Immagine  
"
Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo.

Voltaire
"
 
.:: Home Page : Articoli
L'aumento dell'Iva sarebbe un disastro
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  20/09/2013  15:33:08, in Politica, letto 1005 volte
L'aumento dell'Iva sarebbe un disastro La curiosità aumenta. Il Ministro Saccomanni è categorico sul rispetto del 3% per il deficit pubblico nel 2013. Nello stesso tempo la telenovela per trovare i fondi per togliere l'Imu e per evitare l'aumento dell'IVA conferma che gli spazi per interventi ritenuti urgenti dal Governo sono minimi. Tanto è vero che per finanziare i 470 milioni di euro del decreto per la scuola sono state aumentate le accise sugli alcoolici e alcune tasse catastali per le compravendite. Aumenti in sé non eccessivi e certo per scopi nobili e condivisibili. Resta il fatto che per interventi tutto sommato modesti a favore della scuola si è dovuti ricorrere a nuovi aumenti del prelievo.Anche l'idea di vendere proprietà pubbliche per fare cassa non è cosa semplice, né di effetto immediato. Ci si dovrebbe chiedere anzitutto quali proprietà pubbliche potrebbero essere effettivamente alienate e soprattutto se sia una scelta giusta se dovesse trattarsi di aziende strategiche, che per di più potrebbero finire in mano a concorrenti esteri, che da tempo stanno facendo incetta di aziende italiane. In questa sede mi limito a cercare di capire se vendendo patrimonio si renderebbero disponibili risorse e sembra proprio che anche decidendo che il gioco vale la candela per ottenere qualche risultato ci vorrebbe tempo. Quindi resta il problema di dove trovare le risorse per gli interventi.Per questo è legittimo chiedersi come si pensa di finanziare la riduzione del cuneo fiscale che Confindustria per le imprese precisa in 5 miliardi di euro, cifra che i sindacati chiedono legittimamente che venga raddoppiata con interventi a favore dei lavoratori. In tutto una richiesta di 10 miliardi di riduzione fiscale, che si aggiunge al resto delle esigenze, a partire dal rifinanziamento della cassa integrazione. Naturalmente un intervento fiscale di questo tipo potrebbe aiutare la ripresa, sia sul versante degli investimenti - a condizione che gli interventi siano finalizzati ad obiettivi precisi - che su quello della domanda interna perché i redditi da lavoro avrebbero maggiori disponibilità.E' a questo punto che vale la pena di mettere le mani avanti, perché è del tutto evidente la tentazione di aumentare l'IVA per finanziare la riduzione delle tasse dirette. Questa proposta è stata avanzata da diverse parti, fortunatamente per ora senza trovare ascolto. Va dato atto al vice ministro Fassina di avere battuto sul chiodo dell'assoluta esigenza di bloccare l'aumento dell'Iva nel 2013.Infatti l'aumento della tassazione indiretta, fossanche per ridurre quella diretta, è una vecchia ricetta conservatrice, guarda caso puntualmente recepita dalle raccomandazioni europee all'Italia e non a caso caldeggiata da Tremonti.Eppure è noto che mentre l'aumento della tassazione diretta sostanzialmente non influenza l'inflazione, l'aumento della tassazione indiretta sui consumi spinge l'aumento dei prezzi. Quindi un aumento dell'IVA provocherebbe ulteriore compressione della domanda interna togliendo disponibilità di reddito. Domanda interna che è già in consistente riduzione, come ricordano in questi giorni le associazioni dei commercianti, proprio per la riduzione sostanziale della capcità di acquisto dei redditi bassi e da lavoro.Quindi un aumento dell'Iva porterebbe a ridurre la domanda interna del nostro paese e non è nemmeno sicuro che porterebbe ad un aumento delle entrate dello Stato, visto che tende scoraggiare la domanda interna e quindi potrebbe finire con il creare sorprese nelle entrate dell'Iva. Mentre un aumento del prelievo sui redditi alti, come potrebbe avvenire con una patrimoniale o con la tassazione delle rendite, non avrebbe conseguenze sui prezzi e tenderebbe a riequilibrare la distribuzione dei redditi senza ridurre la domanda.Aumentare l'Iva nel 2014 sarebbe un grave errore e non solo approfondirebbe il solco tra i redditi ma sarebbe controproducente proprio con l'obiettivo della ripresa della domanda e quindi dell'economia. Per di più aumentare l'Iva vorrebbe dire tentare l'aggiustamento del bilancio pubblico attraverso un certo aumento dell'inflazione.Per questo se venisse aumentata l'Iva strutturalmente l'anno prossimo per cifre ben più consistenti di quelle di cui si parla in questa coda del 2013 sarebbe grave.Per questo, visti i vincoli di bilancio che il Governo vuole rispettare ad ogni costo, è bene mettere le mani avanti per schivare con anticipo la tentazione di fare lo scambio tra tassazione diretta ed indiretta. Prendendo dalle famiglie per dare alle imprese.Se il Governo pensasse seriamente di aumentare l'Iva nel 2014 farebbe un grave errore ed è bene che sappia che troverà un disaccordo di fondo perchè l'opinione pubblica non si farà ingannare tanto facilmente, visto che in realtà le uniche a guadagnarci in modo netto sarebbero le imprese e la discussione in questa parte del 2013 ha almeno chiarito che andrebbe evitata ad ogni costo.Alfiero GrandiL'aumento dell'Iva sarebbe un disastroLa curiosità aumenta. Il Ministro Saccomanni è categorico sul rispetto del 3% per il deficit pubblico nel 2013. Nello stesso tempo la telenovela per trovare i fondi per togliere l'Imu e per evitare l'aumento dell'IVA conferma che gli spazi