Immagine  
"
C'è chi insegna guidando gli altri come cavalli passo per passo. C'è chi insegna lodando quanto trova di buono e divertendo. C'è pure chi educa senza nascondere l'assurdo ch'è nel mondo, aperto ad ogni sviluppo, ma cercando di essere franco all'altro come a sè, sognando gli altri come ora non sono: ciascuno cresce solo se sognato.

Danilo Dolci
"
 
.:: Home Page : Articoli
Crisi dell’Unione europea e sinistra
.:: Alfiero Grandi Pubblicato in data:  02/10/2015  10:15:30, in Politica, letto 762 volte
Mario Draghi ha rilanciato un confronto di straordinaria attualita'. Finora un capo della Bce mai aveva posto l'esigenza di avere un Ministro dell'economia dell'area Euro. Questa proposta fa parte di un pacchetto in discussione per iniziativa dei cosiddetti 5 presidenti. Ora Draghi ha riproposto con forza il problema. Si può rifiutare questo terreno di confronto ma sarebbe un errore perché, nel bene o nel male, queste proposte riaprono la discussione sia sugli assetti istituzionali dell’Unione europea e inevitabilmente sui trattati che hanno via via costruito il viluppo che sorregge le politiche di austerità. Queste proposte, consapevoli della gravità della crisi europea, tentano di rimediare dell’Unione. La parte più intelligente dei conservatori avverte la gravità della situazione anche se tenta di perpetuare nel cambiamento l’egemonia conservatrice. Tuttavia quando si aprono le porte a delle novità è difficile negare il diritto di proporne altre, di segno completamente diverso. Se ve ne saranno. La sinistra europea deve cogliere questa possibilità, senza lasciarla cadere, perché non è detto che si ripresenti l’occasione di una discussione ampia, a tutto raggio sul futuro dell’Unione come questa, cercando di andare oltre la coppia infernale: piegare la testa o andarsene/essere cacciati. Teoricamente un’alternativa c’è, a patto che la si proponga e la si voglia portare avanti con determinazione. Certamente ha esercitato una forte spinta sull’iniziativa di Draghi il fatto che la Bce abbia agito per sostenere il rilancio dell'economia europea usando gli strumenti a sua disposizione come il Quantitative Easing, imitando - con ritardo - la Federal Reserve americana. La differenza con gli Stati Uniti non sta solo nel ritardo dell'iniziativa a sostegno dello sviluppo o nella quantita' dell’intervento, quanto nel fatto che a fronte della Federal Reserve c'e' il governo americano che ha chiesto con forza una politica monetaria espansiva e un Ministro dell'Economia che e' il punto di riferimento della banca centrale Usa. Draghi ha assunto decisioni espansive di politica monretaria, pur con qualche prudenza di troppo per il condizionamento tedesco, ma si trova di fronte ai limiti di una manovra tutta monetaria. E’ proprio Draghi ad avvertirne i limiti nello stesso momento in cui dichiara che la manovra della Bce proseguira' fintanto che ce ne sara' bisogno. Per questo sente l'esigenza di chiedere ai governi europei di andare con determinazione verso la costruzione di una sponda politica ed istituzionale, di un referente per le manovre monetarie. L'altra novita' e' che Draghi non insiste per avere un Ministro dell'Economia dell'Europa a 28 ma dell'area Euro, quindi chiede in modo felpato, ma non troppo, un governo economico, e non solo, dell'area Euro e quindi inevitabilmente pone l'esigenza di riformare i trattati e l'architettura istituzionale europea attuale. E’ una sfida di enorme rilievo, come del resto lo è la crisi profonda dell’Unione. Quindi le forze politiche e in particolare la sinistra dovrebbero discutere questa possibilità come una priorita' che obiettivamente offre spazi che erano inesistenti o quasi prima di questa iniziativa. Per la prima volta una parte dell'establishment europeo si pone il problema di una politica di espansione che non si limiti all’uso degli strumenti monetari, per quanto importanti possano essere. Per di piu' la politica monetaria, ancorche' espansiva, deve per definizione attuarsi attraverso il sistema bancario che prima pensa ai suoi problemi di bilancio, vedi la richiesta di bad bank, poi alla ripresa economica. Del resto i vincoli posti alle banche a livello europeo non incoraggiano certo una politica di prestiti facili. Quindi la Bce sa benissimo che il QE paga un vero e proprio pizzo al sistema bancario e solo in seguito gli effetti della sua iniziativa di denaro a buon mercato arrivano al sistema economico. Quindi solo un'iniziativa istituzionale, dei parlamenti e dei governi, puo' dare un impulso, andando oltre le iniziative difensive, alla ripresa economica, alla sua qualita' sociale ed ambientale, alla sua ottica effettivamente europea. Un’iniziativa della sinistra europea dovrebbe avere 3 pilastri: 1)occupazione, non solo come quantità ma anche come qualità e redistribuzione del lavoro e degli orari, 2)ambiente come vincolo e soprattutto come risorsa, 3)riduzione strutturale, anche se graduale, della divaricazione tra i redditi, che è ormai un vincolo negativo per la ripresa e che da decenni non era ai livelli attuali, come ha dimostrato Picketty. La conseguenza politica del rilancio di Draghi, che deriva dalla constatazione che l'allargamento europeo è avvenuto senza risolvere a monte le regole di funzionamento e senza chiarire gli obiettivi di fondo dell’Europa, ha creato una situazione di paralisi nella quale paradossalmente crescono le spinte ad uscire, mentre l'area Euro ha stabilito legami tali al suo interno che potrebbero essere valorizzati e portati alle estreme conseguenze, anche nell’atribuzione di compiti al livello europeo per realizzare una vera Unione. Delle 2 l'una: o si attende che tutti entrino nell'area Euro con tempi lunghissimi, sapendo che al termine di questo processo l’Unione potrebbe non esserci più, o si decide di promuovere una cooperazione più che rafforzata con un parlamento dell'area Euro e un Governo della stessa, compreso il Ministro dell'Economia. Di un altro alto rappresentante sul modello europeo degli esteri non se ne sente la necessità. Tanti hanno dubbi e i timori sono legittimi, ma di fronte abbiamo il rischio concreto del dissolvimento europeo, nel modo peggiore cioe' per incidente: Per questo e' preferibile prendere il toro per le corna e disegnare un'Europa a 2 velocita': area Euro e Europa a 28. Inoltre la prospettiva aperta dalla nuova proposta in campo potrebbe consentire di mettere concretamente in discussione tutti i trattati europei, partendo da Mahastricht per finire alle assurde formule conosciute negli ultimi tempi, e questo potrebbe riaprire uno spazio anche per la Grecia, costretta ad un ripiegamento dai rapporti di forza sfavorevoli. Cosa aspetta la sinistra italiana a prendere in parola da ultimo Draghi e a proporre un confronto a livello europeo per costruire una piattaforma che sia la risposta da sinistra alla proposta dei presidenti e in particolare di Draghi ? Alfiero Grandi
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 2000 caratteri)
Nome
eMail



