Immagine  
"
Vedi di non chiamare intelligenti solo quelli che la pensano come te

Ugo Ojetti
"
 
.:: Home Page : Articoli
Il congresso nazionale della Cgil si è concluso
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  14/06/2014  15:37:53, in Politica, letto 888 volte
Il congresso nazionale della Cgil si è concluso. Le reazioni alla relazione di Susanna Camusso hanno messo in luce aspetti preoccupanti come l’attacco al sindacato. L’attacco al sindacato è stato mascherato da rifiuto della concertazione, che è stato il metodo scelto da tanti governi precedenti, ma il vero obiettivo è scavalcare il sindacato, puntando a stabilire un rapporto diretto con i lavoratori, quasi che il sindacato fosse un inciampo. Questi sono atteggiamenti storici della destra e non possono essere fatti propri da qualunque parte del centro sinistra senza conseguenze pesanti, sociali e politiche. E’ auspicabile che vengano presto corrette queste affermazioni sbagliate e inaccettabili, in modo da consentire alla rappresentanza dei lavoratori di fare valere un punto di vista indispensabile per la ripresa economica e l’equità. Tuttavia il congresso della Cgil non ha potuto svolgere completamente il ruolo forte che molti si aspettavano, a partire dai lavoratori, dai disoccupati, dai pensionati. Questo perché la divisione che si è manifestata nella Cgil sul regolamento del gennaio 2014 su rappresentanza e rappresentatività - che in realtà modifica l’accordo del 31 maggio 2013 - alla fine del congresso era la stessa dell’avvio, indebolendo la maggiore confederazione sindacale. La spinta a dividere i sindacati in questi anni è stata fortissima, per la pressione di settori imprenditoriali come la Fiat e dei governi della destra. L’accordo sulle regole di rappresentanza sindacale del 31 maggio 2013 ha fatto sperare il superamento delle rotture e il ripristino di un rapporto democratico con i lavoratori. Purtroppo il regolamento attuativo, firmato l’11/1/2014, modifica punti importanti dell’accordo del 2013 e ha causato divisioni profonde nella Cgil. Anche nel 1992 ci fu un accordo che causò uno scontro politico nella Cgil e portò alle dimissioni di Trentin da segretario generale, ma i protagonisti dell’epoca seppero fermarsi prima dell’irreparabile, creando le condizioni per il ritiro delle dimissioni per il superamento dell’accordo contestato. Questo aprì la strada ad un nuovo accordo nel 1993, che recuperò in parte gli arretramenti del 1992. Proiettare in avanti il superamento dei punti irrisolti anche oggi potrebbe essere un metodo fecondo per uscire dalle difficoltà. Certo, la via maestra sarebbe riscrivere parti del regolamento sulla rappresentanza del gennaio 2014, ma la Cgil potrebbe comunque decidere proprie modalità di attuazione dell’intesa. Ad esempio, la Fiom è al centro di un pesante attacco ed è oggetto di discriminazioni, sanzionate dalla stessa Corte Costituzionale con una sentenza che fa testo in materia. La Cgil potrebbe impegnarsi ad evitare che la Fiom, come qualunque altra categoria, possa essere esclusa dalle piattaforme, dalle trattative, dai diritti sindacali anche se decide di non firmare il contratto. Questo garantirebbe a tutti i diritti sindacali contrattuali e ai lavoratori la certezza di poter scegliere la loro rappresentanza. Del resto le Confederazioni hanno interesse a chiudere la stagione degli accordi separati arrivando ad un nuovo contratto dei metalmeccanici che coinvolga tutti, sia chi ha firmato quelli precedenti, sia chi non l’ha fatto, senza chiedere abiure. Nell’accordo del 31 maggio 2013 sulla rappresentanza, apprezzato da tutti, è previsto il voto dei lavoratori sui contratti nazionali, purtroppo non è così nei luoghi di lavoro, con il rischio che la modifica a livello aziendale dei contratti nazionali apra la strada ad un aziendalismo incontrollato. Va chiarito il ruolo dell’arbitrato interconfederale, non previsto nell’accordo del 2013. L’azione sindacale ha carattere volontario, che senso ha forzare la volontà di intere categorie, correndo il rischio di ricorsi alla magistratura ? La Cgil può interpretare l’arbitrato affermando con chiarezza che nessuna commissione arbitrale potrà adottare sanzioni verso sue strutture, possibili solo a norma di statuto. Il valore dell’accordo del 31 maggio 2013 sta in un percorso democratico che consente alla maggioranza dei lavoratori di pronunciarsi sulle scelte che li riguardano, tuttavia resta un problema irrisolto per le confederazioni la partecipazione alle decisioni di milioni di lavoratori precari, discontinui, che vengono strumentalmente usati contro i lavoratori cosiddetti “garantiti”. Le ragioni per arrivare ad un’intesa contrattuale su rappresentanza e rappresentatività ci sono tutte, ma solo la sua adeguatezza è la garanzia del successo. Se un’intesa suscita dissensi tali da arrivare a 2 consultazioni parallele, vuol dire che le divergenze non sono superabili con richiami all’ordine. Inoltre le migliori regole contrattuali non possono nascondere l’esigenza di una legge su rappresentanza e rappresentatività che dia certezze a tutti ed eviti le oscillazioni legate alle fasi politiche e sindacali, come spesso è accaduto. Il sindacato è di fronte a prove che obbligano tutti a porsi l’obiettivo di riunificare il mondo del lavoro subordinato, martoriato da disoccupazione, basse retribuzioni, caduta del potere contrattuale. I lavoratori hanno bisogno di un sindacato forte in grado di affrontare le sfide dei prossimi anni. Il superamento delle differenze va cercato con coraggio, misura, creatività. L’accordo del 31 maggio 2013 resta un riferimento positivo e può aiutare il sindacato ad uscire dalle difficoltà, semprechè il regolamento attuativo del gennaio 2014 non arrivi a contraddirlo . Alfiero Grandi
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (205)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Ultimi commenti:
Sono un prestatore privato e u...
15/06/2019  22:45:42
.:: James Caver
c
15/06/2019  13:03:19
.:: James Caver
L'ASSICURAZIONE fornisce prest...
14/06/2019  13:05:55
.:: Galibort
Fai la tua richiesta di denaro...
14/06/2019  01:12:58
.:: caleush
Ciao ... Ho un capitale che sa...
11/06/2019  21:38:53
.:: chapelle



Titolo



Ci sono 311 persone collegate