per interventi ritenuti urgenti dal Governo sono minimi. Tanto è vero che per finanziare i 470 milioni di euro del decreto per la scuola sono state aumentate le accise sugli alcoolici e alcune tasse catastali per le compravendite. Aumenti in sé non eccessivi e certo per scopi nobili e condivisibili. Resta il fatto che per interventi tutto sommato modesti a favore della scuola si è dovuti ricorrere a nuovi aumenti del prelievo.Anche l'idea di vendere proprietà pubbliche per fare cassa non è cosa semplice, né di effetto immediato. Ci si dovrebbe chiedere anzitutto quali proprietà pubbliche potrebbero essere effettivamente alienate e soprattutto se sia una scelta giusta se dovesse trattarsi di aziende strategiche, che per di più potrebbero finire in mano a concorrenti esteri, che da tempo stanno facendo incetta di aziende italiane. In questa sede mi limito a cercare di capire se vendendo patrimonio si renderebbero disponibili risorse e sembra proprio che anche decidendo che il gioco vale la candela per ottenere qualche risultato ci vorrebbe tempo. Quindi resta il problema di dove trovare le risorse per gli interventi.Per questo è legittimo chiedersi come si pensa di finanziare la riduzione del cuneo fiscale che Confindustria per le imprese precisa in 5 miliardi di euro, cifra che i sindacati chiedono legittimamente che venga raddoppiata con interventi a favore dei lavoratori. In tutto una richiesta di 10 miliardi di riduzione fiscale, che si aggiunge al resto delle esigenze, a partire dal rifinanziamento della cassa integrazione. Naturalmente un intervento fiscale di questo tipo potrebbe aiutare la ripresa, sia sul versante degli investimenti - a condizione che gli interventi siano finalizzati ad obiettivi precisi - che su quello della domanda interna perché i redditi da lavoro avrebbero maggiori disponibilità.E' a questo punto che vale la pena di mettere le mani avanti, perché è del tutto evidente la tentazione di aumentare l'IVA per finanziare la riduzione delle tasse dirette. Questa proposta è stata avanzata da diverse parti, fortunatamente per ora senza trovare ascolto. Va dato atto al vice ministro Fassina di avere battuto sul chiodo dell'assoluta esigenza di bloccare l'aumento dell'Iva nel 2013.Infatti l'aumento della tassazione indiretta, fossanche per ridurre quella diretta, è una vecchia ricetta conservatrice, guarda caso puntualmente recepita dalle raccomandazioni europee all'Italia e non a caso caldeggiata da Tremonti.Eppure è noto che mentre l'aumento della tassazione diretta sostanzialmente non influenza l'inflazione, l'aumento della tassazione indiretta sui consumi spinge l'aumento dei prezzi. Quindi un aumento dell'IVA provocherebbe ulteriore compressione della domanda interna togliendo disponibilità di reddito. Domanda interna che è già in consistente riduzione, come ricordano in questi giorni le associazioni dei commercianti, proprio per la riduzione sostanziale della capcità di acquisto dei redditi bassi e da lavoro.Quindi un aumento dell'Iva porterebbe a ridurre la domanda interna del nostro paese e non è nemmeno sicuro che porterebbe ad un aumento delle entrate dello Stato, visto che tende scoraggiare la domanda interna e quindi potrebbe finire con il creare sorprese nelle entrate dell'Iva. Mentre un aumento del prelievo sui redditi alti, come potrebbe avvenire con una patrimoniale o con la tassazione delle rendite, non avrebbe conseguenze sui prezzi e tenderebbe a riequilibrare la distribuzione dei redditi senza ridurre la domanda.Aumentare l'Iva nel 2014 sarebbe un grave errore e non solo approfondirebbe il solco tra i redditi ma sarebbe controproducente proprio con l'obiettivo della ripresa della domanda e quindi dell'economia. Per di più aumentare l'Iva vorrebbe dire tentare l'aggiustamento del bilancio pubblico attraverso un certo aumento dell'inflazione.Per questo se venisse aumentata l'Iva strutturalmente l'anno prossimo per cifre ben più consistenti di quelle di cui si parla in questa coda del 2013 sarebbe grave.Per questo, visti i vincoli di bilancio che il Governo vuole rispettare ad ogni costo, è bene mettere le mani avanti per schivare con anticipo la tentazione di fare lo scambio tra tassazione diretta ed indiretta. Prendendo dalle famiglie per dare alle imprese.Se il Governo pensasse seriamente di aumentare l'Iva nel 2014 farebbe un grave errore ed è bene che sappia che troverà un disaccordo di fondo perchè l'opinione pubblica non si farà ingannare tanto facilmente, visto che in realtà le uniche a guadagnarci in modo netto sarebbero le imprese e la discussione in questa parte del 2013 ha almeno chiarito che andrebbe evitata ad ogni costo.Alfiero Grandi
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarā improntato ai principi di correttezza, liceitā e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalitā concernenti l'attivitā informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati č facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (214)
Politoca (1)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Ultimi commenti:
Alla tua attenzioneQuesto non ...
22/09/2019  14:47:06
.:: MARCIA Cortez
Quali sono le tue esigenze fin...
21/09/2019  10:15:15
.:: Roland Rooben
Ciao, Per tutte le persone che...
20/09/2019  00:41:08
.:: Osvalda Venturi
Salve a tutti e a tutti io son...
20/09/2019  00:40:29
.:: Osvalda Venturi
Buongiorno, signore e signori....
20/09/2019  00:39:52
.:: Osvalda Venturi



Titolo



Ci sono 179 persone collegate