Scrivi i caratteri che leggi nell'immagine, rispettando le maiuscole


Trattamento dei dati
Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:

    • I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa di questo spazio
    • Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
    • I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione se non quelli specifici di questo sito web.
Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Iscriviti alla newsletter
 

Cerca per parole chiave
 



Titolo
Atti Ufficiali (2)
Avvisi (2)
Avvisi ai lettori blog (3)
Bologna (3)
Catasto (36)
Contributi al Blog (1)
Diritti (4)
Economia (64)
Finanza (23)
Finanziaria (10)
Fisco (27)
generale (1)
Internazionale (2)
Interviste (12)
Lavoro (32)
Ministero delle Finanze (10)
Nucleare (53)
Ogm (1)
Omeopatia (1)
Pace (1)
Politica (208)
Pubblicazioni (11)
Sondaggio (1)
Tobin tax (12)
Trentin (1)
Welfare (7)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Ultimi commenti:
La Sustain Tax, un ripensament...
25/06/2019  18:00:46
.:: Pietro Armando Ciriminna
Buongiorno,La nostra comunità ...
25/06/2019  12:18:43
.:: Vianello
STAI CERCANDO IL FINANZIAMENTO...
24/06/2019  19:25:05
.:: eddd
GLOBAL SERVICE FINANCE DESIGN ...
24/06/2019  19:24:16
.:: mama
PRESTITO AFFIDABILE SOTTO CONT...
24/06/2019  19:23:20
.:: pder



Titolo



Ci sono 604 persone collegate