternità sono affrontati in modo nuovo nella Finanziaria 2007 e il Governo con un emendamento già presentato vuole migliorare ulteriormente il testo iniziale della finanziaria. Va ricordato inoltre l’emendamento a favore dei lavoratori temporanei con meno di 8.000 euroi di reddito che avranno garantita la detrazione di almeno 1.380 euro per anno. C’è poi una nuova iniziativa del Governo che ha incoraggiato il relatore alla Finanziaria 2007 a presentare al Senato un emendamento che, riconoscendo la particolare condizione dei Co.Co.Co. e Co.Co.Pro. in rapporto all’esigenza di procurarsi a loro spese i mezzi necessari per il loro lavoro, costituisce un fondo che prevede sgravi fiscali per l’acquisto di computer. E’ un altro segno di attenzione, dal lato fiscale, fermo restando che questi lavoratori, se non hanno partita IVA, godono delle migliori condizioni fiscali previste dalla Finanziaria 2007 fino a circa 40.000 euro di reddito annui. Resta sullo sfondo la discussione che inizierà a gennaio sulla previdenza tra Governo e sindacati. Tuttavia dopo l’approvazione delle legge Finanziaria 2007 questo tema verrà affrontato ed è necessario che sia i sindacati che il Governo affrontino la discussione proprio a partire dalle figure più precarie o più deboli sul mercato del lavoro che debbono avere misure di solidarietà. Penso anzitutto all’esigenza di poter ricongiungere (totalizzazione) tutti i periodi e gli importi contributivi per raggiungere un’unica pensione. Infatti le normative del Governo di centro destra in passato hanno costruito delle vere e proprie trappole come l’obbligo di poter sommare solo periodi contributivi di almeno 6 anni. Poi è necessario individuare forme di solidarietà, attraverso periodi e contributi figurativi, per le aree di maggiore precariato e di discontinuità lavorativa. Così è necessario costruire uno strumento ad hoc di previdenza integrativa. Si tratta di delineare, in sostanza, un percorso di solidarietà verso le aree più deboli e precarie del lavoro, di cui ho delineato solo alcuni tratti. Non si può accettare lo status quo della precarietà, occorre agire e le proposte del Governo, certo non esaustive e ancora insufficienti, si muovono tuttavia in questa direzione riaprendo spazi e provando a chiudere contraddizioni. Non penso affatto che questo compito si possa realizzare solo dal lato dell’iniziativa legislativa. Anzi continuo a pensare che i sindacati debbono sempre più prendere in carico la precarietà oggi poco rappresentata socialmente e politicamente e rappresentarne i problemi e le necessarie soluzioni. Così è necessario facciano in particolare le forze politiche di centro sinistra più sensibili e tutte le forme associative e culturali che possono contribuire molto di più di quanto a volte non si immagina a costruire il nuovo che è anche, se non anzitutto, cultura diffusa dei diritti delle persone che lavorano. Ci sono poi questioni più specifiche che sono nel pacchetto dei problemi che mi hai sottoposto e che riguardano più il versante di chi ha scelto (o si trova) nel campo delle professioni. Anzitutto il Governo ha varato alcuni provvedimenti tesi a rompere incrostazioni e a rendere più facile e aperto l’accesso alle professioni. Non tutti i quesiti posti trovano già oggi una risposta e forse il problema politico a monte è che occorre varare una sorta di piattaforma, cioè un quadro di proposte che mi impegno ad esaminare come parte del ministero dell’Economia che si occupa della parte fiscale. Del resto ci sono più confronti e trattative di quanto a volte non ci si immagina. Rispondo per la parte che posso. Per quanto riguarda la deducibilità (a parte la novità che ho preannunciato per i computer) in materia di auto abbiamo dovuto tener conto della sentenza della Corte europea in materia di deducibilità per l’IVA auto. L’impegno del Governo, a fronte dell’autorizzazione europea a forfetizzare la deducibilità per IVA auto e connessi, è di aumentare la deducibilità dall’imposta sul reddito di pari importo. Il taglio della deducibilità sulle imposte dirette si è reso necessario per finanziare la maggiore deducibilità sulle imposte indirette. Per le spese telefoniche la finanziaria prevede la deducibilità all’80% per le spese telefoniche sia fisse che mobili e questa è una novità. Su studi di settore e IRAP professionisti sono allo studio, e forse vedranno presto la luce, importanti novità. Ci sono aspetti che vanno riesaminati come la tassazione del rimborso delle spese di trasporto. Altri aspetti ancora richiedono un approfondimento che non sono in grado di fare oggi. Per questo suggerisco di aprire un confronto nelle forme e nelle sedi proprie per esaminare i problemi e se possibile individuare soluzioni adeguate. Per questo confronto puoi contare su di me. Cordiali saluti

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (211)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Ultimi commenti:
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:17:08
.:: Muscara Mariia
Mi scusi per l'inconveniente, ...
18/08/2019  00:16:12
.:: Muscara Mariia
Ciao, offro ad ogni persona in...
17/08/2019  17:08:25
.:: Linetti
Sto solo sorridendo mentre sto...
17/08/2019  00:00:52
.:: Mrs Grace
INCREDIBILE MA VEROSono ANNE F...
16/08/2019  08:08:12
.:: ANNE



Titolo



Ci sono 651 persone collegate